WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Sunday June 25th 2017

MASADA n° 1857 31-5-2017 VUOI IL REDDITO MINIMO DI CITTADINANZA?

MASADA n° 1857 31-5-2017 VUOI IL REDDITO MINIMO DI CITTADINANZA?
Blog di Viviana Vivarelli

Il reddito minimo di cittadinanza è un messaggio devastante”.
Renzi
.
Il reddito di cittadinanza garantirebbe una vita dignitosa contro il lavoro povero, favorirebbe l’autodeterminazione, la solidarietà, il diritto all’esistenza.”
Il Manifesto
.
Il reddito di cittadinanza è una trappola contro i poveri
Raoul Kirchmayr. docente di estetica (Espresso)
.
BEPPE GRILLO
Il disegno di legge del Movimento 5 Stelle ha ricevuto la copertura delle Commissioni Bilancio di Senato e Camera e permetterebbe a 9 milioni di cittadini che vivono sotto la soglia di povertà di raggiungere un reddito di almeno 780 euro netti mensili.
Non si tratta di una misura assistenzialista ma di una vera e propria manovra economica che ridà speranza e dignità alle persone e nuova linfa al sistema economico del Paese.
Chi ne usufruirà dovrà seguire un percorso di formazione e reinserimento nel mondo del lavoro, che prevede anche un progetto di impegno settimanale per la collettività.
Il Reddito di Cittadinanza va approvato immediatamente per rendere illegale la povertà e strappare milioni di cittadini dalle grinfie del potere di intermediazione delle mafie e del voto di scambio.

Viviana Vivarelli
Se il M5S non ci salva, siamo davanti a un salto epocale antropologico con una regressione social-politica imponente. Un intero Paese volto all’indietro, dove i vecchi fanno zavorra e i giovani non contano un fico. Nulla somiglia a quanto era giusto o sbagliato nel comportamento umano e sociale del nostro Paese di soli 30 anni fa (Andreotti permettendo). La degradazione è stata abissale.
La speranza è che, come in ogni cambiamento di lungo periodo, prima si vada in basso rispetto al passato, poi si salga facendo un balzo verso l’alto e il M5S quello intende fare. Spesso la storia si è mossa così, come una sinusoide impazzita.
Il grande balzo all’ingiù nasce con Craxi, LA “NUOVA VIA LUNGIMIRANTE”, e la maggioranza dei politici e dei cittadini la segue precipitando nell’abisso.
Il furbissimo B viene poi, con tutto il peso della P2 e del suo impero, a stravolgere quel poco dell’antico modo di fare politica che era sopravvissuto a tangentopoli, e la maggioranza dei politici lo segue a testa bassa. Il berlusconismo, che era sempre stato nei precordi del popolo italiani peggiore, trionfa.
La nuova via e’ “FARE RAZZIA”. Da un cielo ancora più alto e torvo, i grandi burattinai internazionali danno le direttive. I Governi:docili per rubare per i propri interesi e per gli altrui.
Gli italiani, popolo obbediente, disinformato e poco intelligente, segue la moda perversa e la difende. La cleptocrazia ha successo. Se non sei ladro, non vai al potere. Se non hai scheletri dell’armadio e non sei ricattabile, non entri nella grande mafia di Governo.
“L’immagine del nostro paese è talmente compromessa che Cosa Nostra pensa di far causa allo Stato: “Prima, chi pensava all’Italia, pensava alla mafia. Adesso guarda che figura!” (Alessandro Brescia): la mafia è diventata lo Stato. Gli elettori dello zoccolo duro non lo capiscono, non sono diversi dai picciotti, con la stessa ubbidienza cieca e la stessa malafede torbida e oscura.
A breve: “Cambiare l’ormai obsoleto Inno di Mameli col più coerente tema del film “Il Padrino”.
Ma il cielo è sempre è sempre più blu….
.
Non capisco gli astensionisti o i distratti o gli indifferenti o i menefreghisti o quelli chiusi solo nel proprio orticello e che si schifano del resto. Nella Bibbia è scritto: “Dio le pietre fredde e quelle calde le tiene presso di sé ma quelle tiepide le vomita”: Dice proprio così “le vomita”! Non so cosa avrebbe detto degli opportunisti!
Il nuovo partito Pd/Fi in incubazione è esattamente il partito degli opportunisti, quelli che per mantenere una poltrona svendono in modo protervo coscienza, ideologia, valori, Identità, Patria e bene di tutti. Il partito dei traditori. Innanzitutto di se stessi e poi di noi tutti. Eppure il vecchio mondo partitico è fatto prevalentemente di questi, che sopravvivono con inciuci innominabili ed espedienti furbastri.
Il merito massimo del M5S è di aver svegliato tanti dal torpore attivando quella che è una pulsione antichissima e splendida dell’essere umano: LA PARTECIPAZIONE A UN BENE COLLETTIVO, LA VOLONTA’ DI CERCARE IL BENE COMUNE, LA POLITICA COME CURA DISINTERESSATA DEL FUTURO DELLA COMUNITA’. ESSERE UNO PER ESSERE TANTI E PER IL BENE DI TUTTI.
Di fronte a questo anelito non c’è programma elettorale che tenga, non c’è fine politico che regga, non c’è coalizione di interessi che valga.
E’ la resurrezione dello spirito civile, l’elogio dello stare insieme, la gloria del cammino comune, l’apoteosi dell’uomo senza potere che recuperando la propria dignità, la propria socialità, il proprio compito collettivo si erge sopra se stesso, si riconosce nell’altro, prima quello a lui più vicino ma poi su una strada che porta al cittadino del mondo per il bene del mondo.

Siamo in un flusso regressista.
Mi devo esser persa quello progressista.

.
Reddito di cittadinanza, il modello sociale europeo che l’Italia ignora

La sua esistenza spiega molte cose che in Italia vengono riproposte in modo assurdo. Spiega la flessibilità europea (peraltro di gran lunga minore che in Italia), l’assenza in Europa di lavoro nero, l’assenza delle massicce raccomandazioni, spiega anche il fatto che le persone competenti occupino in genere il posto che compete loro (mentre così non è in Italia). Non capisco perché nonostante l’Europa raccomandi dal lontano 1992 all’Italia di introdurre un reddito di cittadinanza questo non succede neanche con la crisi. E soprattutto è incomprensibile che a sinistra nessuno ne parli chiaramente. A chi giova? Certo non agli operai che si danno fuoco, alle famiglie che resteranno senza un reddito, e senza una casa. Il reddito di cittadinanza in tutta Europa per milioni di persone è normale. L’ultima a introdurlo è stata la Francia che lo ha fatto, tuttavia, venti anni fa. Se l’Italia non si confronta mai con gli altri Paesi europei si capisce che non cambia nulla. Per scegliere bisognerebbe conoscere. Sapere che un’altra società non solo è possibile, ma già esiste da diversi decenni, impegnerebbe diversamente le forze politiche, e i sindacati. Questo sarebbe “rivoluzionario”, e sarebbe europeo. L’unico che in Italia sta ponendo con coerenza il problema del reddito di cittadinanza sul modello europeo è Maurizio Landini, ma è un outsider, una scheggia impazzita del sistema.
In Germania non c’è solo l’indennità di disoccupazione ma c’è, come c’è in tutta Europa un altro sussidio illimitato che copre anche l’affitto dell’alloggio. Vi pare poca cosa? Vi sembra un dettaglio trascurabile? Una donna sola e disoccupata con figli ha in Germania dallo stato più di 1800 euro mensili.
Possibile che nessuno ricordi che è dal 1992 che l’Europa raccomanda all’Italia di adottare il reddito di cittadinanza? Possibile che nessuno veda che anche nella famosa lettera della Bce si rinnova al governo italiano l’invito a introdurre i sussidi di disoccupazione sul modello europeo e che la stessa cosa viene ripetuta nelle famose domande di chiarimento dell’Europa?
“Ogni lavoratore della Comunità europea ha diritto ad una protezione sociale adeguata e deve beneficiare, a prescindere dal regime e dalla dimensione dell’impresa in cui lavora, di prestazioni di sicurezza sociale ad un livello sufficiente.
Le persone escluse dal mercato del lavoro, o perché non hanno potuto accedervi o perché non hanno potuto reinserirvisi, e che sono prive di mezzi di sostentamento devono poter beneficiare di prestazioni e di risorse sufficienti adeguate alla loro situazione personale.

Il Parlamento europeo, nella sua risoluzione concernente la lotta contro la povertà nella Comunità europea auspica l’introduzione in tutti gli Stati membri di un reddito minimo garantito, inteso quale fattore d’inserimento nella società dei cittadini più poveri“.

“Il Comitato economico e sociale, nel suo parere del 12 luglio 1989 in merito alla povertà ha anch’esso raccomandato l’introduzione di un minimo sociale, concepito ad un tempo come rete di sicurezza per i poveri e strumento del loro reinserimento sociale”.

E dunque l’Europa raccomanda a tutti gli stati membri:
di riconoscere, nell’ambito d’un dispositivo globale e coerente di lotta all’emarginazione sociale, il diritto fondamentale della persona a risorse e a prestazioni sufficienti per vivere conformemente alla dignità umana e di adeguare di conseguenza, se e per quanto occorra, i propri sistemi di protezione sociale ai principi e agli orientamenti esposti in appresso“.

E questo significa che al reddito minimo garantito si può avere accesso senza limiti di durata, purché il titolare resti in possesso dei requisiti prescritti e nell’intesa che, in concreto, il diritto può essere previsto per periodi limitati, ma rinnovabili

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=CELEX:31992H0441:IT:HTML

In tutti i Paesi dell’Europa questo è realtà. Non in Italia, in Grecia e in Ungheria

Possibile che nessuno abbia capito che quello che manca in Italia è quella sicurezza economica che viene dalla rete dei sussidi che permette alle persone di cambiare lavoro con relativa tranquillità soprattutto da giovani? È questo che si chiama “flessibilità”, non la macelleria sociale che hanno in mente in Italia destra e sinistra.
Liberalizzare significa aprire l’accesso alle professioni senza doversi fare un tessera di partito, pagare tangenti, essere parte di un sistema di potere, di una lobby famigliare, politica, religiosa ecc. Significa che in Italia uno che vuole fare il giornalista o il notaio non debba essere figlio di un giornalista o di un notaio, significa che se vuole aprire un negozio si viene aiutati (come avviene in tutta Europa) e non ostacolati.
Ma veramente nessuno capisce che una cosa è la precarietà con la certezza del reddito e dell’alloggio, e un’altra è la precarietà con il niente?
Ho capito che il reddito minimo garantito è come un punto archimedeo: sembra piccolo, ma in realtà è il punto d’appoggio di due concezioni della società completamente diverse.

Giovanni Perazzoli (Micromega)
.
Beppe Grillo
Oggi Papa Francesco ha parlato dei due temi che sono al centro del dibattito per il futuro del nostro Paese e della nostra civiltà: reddito e lavoro. I piccoli leader in cerca di visibilità e i piccoli giornalisti hanno subito strumentalizzato alcune sue parole a fini politici, ma non si sono soffermati a capire e hanno ascoltato solo quello che pareva a loro. Il Papa ha detto che “Il sistema politico a volte sembra avvantaggiare chi specula e non chi investe”, come dargli torto davanti a un governo che ha abolito l’articolo 18 per rendere più facili i licenziamenti? Ha criticato il gioco d’azzardo, che il governo continua a incentivare in tutti i modi possibili, e la scelta di mantenere negozi aperti 24 ore su 24. Ha detto anche che “l’obiettivo da raggiungere non è il reddito per tutti, ma il lavoro per tutti, perché senza lavoro per tutti non ci sarà dignità per tutti”. La proposta di Reddito di Cittadinanza del MoVimento 5 Stelle va esattamente in questa direzione. Il Reddito di Cittadinanza del MoVimento 5 Stelle garantisce a tutti i cittadini di avere un reddito al di sopra della soglia di povertà e contemporaneamente permette loro di inserirsi o reinserirsi nel mondo del lavoro. L’occupazione è il fine del Reddito di Cittadinanza, ma mentre si raggiunge questo obbiettivo dobbiamo tirare fuori milioni di persone dalla povertà, garantire loro un tenore di vita dignitoso che gli consenta di potersi sfamare e vivere a testa alta all’interno della società. Il Reddito di Cittadinanza che il MoVimento 5 Stelle propone all’Italia è una misura che è presente in tutta Europa, tranne che nel nostro Paese e in Grecia ed è l’unica risposta possibile all’emergenza nazionale che i partiti hanno causato e fanno finta di non vedere: la povertà.
Non è un mistero che il lavoro che dà reddito stia scomparendo a causa dell’avanzata dell’automatismo, della robotica e dell’intelligenza artificiale. Non tenere in conto questo dato, per chiunque si candidi a governare il Paese, è segno di miopia. Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg, nel suo discorso ad Harvard, ha avanzato l’ipotesi di un “reddito di cittadinanza universale, per dare a ognuno un punto d’appoggio per provare a fare cose nuove. Cambieremo lavoro molte volte, quindi abbiamo bisogno di assistenza ai bambini che sia accessibile, per potere andare al lavoro, e di cure sanitarie che non siano legate a un’azienda.” Elon Musk, CEO di Tesla, ha avanzato la stessa proposta a più riprese. Sono due delle persone al mondo che hanno i mezzi più avanzati per avere un’idea precisa del futuro che ci aspetta. Ma adesso la priorità è il Reddito di Cittadinanza come proposto dal MoVimento 5 Stelle: garantiamo alle persone una dignità e aiutiamole a inserirsi o reinserirsi nel mondo del lavoro.

Rosa
Non vi sembra strano che Papa Francesco faccia un simile discorso dopo che Trump è stato in Vaticano e dopo la notizia che Marcegaglia compra l’Ilva? Ma soprattutto dopo la marcia ad Assisi. Deve aver molto infastidito quello che Beppe ha organizzato. Con il reddito di cittadinanza non si fa solo star meglio i bisognosi ma è anche organizzare una parte dello stato sociale.
Gente, GLI VERREBBERO A MANCARE I POVERI ! Questi disgraziati sono una risorsa per la chiesa e per la politica.
Che tristezza! Non ha letto nemmeno la proposta di legge, sentite che cosa dice:
“Un assegno statale mensile che ti faccia portare avanti la famiglia non risolve il problema“, ha detto Bergoglio entrando a gamba tesa nel dibattito politico sul reddito di cittadinanza per il quale lo scorso 9 maggio i Cinque Stelle hanno sfilato ad Assisi definendosi “i francescani di oggi”. “Non bisogna rassegnarsi all’ideologia che sta prendendo piede ovunque, che solo la metà o i due terzi dei lavoratori lavoreranno, gli altri invece mantenuti da un assegno sociale“, ha aggiunto il pontefice. “Senza lavoro per tutti non ci sarà dignità per tutti”.

Viviana Vivarelli

E basta col discorso ripetuto a pappagallo che mancano le coperture per il RMC! Le coperture ci sono eccome. Il M5S le ha indicate esattamente nell’anno della proposta di legge, 19 novembre 2013, e le ha aggiornata poco dopo, e sono state riconosciute valide dalla Corte dei Conti e dalla Ragioneria dello Stato, per cui continuare con questo mantra negativo a oltranza è da sciocchi.
Perché gli stessi che contestano che si possano trovare 19 miliardi per il reddito minimo di cittadinanza non hanno fatto nessuna contestazione sui 23 miliardi che abbiamo regalato alla NATO per nuove guerre, quando la NATO avrebbe dovuto essere cancellata, vista la fine della lotta contro la Russia e visto che non serve certo a debellare l’Isis e che invece è stata rinforzata da Trump, lo stesso che aveva detto che gli USA si sarebbero occupati di più di se stessi e avrebbero smesso di fare guerre al mondo? E perché nessuna contestazione è stata fatta dai nemici dei 5stelle anche per quei 20 miliardi che sono stati sveltamente trovati per salvare le 4 banche fallimentari, specie quella del padre della Boschi? In una situazione congelata e oscurata in cui nessuno dei responsabili delle truffe bancarie è stata punito. Nessuno degli organi di controllo che non ha controllato (Bankitalia o Consob), è stata richiamato ai suoi doveri o biasimata. Nessuna delle orrende leggi pro banche è stata variata. Nessuna commissione parlamentare è stata istituita. Non si sono separate le banche famigliari da quelle di investimento. Si sono fatti pagare i danni (delle truffe o dei crediti facili) ai risparmiatori e ai cittadini, salvando i debitori maggiori, come De Benedetti e Marcegaglia, coprendo col segreto anche la lista dei loro nomi, per “rispetto alla loro privacy”. Ma dove sono in queste situazioni illegali e illegittime coloro che aprono la bocca solo per attaccare le misure per tutelare i poveri in uno Stato che tutela solo i ricchi?
.
Nel 2016 in Italia, si sono “giocati” 95 miliardi, praticamente 260 milioni al giorno tolti alla nostra economia reale; una somma pari al 12% della spesa delle nostre famiglie. Dal 2000 ad oggi siamo diventati il Paese europeo dove si ‘azzarda’ di più. Di un giro d’affari mondiale stimato intorno ai 380 miliardi di €, la parte italiana rappresenta più del 22%. Una enorme tassa sulla povertà.
.
Renzi regala a Sorgenia di De Benedetti gli oneri di urbanizzazione, 22 milioni di €, tanto a noi ci cascano i soldi di tasca.
E dei 600 milioni di Sorgenia da rendere a banca Etruria nemmeno una pallida richiesta, immagino.
.
David Divad
I 16 provvedimenti per le banche dai capaci 🙉 🙉….. ma in 40 mesi di governo manco la legge elettorale sono stati capaci di varare 😩 😩
1) Nel 2013 il primo provvedimento a favore delle banche dal Governo di Enrico Letta, la fiscalità di vantaggio sulla deducibilità delle perdite, passate da 18 anni a 5 anni, valutato da Mediobanca 19,8 miliardi di €; (portato da Renzi ad 1 anno, con ulteriori 3,7 mld di €);
2) Le garanzie sulle obbligazioni tossiche appioppate dalle banche allo Stato per un valore di 161 miliardi di €, che hanno generato esborsi alle banche di affari (Fonte €stat) di 24 miliardi di € dal 2013 al 2016;
3) La pubblica malleva sulla Cassa Depositi e Prestiti per consentire alle banche di pagare i dividendi alle Fondazioni bancarie;
4) La rivalutazione delle quote di Banca d’Italia, da 156.000 € a 7,5 miliardi di € per offrire dividendi pari a 1,060 mld di € alle banche socie, con la durissima battaglia in Parlamento dei portavoce del M5S, espulsi dall’aula perché gridavano ‘onestà’;
5) Il recepimento della direttiva BRRD (bail-in) per l’esproprio criminale del risparmio approvato in Europa all’insaputa del Governatore di Bankitalia Ignazio Visco, del Ministro Pier Carlo Padoan, infine di Vegas (Consob), che ne hanno chiesto la successiva revisione;
6) Il decreto salva-banche del 22 novembre 2015, che ha azzerato i risparmi di una vita a 130.000 famiglie, truffate e prese in giro da Governo e Ministri ostili, che provano odio feroce verso le vittime che reclamano i propri diritti, con manifestazioni, presidi e sit-in;
7) L’esproprio delle case in assenza di 7 rate (portate a 18 dopo le proteste) di mutuo non pagate direttamente dalla banca, senza passare per la legittimità di un giudice terzo;
8) Lo sconto per i trasferimenti immobiliari nell’ambito di vendite giudiziarie con l’imposta di registro, ipotecaria e catastale, non più assoggettata da un’aliquota del 9%, ma nella misura fissa di 200 €;
9) La riforma delle banche popolari (bocciata dal Consiglio di Stato), varata dal governo Renzi nel 2015, in ossequio ai desideri di banche di affari, grandi fondi e finanza internazionale, per mettere le mani sul risparmio degli italiani, rimuovendo gli ostacoli rappresentati dal voto capitario, che intralciava il far west dei mercati senza regole, che si nutrono di denaro dal nulla, di swap e derivati tossici, per alimentare l’avidità della finanza speculativa;
10) Il prestito vitalizio ipotecario a tassi esagerati e ricapitalizzati per sottrarre agli eredi i risparmi immobiliari, costati sacrifici, sudori ad intere generazioni e dure vite di lavoro;
11) La Bad Bank con la garanzia statale sulle cartolarizzazioni dei crediti morosi (la Gacs), concessa alle banche ed altri intermediari, con dotazione iniziale del Tesoro di 120 milioni;
12) La ricapitalizzazione degli interessi, che genera 3,4 miliardi di € l’anno a favore delle banche, disposto dal nuovo art.120 del Tub (Testo Unico Bancario) entrato con legge dello Stato nella prassi bancaria, trionfalmente figurata dalla stampa di regime, come norma che ha determinato “la fine dell’anatocismo”, prima vietato nel 2014 e poi resuscitato a cadenza annuale, in pieno spregio della Giurisprudenza unanime;
13) L’anticipo pensionistico (Ape), la cui concessione di forme creditizie per 43 mesi di anticipo, nasconde l’ennesimo regalo a banche ed assicurazioni, con onerosi costi assicurativi per i richiedenti e ricchi introiti per le banche che non rischiano alcunché. Ipotizzando un tasso del 3%, per una pensione da 1.000 € al mese (con 3 anni e 7 mesi di anticipo), si paga una rata di circa 200 € al mese per 20 anni; per una pensione di 2.500 € al mese, l’utilizzo dell’APE porta la decurtazione del 20% della pensione, con rata di 500 al mese;
14) Il Governo Gentiloni, arrivato a Palazzo Chigi il 12 dicembre 2016 col governo ‘fotocopia’ dopo le dimissioni di Renzi per la dura batosta al referendum JPMorgan del 4 dicembre, non poteva sfatare la tradizione di fedele maggiordomo dei banchieri, infilando ulteriori regali, il primo da 20 miliardi nel Cdm de 19 dicembre 2016, spacciato per decreto “salvarisparmio” per salvare le banche e l’omessa vigilanza di Bankitalia e Consob;
15) Nella ‘manovrina’, per completare l’opera, il secondo ulteriore regalo di sconti fiscali per gli istituti di credito che navigano in cattive acque, camuffate nei parametri di Aiuto alla crescita economica (Ace), meccanismo fiscale nato nel 2012 per premiare gli imprenditori che fanno investimenti attraverso sgravi sugli apporti di capitale effettuati. Ulteriori soldi pubblici (stimati in circa 1,3 mld di €), per favorire banche decotte, che per evitare la bancarotta hanno bisogno di soldi pubblici, come MPS che ha già appostato 891 milioni di € di minori tasse nel prossimo trimestre. Con le Banche Venete che potrebbero usufruire di oltre 400 milioni di € di sconti fiscali, come premialità di vantaggio per i crac addossati a 210 mila famiglie truffate da una gestione criminale del credito e del risparmio.
16) Ultimo regalo, il DDL Concorrenza (oltre al Telemarketing selvaggio ed alla fine del mercato tutelato, per offrire sotto le mentite spoglie della competizione ai predoni elettrici e del gas la minore concorrenza ed un aumento delle bollette sulla luce, circa 42 € l’anno, ben 68 € per il gas, con l’intento di aggiustare i conti delle aziende energetiche a spese dei consumatori domestici e delle piccolissime imprese), apre il mercato dei lavori privati alle società di ingegneria, costituite in forma di società di capitali o cooperative (finora potevano lavorare solo nel pubblico), offrendo alle banche la possibilità di aprirsi le loro società di ingegneria e monopolizzare l’intero mercato delle abitazioni private, in un unico pacchetto (mutuo, assicurazione, agenzia immobiliare, ristrutturazione della casa).
..
COPERTURE REDDITO MINIMO DI CITTADINANZA

Sul RMC Masada ha già risposto più volte:

https://masadaweb.org/2013/11/10/masada-n-1494-10-11-2013-il-reddito-minimo-di-cittadinanza/

Per rispondere alle tante domande che sento ripetere a manetta senza che si ascoltino le risposte, prendo questa volta dei POST da Il Fatto Quotidiano in risposta ad una articolo del vicedirettore Stefano Fltri, negativo contro il M5S.

(RMC = Reddito Minimo di Cittadinanza)

Viviana
Chi dice che Il fatto Quotidiano è a favore del M5S sbaglia. Non lo sono Gomez e Padellaro, e il vicedirettore Stefano Feltri lo ha veramente in antipatia pregiudiziale. Oggi attacca il RMC dicendo varie sciocchezze in cui prova disinformazione e malafede, difetti inaccettabili per un vicedirettore.
La prima è che la proposta di 5stelle è rimasta invariata da 4 anni (non lo sa che ne è stata fatta un’altra?), la seconda è che il programma di governo è vago (non sa nulla dei punti dettagliati esposti e votati dalla base? Gli risulta che i programmi degli altri partiti siano altrettanto precisi?) ed è inattuabile (e perché poi, visto che il RMC è stato attuato in tutti i Paesi europei meno Italia a Grecia?). Avanza dubbi su come trovare i 20 mld di copertura (e allora come sono stati trovati 23 mld per le banche e 24 per la NATO?).
Parla di 2,5 mld chiesti centralizzando gli acquisti (ci sarebbe un rischio di corruzione come adesso) mentre si è chiesto di fare un listino di prezzi pubblici su base nazionale e non un centro unico di appalti. Ignora che Grillo ha parlato di patrimoniale, cioè di redistribuzione fiscale più equa. Ripete, come B, che se si tassano di più i ricchi aumenterò solo l’evasione (gli sembra che là dove questo avviene si vada peggio?). Contro il RMC dice delle stupidità che spesso si sentono da parte di chi del M5S non sa nulla: che se si prendono 780 € lavorando, nessuno vorrà più lavorare. “ci sarà sicuramente chi perderà il RMC se rifiuta un’offerta a 200 km di distanza o un ingegnere che si indigna se costretto ad accettare un posto da addetto alle pulizie” (e perché poi uno dovrebbe essere costretto a questi ricatti?). Considera la promessa del RMC una boutade in quanto il M5S non può provarla non essendo mai arrivato al potere (ignora che il RMC è stato già applicato in sede locale con ottimi risultati?)
Le obiezioni dei lettori sono interessanti:

-Il RMC esiste già in vari paesi dove probabilmente all’inizio avevano gli stessi dubbi. Basta copiare. I soldi ci sono, vanno solo presi dove sono e redistribuiti. La proposta del M5S è solo il tentativo di dare una soluzione .Quella del lavoro per tutti, suggerita da Renzi è più falsa e meno percorribile in quanto il lavoro sta scomparendo, e più saremo flessibili e competitivi, meno ce ne sarà e più verrà sottopagato. Dunque c’è la necessità imprescindibile di trasferire denaro alle classi meno abbienti. Altrimenti salta il sistema.

-A parte il fatto che se c’è la volontà, i denari si trovano sempre. 20 mld per salvare le banche non sono usciti dall’uovo di Pasqua (come 24 mld dati alla NATO); a parte il fatto che nei paesi europei in cui vige il reddito di cittadinanza i cittadini continuano a lavorare, eccome se lavorano !!! tant’e`vero che la disoccupazione è un terzo di quella italiana (vedere Inghilterra-Germania) e ciò accade perché il RMC mette in circolo un cospicuo flusso di denaro che a sua volta crea lavoro e occupazione, oltre a garantire un minimo di sicurezza sociale; a parte il fatto che è da 7 anni che l’Europa ci chiede di garantire il reddito di RMC…il RMC ce l’abbiamo già dentro casa nostra, in Lombardia è in vigore dal 2015 e funziona benissimo.

– Ma seriamente questo è il vicedirettore del FQ ? Informatelo che è stato presentato un aggiornamento un anno e mezzo fa con nuove coperture e più “esteso” rispetto al primo.

-20 mld sono meno di un terzo di quanto la corruzione politica (70 mld ogni anno) ruba ogni anno al paese. Rendere la prescrizione simile a quella degli altri stati europei, creare team di PM che indagano sui sistemi illegali formati dalla politica e dalla criminalità organizzata, leggi ad hoc e maggiori mezzi alla magistratura per snellire i processi con un uso allargato delle intercettazioni, sarebbero già un passo in avanti nell’obiettivo di dimezzare la corruzione in Italia e trovare i soldi anche per il reddito di cittadinanza.

-Vago il programma del M5S??? Ci spieghi allora, caro Feltri, il livello dei programmi di governo dei partiti che governano oggi e hanno governato in passato.

-Un governo a guida M5S dovrà apportare significative modifiche alla macchina dello Stato. In primis i centri per l’impiego dovranno cominciare a funzionare procurando lavoro a chiunque, ventenne o cinquantenne, quindi non ci dovranno più essere le odiose discriminazioni in base all’età esistenti allo stato attuale, andrà applicata una tassa patrimoniale del 2/3% sulle rendite mobiliari e immobiliari superiori a euro 500.000 , l’Imu sulla prima casa dovrà essere pagata da chi possiede un immobile con una rendita catastale superiore a euro 1000, chi riceverà un offerta di lavoro non potrà rifiutarla per più di 3 volte pena la perdita dell’assegno di sussistenza, chi oltre a percepire il reddito garantito dovesse percepire anche un reddito ” in nero ” perderà ovviamente la possibilità di usufruire del reddito garantito e dovrà scontare obbligatoriamente due anni di carcere inflitti da un Giudice Monocratico senza possibilità di ricorrere né in Appello né in Cassazione, solo così l’Italia potrà diventare un Paese finalmente serio e normale come gli altri Paesi civilizzati, tutto il resto è noia .

– Forse Feltri non ha seguito tutti gli interventi (Di Battista, Di Maio) sul reddito di cittadinanza, si è sempre detto che viene dato a fronte di una attività lavorativa sociale con partecipazione a corsi di formazione per un buon numero di ore, per cui si ha interesse a lavorare normalmente e non accettare lavori sottopagati 40-50 ore la settimana a 600 – 700 euro al mese ecc

-la proposta del Movimento vorrebbe introdurre in Italia qualcosa che è già presente da decenni in tutti i Paesi avanzati. Certo, ci vuole serietà, ma si può fare. Finora, in Italia, si è lasciato alla famiglia il compito di “ammortizzatore sociale”: ma se questa famiglia non c’è?
Uno Stato che voglia essere moderno e civile non può abbandonare i suoi poveri. Inoltre, la proposta favorirebbe il reinserimento lavorativo dei disoccupati ed un migliore utilizzo degli esistenti centri per l’impiego.

-Egregio dr Feltri, se vogliamo recuperare un bel po’ di quattrini: VIA dall’Afghanistan immediatamente! In 15 anni mi pare sia cambiato ben poco: i talebani dovrebbero essere scomparsi e invece continuano ad ammazzare, le donne dovrebbero essere libere dallo Shador integrale e invece .., i giornali riportano che è aumentata la produzione di oppio. Che ci stiamo a fare? Tra l’altro come NATO e non come ONU. L’insieme della Difesa Italiana dovrebbe costare 23 mld, ma costerà almeno il triplo. Ecco dove si spendono i denari e da dove si potrebbero recuperare!

-Caro Feltri , lei ha ragione, ci sono aspetti che vanno definiti meglio, però la proposta (17 mld) ha già ricevuto l’assenso dalla Corte dei Conti, quindi c’è già il riscontro positivo dell’ente incaricato di valutare la sostenibilità della legge stessa. A che serve continuare a dubitarne?

-Sai cos’è Feltri? E’ che nessuno in Italia si mette a tavolino con i 5stelle per esaminare seriamente le proposte e dare un indirizzo per legiferare insieme. Fanno volare stracci e cattiva propaganda, alzano un polverone perché sanno che la cosa andrebbe a ficcare il naso in tutto il malaffare e le pessime gestioni precedenti estendendosi a macchia d’olio. Occorrono nuovi settori innovativi (biotecnologie, energie alternative, microtecnologie ecc), occorrono infrastrutture efficaci ed efficienti, una pressione fiscale dimezzata, un sistema burocratico trasparente e snello, ecc., redditi minimi garantiti.

-La Ragioneria di Stato a già messo il timbro sulle coperture da anni e l’Istat ha parlato di solo 20 mld l’anno di costo. Del resto la proposta del M5s esiste in tutta Europa.
Ormai non sapete più che inventarvi per fermare il m5s.

-Le coperture? L’Italia ha la pressione fiscale più alta d’Europa Gli altri Paesi i soldi li hanno trovati perché l’Italia non li trova i soldi? Possibile che nessuno abbia notato che anche nella famosa lettera della Bce si rinnova al governo italiano l’invito a introdurre il RMC sul modello europeo e la stessa cosa viene ripetuta nelle famose domande di chiarimento dell’Europa? Nessuno ha spiegato bene che dopo l’indennità di disoccupazione in Germania e in tutta Europa c’è un altro sussidio, che è illimitato (ovvero limitato solo dalla pensione e, ovviamente, da una nuova eventuale occupazione) e che copre anche l’affitto dell’alloggio? Una donna sola, disoccupata e con figli ha in Germania dallo Stato più di 1800 euro mensili.

– Chi ha pensato al minimo reddito garantito lo ha pensato in funzione di una forte sburocratizzazione e di una diminuzione delle spese dello Stato. Sparirebbe pure L’INPS, a quel punto tutte le pensioni sarebbero integrative, pensioni sociali, d’invalidità ecc addio.
La vera domanda è che Stato vogliamo.

-Nessun governo ha mai pianificato una cosa del genere e altre iniziative dei soliti partiti sono sempre state così generiche e superficiali da risultare mance elettorali e niente altro .
Quindi, chi ha delle idee a proposito si spenda per aiutare i 5stelle a migliorare il proprio programma, e ricordiamoci che non è un partito ma un Movimento composto dai Cittadini.

-Posto che ridurre il programma del M5S alla sola realizzazione del reddito di cittadinanza mi pare abbastanza riduttivo (basta andarsi a guardare tutto il lavoro che si sta facendo in questi mesi sulla realizzazione del programma di Governo) dal 2013 ad oggi di fatto le esigenze degli italiani non sono affatto cambiate, il numero di poveri non è sceso, il numero dei disoccupati nei fatti nemmeno per non parlare dei dati economici che fotografano un paese che arranca e che cresce mediamente meno della metà della media europea se non si capisce che in questo paese occorra necessariamente una manovra espansiva ( in cui il discorso del reddito di cittadinanza può essere tranquillamente considerato come tale) per far riprendere almeno ad un livello di decenza i consumi e quindi la produzione industriale non se ne esce abbiano già visto che manovre spot come quelle di Letta e Renzi sugli incentivi alle imprese e allo sgravio fiscale (sull’es. prodiano) non hanno minimamente scalfito il problema della crescita economica anzi hanno incentivato gli imprenditori a disfarsi dei dipendenti “superflui”.

-Quindi? Lasciamo tutto così com’è? Così il fine non è più il RMC ma diventa la povertà e l’ingegnere deve rimanere a casa dei genitori a vivere con la loro pensione? E poi che dire degli ultracinquantenni senza lavoro? Quando mai lo trovano un lavoro da 780 euro? Che devono fare? Morire? Chi tra i giovani si accontenterebbe di fare una vita con un reddito che a malapena gli consentirebbe di sopravvivere? Secondo queste idee allora un giovane si accontenterebbe di vivere così o sarebbe incentivato a trovare qualcosa di meglio?
Domandiamoci invece cosa succederà il giorno in cui questa “forza” senza lavoro sarà pari o maggiore a quella lavoratrice perché di questo passo ci stiamo arrivando

-se rapportiamo l’inesperienza ed il tralasciare determinate questioni rispetto a ciò che viene oggi svolto dai governi che si susseguono ed ognuno pare la fotocopia del precedente nel senso che niente è stato fatto in passato e niente oggi, allora non trovo il filo del rapporto. Vede Feltri, io sarò anche un emerito zuccone in economia ma mi pare che chi sta e stava al governo ne sappia ancora meno e allora mi domando: in che cosa differisce il programma del M5S per farle così schifo?

-Il reddito di cittadinanza serve quando uno Stato non è in grado di garantire la sopravvivenza! Feltri resettati! Fossero anche 50 o 100 i mld da spendere sarebbero i miglior spesi! Parlai di costi ma non dei benefici! Vicedirettore de che? Vai a studiare!

-Le coperture ci sono – come certificato dalla Ragioneria di Stato, non dai 5 Stelle – e dal momento che il Reddito di Cittadinanza è una misura necessaria e si farà, non ha senso ridiscutere continuamente le coperture finché non arriva il momento di legiferare Per giunta questa dev’essere la prima volta nella storia in cui i giornali si interessano alle coperture: nessuno era curioso infatti di sapere da dove si prendono i soldi per salvare le banche, per comprare gli imprescindibili F35, per fare la TAV o il ponte sullo stretto di Messina, o per l’ultima colossale sparata sui vaccini (o per i 24 mld regalato alla Nato per fare altre guerre o per i 15 mld spesi nei fallaci F35). Un’altra svista colossale quando si parla di questa misura è di ignorare completamente l’indotto. Perché, per quanto costoso, il Reddito di Cittadinanza non è un appalto che alimenta un privato: è una distribuzione di reddito a coloro che non ne hanno uno. E che quindi nel momento stesso in cui lo ricevono lo andranno a spendere fino all’ultimo centesimo, alimentando il prelievo fiscale e lo stesso mercato del lavoro che li deve riassorbire.

-In altri paesi esistono forme di sostegno al reddito di persone disagiate. Sono cosa diversa dall’assegno di disoccupazione. Vengono erogate a chi non ha depositi bancari o altri risparmi, a chi non ha redditi, e a chi possiede al più un solo immobile di modesto valore adibito ad abitazione principale. L’assegno è di modesta entità e chi lo riceve deve accettare qualsiasi tipo di lavoro. Pena perdita del beneficio. Se gli altri paesi europei riescono a fare ciò, lo può fare anche l’Italia.

-L’Italia è l’unico paese europeo senza reddito di cittadinanza. Per prevenire i prevedibili abusi di un paese poco civile basta mettere sanzioni efficienti e certe. Entrambe servono per civilizzarlo.

-Da qualche parte bisogna comunque incominciare. Finora la Lobby bancaria ha finanziato grandi imprenditori come De Benedetti o individui spregevoli come Verdini. In entrambi i casi (e non sono certo gli unici), le Banche hanno perso una valanga di soldi. Domanda: se invece di cederli a quei luridi individui, tutti quei finanziamenti fossero stati nel corso degli anni utilizzati per garantire il RdC, cosa sarebbe potuto succedere? E’ presto detto: ci si sarebbe avviati verso un processo evolutivo (al contrario di quello pduino che è involutivo) Perché con il RdC, i soggetti avrebbero acquistato merci ->determinando aumento di produzione ->assunzioni -> altra gente con soldi che compra e risparmia. Già perché, la gente ritornerebbe a mettere in banca una parte dei soldi. Quindi alla fine anche il sistema bancario avrebbe da guadagnarci. Se solo accettasse di perseguire questa via, invece che quella piduina dell’aiuto ”agli amici degli amici”…

-Come risolverebbe Feltri il problema dei 10 milioni di poveri? Non mi dica con la crescita, vaghezza che fa ridere.

-Si è trattato di una manovra di riduzione fiscale con componente redistributiva. Che senso ha paragonarla ad una norma assistenzialista? Al massimo un confronto potrebbe riguardare un’ipotetica manovra alternativa di sgravi fiscali alle imprese.

-Perché non chiamarlo salario minimo garantito? Perché un salario minimo garantito va a chi il lavoro ce l’ha, mentre il nostro problema è l’enorme disoccupazione che tiene al palo i consumi e, di conseguenza, la crescita. Chi non lavora non spende. Chi non spende non fa fare profitti alle imprese. Le imprese che non fanno profitti non assumono (anzi, spesso licenziano) Dunque il numero di persone che non lavorano cresce, e si ricomincia.

– Che vi piaccia o no, le coperture del RdC sono state validate dalla Ragioneria di Stato, dando per scontato che non serva una doppia bollinatura da parte dell’articolista, oggi siamo oltre ! Siamo ad attendere una calendarizzazione del provvedimento per una discussione politica in aula Cosa che evidentemente il PD non vuole poiché calerebbe la maschera, rivelando una precisa volontà politica di negare il RdC perché ciò avrebbe un’enorme ritorno politico per il M5S, in quanto i beneficiari farebbero parte di quella classe sociale bassa, che il PD ha perso da tempo e che non recupererebbe neppure avallando il RdC. Quindi una mera speculazione, una strumentalizzazione politica meschina fatta sulla pelle dei poveri e degli emarginati, che invece vedono il M5S come ultima spiaggia

-Ora, appurato che il lavoro non c’è, e questo perché i consumi interni sono crollati concorrendo per l’80% del pil, ora, come si intendono incrementare i consumi se i potenziali consumatori ossia i poveri e i disoccupati non hanno reddito?
I consumi si incrementano in un solo modo, cosa che ripetono gli economisti non di fede liberista: Mettendo più soldi in tasca ai cittadini
Come extrema ratio, esistono i capitoli di spesa e le priorità di spesa da invertire, si potrebbe in alternativa dismettere gli aiuti alle aziende diretti e indiretti che ci costano decine e decine di mld all’anno, che servono solo a garantire i loro profitti e non a creare posti di lavoro perché mancano i consumatori, dirottandoli invece su coloro che non hanno reddito trasformandoli alla pari in altrettanti consumatori
Ciò aumenterebbe il pil all’istante, sortirebbe un ritorno fiscale dimezzando la spesa iniziale, e innescherebbe un giro virtuoso tra maggiori consumi con richiesta di personale, abbassando ulteriormente la richiesta di assistenzialismo
Solo chi è in malafede può sostenere che adottando sempre le stesse politiche, esse possano sortire risultati differenti dai precedenti
Serve un cambio di mentalità

-Ma perché nessuno fa notare che tutti questi soldi andrebbero ad alimentare il mercato interno, l’acquisto di cibo, beni e servizi, producendo quello shock economico di cui avremmo tanto bisogno per ripartire? Quanto rientrerebbe di tasse ? Insomma, tanti argomenti sottostimati, forse per precisa volontà, ma spero di no

-Considerando che gli “esperti” di economia danno solo bonus senza risultati, se non accaparramento di voti, e che il paese è ancora fermo al 1992 e continua ad indietreggiare in tema di diritti e crescita, sembra che con le idee del 2013, m5s, possa essere considerato futurista. E lei Feltri, considera realmente un male l’idea degli stati sovrani che non siano schiavi dell’economia di mercato ? Stranamente , in molti paesi del mondo, la sovranità e la libertà di creare debito pubblico, idea sostenuta da tantissimi economisti, sembra funzionare Perché non dovrebbe farlo in Europa, unica parte del mondo dominata dalle idee del flusso dei capitali e schiavi dell’economia tedesca ? Troppo poco spazio per ripetere e ribadire la fallacia dei suoi ragionamenti

-Andare ad analizzare nei dettagli la proposta RDC del M5S significherebbe dover abbattere le sacche di spesa nei bacini elettorali e malgestioni di diverse cause Sarebbe per loro come spararsi sui gioielli di famiglia. Lo hanno sempre fatto solo che si pagava in lire, adesso ci vogliono gli eurO e bisogna darli a dei privati. Hanno trovato a debito 20 mld per le banche ma non hanno ridotto una sola pensione d’oro, come puoi pensare che questa gente possa unirsi onestamente al M5S per fare un serio reddito di cittadinanza?

-ma se in tutti gli altri paesi esiste possibile ma che noi italiani siamo dei geni in economia e loro degli incapaci fessachiotti ? se siamo cosi geni in economia perché le agenzie di rating ci declassano e bocciano ? copiare le azioni di successo degli altri è cosa cosi difficile ? le coperture sono delle autentiche fesserie per incantare i gonzi
tutta la politica è fatta di scelte nel destinare le risorse fiscali
investire qui piuttosto che per banche imu bonus vari una tantum 80 euro bebe giovani f 35 ecc le coperture sono state trovate anche se iva e debito aumentano nel silenzio generale
più che le coperture macroeconomicamente è o non è di successo come volano dell’economia ?
boeri fornero bagnai gli ho sentito dire di si potrebbe essere utile come misura insieme con altre misure
per lei feltri macroeconomicamente è misura utile ?

-manca solo la VOLONTA’ di volerla attuare
boeri la stessa fornero e molti esponenti del pd sanno che potrebbe essere utile ma politicamente non vogliono darla vinta ai 5 stelle andando contro
interesse nazionale per meri calcoli politici
per aiutare gli amici banchieri petrolieri e di confiNdustria si sbattono alla grande che piaccia o meno e’ una scelta

-Io mi baso su quello che il PD ha “FATTO” PER ANNI La rovina socioeconomica di un Paese Per non parlare del centro destra. Attaccate il M5S su cose forse dette o pensate o in qualche discussa intenzione, e vi volete tenere chi i misfatti li ha già compiuti e perpetrati in anni di potere. Ultima la notizia di oggi della volontà di reintegro dei voucher, bella mossa scorretta in pieno stile renziano. Prima li tolgono per cancellare un referendum che avrebbero (anche quello) perso e poi li reintegrano. Ma chi dovremo votare secondo te la prossima volta? Salvini ? Volete affossare i 5stelle prima che governino per tenerci invece il marcio che è già sotto gli occhi di tutti da decenni ?

-Le obiezioni sono legittime ma non giustificate
1: le copertura si troverà tagliando spese militari ( si sono appena dati 23 Mld alla NATO), eliminando sprechi e tassa di il gioco d’azzardo. Le fonti per coprire il reddito di cittadinanza sono molte e se ne potranno trovare altre al momento.
2: il reddito dura al massimo 3 anni quindi solo questo è un incentivo a darti da fare
3: se menti per avere il reddito rischi anche la galera. Ne vale la pena per meno di 9000 euro l’anno?
4: anche un lavoratore dipendente potrebbe accettare un lavoro in nero per non perdere il RDC ma rischierebbe uguale la galera
5: già dai primi mesi si creerà un circuito virtuoso che auto sosterrà il RDC
6: il RDC sostituirà o eliminerà altre forme di welfare come Naspi o cassa integrazione, le cui coperture esistono già
7: se il lavoratore non sarà più ricattabile, i salari saliranno e dato che tutti vogliono un iPhone o in TV 55 pollici, tutti lavoreranno per avere quello che il RDC “non permette”

-Il sussidio di disoccupazione non è un diritto, devi stare entro certi parametri per poterlo ottenere, se lavori coi voucher niente, se non hai mai lavorato niente, se sei una partita iva niente, ecc. Il RDC è un diritto per tutti quelli che non ce la fanno. Dura 3 anni. Devi svolgere lavori socialmente utili. Devi attivarti per trovare lavoro. Devi accettare il lavoro che ti viene proposto o perdi il diritto al reddito

-E’ quando ti leggo, Feltri, che capisco che l’università a certi non serve a nulla! Ma come cavolo ti ritrovi ad essere vicedirettore? COME?
Tranne la Grecia c’è in tutti i paesi d’Europa e non solo! Gli altri come fanno? Spiegamelo!

-Persino Elon Musk prevede che nella società umana il reddito di cittadinanza sarà indispensabile per l’avvento dei robot e nuove tecnologie, tutto sempre in direzione di una economia sostenibile Detto questo, lo sai che 2 giorni fa è morto Jacque Fresco (101 anni, genio fondatore del “Venus Project”), nessuno ne ha dato notizia se non lo conosci già vatti studiare le sue teorie (fondamenta del “Zeitgeist Movement” per una economia sostenibile) Un articolo su la sua morte potrebbe aiutare molto il dibattito anche sul reddito di cittadinanza.

– Di questo si tratta, sostituire i vecchi ammortizzatori sociali (cassa integrazione, disoccupazione, ecc) che regalavano soldi in cambio di NULLA. Il reddito di cittadinanza, strumento già adottato in molti paesi europei, garantisce un reddito minimo in cambio di un po’ del proprio tempo per svolgere un lavoro utile (ne puoi rifiutare uno, due, al terzo rifiuto ti viene tolto il reddito) e un percorso di formazione obbligatorio per essere introdotti (o re-introdotti) nel mondo del lavoro. Capisco che a molta gente faccia paura, io invece non vedo l’ora, perché mi sono rotto di vedere gente a casa che non fa una beata minchia in “ferie” pagate con i soldi delle tasse di chi come me si alza presto tutti i santi giorni per andare a lavorare, avete idea di quanto si spende per tutti questi ammortizzatori sociali??

-La classe politica PD è fotocopia di Forza Italia, una massa di incompetenti raccomandati alla ricerca di potere (Boschi, Madia, Carbone, Migliore, Romano, Picierno per nominarne alcuni), tra l’altro messi al potere grazie a Berlusconi, quindi un proseguimento dello stesso. Sono stati al governo in un periodo economico favorevole (tesoretto Monti, tassi d’interesse bassi di Draghi) e che cosa hanno dimostrato di saper fare? Il nulla e solo demagogia da 80 euro mentre tutti gli altri stati Europei sono cresciuti. Hanno dimostrato palesemente che sono inadatti a governare. E’ arrivata l’ora di vedere al governo il M5S, mettiamoli alla prova e poi giudichiamo, tanto peggio di così non possiamo andare

-egregio giornalista, ci sono proposte di legge che rimangono nel cassetto per decenni in Parlamento, perché non esiste la volontà politica di approvarle. Il Reddito di cittadinanza non trova consenso perché i partiti non vogliono aiutare il M5S ad avere più consenso, quindi se ne fregano della povertà e di chi non lavora. La Ragioneria dello Stato ne sa più di lei, approvando il Reddito di Cittadinanza e ritenendo le coperture valide. Studi di più, invece di buttare fango sull’unica possibilità di cambiamento politico e culturale del Paese!

-Ricordiamoci che anche una misura “semplice” come gli 80€ ha creato buchi di bilancio con situazioni paradossali, tipo doverli restituire un anno dopo in un’unica soluzione. Peggio ancora è stato il relativo fallimento del Jobs Act .Tutto ciò stranamente non determina, da parte degli organi di stampa un eguale e ovvio giudizio di pressapochezza e dilettantismo per il PD.
.
Siamo il terzo Paese per debito pubblico del mondo e i mille giorni di Renzi lo hanno aumentato di 125 mld (mentre in Germania per es. è diminuito di 240 mld mentre è aumentato il PIL), nessun Governo ha fatto peggio e per giunta il suo spreco di denaro in regali e bonus non ha avuto nessun risultato positivo. Il fallimento di uno Stato europeo avrebbe senso se ne avesse il fallimento degli Stati uniti. Gli Stati Uniti hanno un debito pubblico di quasi 20.000 dollari, il Giappone di 10.557 mld. Ma per loro nessuno parla di fallimento. E’ il vantaggio di non appartenere all’Ue. Tuttavia anche il pericolo di fallimento per uno Stato dell’Ue è solo uno spauracchio: se un Paese membro fallisse, crollerebbe tutta l’Unione.
..
Il Pd ormai è schizofrenico. La manifestazione a Milano pro migranti non solo sta sulla linea di oscuramento delle ONG sospette per salvare il Governo (ma Soros allora che ci è andato a fare da Mattarella?), non solo tenta di rifare una verginità a un partito che continua dopo 17 anni ad applicare una legge infame come la Bossi-Fini, non solo cerca di mostrare quanto il Pd sia caritatevole e sensibile alle sofferenze dei poveri, proprio mentre rifiuta il reddito minimo di cittadinanza, taglia lo stato sociale e si accinge ora ad aumentare le tasse, non solo il Pd non fa nulla a livello europeo per cambiare il Patto di Dublino che obbliga un Paese a tenersi i propri migranti senza redistribuzione europea, ma questa manifestazione di Milano che vede le autorità presenti a scopi elettorali fa proprio a pugni col decreto della Lorenzin sui 12 vaccini obbligatori che penalizzerebbe proprio i figli dei migranti, che verosimilmente non sarebbero in grado di provare i vaccini né di pagarli se fossero a pagamento. Insomma le cose che il Pd fa non stanno insieme.
Nessun media offre informazioni sui vaccini. Nessuno dice quanto costano, chi paga e che danno possono avere. Non è affatto vero che il M5S ha calato le braghe sul decreto vaccini. Da una parte c’è un’opinione pubblica disinformata che li vuole perchè non ha nemmeno capito quanto li dovrà pagare o quali danni possono procurare, dall’altra associazioni, movimenti di cittadini e medici che hanno dato battaglia.
Di Battista si è detto cauto, ha chiesto che si levasse l’obbligatorietà e si aumentasse l’informazione così come avviene nei 15 più civili Paesi europei.
L’obbligatorietà è un atto dittatoriale che ha suscitato molti malumori, non per niente non c’è un Paese al mondo che imponga così tanti vaccini, per cui, anche se la tv non ne parla, il Pd si deve essere accorto che questo decreto generava troppe resistenze. Così al momento non è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale e, se anche poi fosse pubblicato, la Costituzione richiede che entro 60 giorni sia convertito in legge, previa discussione parlamentare,o decada. Ma una discussione parlamentare dovrebbe per forza finire sui giornali, scatenerebbe un casino e Renzi, ora, se lo può permettere?
Il decreto contiene troppi rilievi incostituzionali per cui la mia speranza è che venga ritirato.
Ci sono al momento fin troppe contestazioni al Pd e la faccenda degli appalti Consip con attacchi a persone vicine a Renzi ha già fatto perdere alcuni milioni di elettori. Se saltasse fuori qualche sospetto che le società farmaceutiche hanno pagato fior di mazzette per avere questo regalo dalla Lorenzin, per il Pd sarebbe la fine e in questo momento preelettorale Renzi un altro scandalo non se lo può permettere. Il Pd ha tentato il completo asservimento dei media a Renzi ma il 100% non sarà mai raggiunto, restano giornalisti come Marco Lillo o Sigfrido Ranucci che si butterebbero sulla notizia. Ranucci ha già fatto uno scoop sui farmaci omeopatici e non starebbe indifferente se filtrasse la voce che l’affare dei vaccini è anche peggio. Del resto chi ha saputo fare mercato degli appalti pubblici non è verosimile che si sia tirato indietro di fronte ai mld in gioco coi vaccini. Ma l’affare vaccini è troppo scottante perché Renzi lo butti in campo. Se è furbo lo oscurerà.

Assisi. M5S, Grillo: “Per il reddito di cittadinanza i soldi ci sono (17 mld, riconosciuti dalla Corte dei Conti con risorse riconosciuto persino da Sole24 ore di Confindustruia) ma esso non varrà per gli immigrati anche se regolari”.

Domanda: Per gli immigrati, regolari o no, c’è qualcosa che quelli che hanno sfilato a Milano intendono fare concretamente o fanno solo chiacchiere e manifestazioni di sola immagine a scopi elettorali? Ai fatti, il Pd, come Fi, continuano a tenere quella orrenda legge Bossi-Fini che da 17 anni non realizza nessuna accoglienza civile (basti pensare che a Berlino per decidere se un migrante ha diritto o no ad essere accolto ci mettono 2 ore e a Bologna un anno per fare gli interessi finanziari dei gestori dei CPT), una legge malfatta che nemmeno frena il flusso incontrollato dei migranti, mentre in pratica a livello europeo non è mai stato fatto nulla per cambiare il famoso Trattato di Dublino che stabilisce che “la responsabilità dell’asilo è del Paese di primo sbarco. Ovvero: chi arriva in Italia tocca all’Italia”. E l?Europa se ne frega. Nemmeno Renzi nel suo semestre di Presidenza europea fece qualcosa per distribuire il flussi, anzi non toccò nemmeno l’argomento. E ora tutto questo fervore di accoglienza? E tutto questo presenzialismo di massime cariche a Milano? Le stesse che finora a livello legislativo non hanno fatto nulla e hanno mancato gravemente nel controllo di chi gestisce i Centri di Permanenza Temporanea, quelli dove i migranti sono chiusi per tempi infiniti e dove si dà il cibo dei maiali !!! Le stesse dove i soldi del Governo sono spartiti tra preti e mafia!! Ma con che faccia??
.
Il Reddito minimo di cittadinanza ci è stato richiesto espressamente dall’Europa dal 1992, cioè ci viene richiesto in modo pressante da ben 25 anni. La protervia dei nostri politici nel volerlo negare ad ogni costo ha qualcosa di demoniaco e dimostra tutto il loro menefreghismo nei confronti della miseria, una miseria, che grazie alle loro politiche dissennate non sta diminuendo ma sta aumentando. Che vi sia ancora chi nutre speranze nelle loro scelte, dopo il fallimenti sistematico e progressivo di tutte le loro riforme, è un mistero tutto italiano.
Solo il nostro Paese, insieme alla Grecia, non si è adeguato alla richiesta di Bruxelles sul sostegno pubblico ai disoccupati. E Italia e Grecia, non a caso, sono quelli che in Europa hanno la ripresa minore, l’Italia addirittura peggio della Grecia.
Ricordiamo che alle ultime politiche TUTTI i partiti promisero ipocritamente il reddito minino di cittadinanza: Pd (500 € al mese), Sel (600), per rimangiarsi poi le promesse al momento del voto in parlamento.
Visto che ora persino la Grecia ha avviato un progetto pilota sul reddito minimo garantito, l’Italia rischia di essere l’unico Paese europeo che calpesta i propri poveri.
Tuttavia abbiamo delle introduzioni locali:
-in Emilia-Romagna da 80 a 400 € per chi sta sotto i 3000 € annuali
-a Livorno da 100 a 300 € per chi è sotto i 6.350 €
-a Ragusa, da 100 a 400 € a chi è sotto i 3000 €
-a Trento, fino a 950 € per chi ha meno di 6.500
-In Friuli-Venezia Giulia 550 € per chi ha meno di 6000 €
-a Bari, 450 € per chi ha meno di 3000
-in Puglia, 600 € per chi ha meno di 3000 €
.
Vincent
Il lavoro implicava avere un reddito. Oggi e domani futuro prossimo, anche il lavoro piano piano andrà sempre di più scomparendo, sostituito dai mezzi tecnologici e robotica favorita direttamente dalla concentrazione del CAPITALE (mezzi finanziari) in pochi umanoidi. Capitale che diventerà sempre di più aggressivo nei confronti della “forza lavoro in espansione, favorita dalla crescita inarrestabile demografica”. La domanda che occorre porci è come sarà il futuro dell’essere umano?. Il modello economico attuale basato sul liberismo selvaggio attuale è quello di chi riesce a “produrre sempre di più e a prezzi più bassi” e si sviluppa economicamente ed in quei paesi “competitivi a livello globale dove ci sarà una disoccupazione programmata dal capitale”, ed una miseria per i senza lavoro con conseguente emarginazione sociale.
In tutti gli altri paesi con produzioni a costi crescenti sarà “miseria nera”, quindi non è difficile prefigurarsi il prossimo futuro con masse sempre più numerose di poveri ed emarginati.
Il modello capitalistico è di fatto fallito, e sarà sempre di più fallimentare con conseguenze sempre più disastrose, migrazioni e guerre.
Il fallimento sta nei fatti e trovare un lavoro per tutti è “UN’UTOPIA” realizzabile soltanto se, e soltanto se, l’essere umano accetta di riconvertirsi attraverso il lavoro, nell’arco della sua esistenza, in una flessibilità continua accettando il progressivo cambiamento in peggio”. Altrimenti c’è il baratro delle vecchie teorie, di cui la storia passata del genere umano ci insegna gli esiti.
.
Salvatore Cuozzo
Prima delle selvagge PRIVATIZZAZIONI di Enti e Aziende pubbliche (Poste, Ferrovie, Telefoni…) Il LAVORO era UN DIRITTO COSTITUZIONALE. Oggi, dopo le privatizzazioni, il lavoro è sceso ai minimi termini ed è diventato una sorta di elemosina da parte di affaristi senza scrupoli, autori delle stesse malefiche privatizzazioni.
Pertanto, Santo Padre, nell’attesa che il lavoro torni ad essere diritto sacrosanto, ben venga un REDDITO DI CITTADINANZA per i senza lavoro, per un minimo di DIGNITA’.
.
Vincenzo M
Un articolo da internet.. Mark Zuckerberg è intervenuto questo Giovedì durante la chiusura dell’anno accademico dell’Università di Harvard. Nel corso del suo discorso il fondatore di Facebook, dopo aver parlato della minaccia imminente delle nuove tecnologie, ha dichiarato che è il caso di pensare seriamente all’ipotesi di introdurre un reddito di cittadinanza.
Una dichiarazione inaspettata ed accolta calorosamente dal pubblico di giovani universitari del prestigioso ateneo. “Ogni generazione espande la sua definizione di uguaglianza. Ora è tempo per la nostra di definire un nuovo contratto sociale -ha sottolineato con enfasi Zuckerberg-, dobbiamo cominciare ad avere una società che misura il progresso non sulla base del PIL ma sulla base di quante persone hanno un ruolo che ritengono appagante”.
“Dobbiamo esplorare l’idea di un reddito di base, che dia a ciascuno un paracadute per provare nuove idee”. Il fondatore del social network ha infatti detto che non sarebbe stato in grado di concretizzare la sua passione per Facebook se non avesse saputo che dietro di lui c’era comunque la solidità finanziaria della sua famiglia. Cosa che ben poche persone possono vantare. “Se non avessi avuto il supporto della mia famiglia, oggi non sarei qua. Non avrei avuto tempo e modo di programmare”.
Parole che sembrano quelle di un aspirante candidato alla Presidenza USA, anche se lui nega. Mark Zuckerberg, come Bill Gates anni prima di lui, ha ricevuto una laurea honoris causa dall’Università di Harvard.
L’idea di un reddito base in risposta all’incessante fenomeno di robotizzazione, ha recentemente ottenuto il supporto di molti big del tech, tra cui Sam Altman di Y Combinator e Elon Musk di Tesla.
.
Fabrizio
A quanto ho capito, il Papa vorrebbe un lavoro per tutti, perché è più dignitoso avere un lavoro che un reddito. Cioè, per come va la globalizzazione, il Santo Padre vorrebbe un lavoro per tutti anche se sottopagato. Quindi, chi prende 400-500 euro al mese, deve ringraziare la sua buona stella che gli ha salvato la dignità di uomo, avendo trovato un lavoro, anche se i soldi non gli bastano neanche per la stessa sopravvivenza.
Molto curioso questo auspicio del Papa, tenendo conto che gli imprenditori terranno buono il suo secondo concetto – non è il reddito che da dignità all’uomo – e continueranno a sottopagare i dipendenti.

p.s. forse al Papa non è arrivata la notizia che, nelle campagne pugliesi e campane, il caporalato paga gli immigrati a 2-3 euro l’ora e per i quali non si può proprio dire che siano soddisfatti e di aver salvato la propria dignità, anzi…
.
Cit.: “Sono quasi 100mila, secondo l’Istituto nazionale di statistica, gli italiani che lo scorso anno hanno lasciato l’Italia per andare a vivere all’estero. Certo vanno in cerca di occasioni di lavoro, ma in alcuni di questi Paesi trovano anche forme di welfare particolarmente convenienti, anche in termini di Sussidi di disoccupazione e reddito di cittadinanza. Cioè sorte di salario anche se non si lavora. Perchè in futuro avrà sempre meno senso dividersi fra sostenitori e oppositori della flessibilità sul lavoro, quanto piuttosto chiedersi se il lavoro potrà ancora essere il paradigma di reddito. Vediamo di seguito vantaggi oggettivi e dubbi sul reddito di cittadinanza, ed una panoramica sui redditi di cittadinanza in Europa in attesa Italia, unico paese insieme alla Grecia a non prevedere forme di sostegno di questo tipo.”
Che poi a parlare della distribuzione “equa” delle risorse, sia la CHIESA, ovvero l’organizzazione (o come vuole chiamarla) più RICCA DEL MONDO, beh, questo fa davvero pensare… Male. Lo so, mi sono giocato il paradiso: beh, me ne farò una ragione.
.
Adele Nacci Di Chio
Il Papa dice che le persone hanno bisogno di un lavoro non di un reddito. Vorrei dire al Papa: se il lavoro non c’è, come fanno a vivere? Di accattonaggio? Ha mai visto le persone vicino al cassonetto? Ha mai visto la gente raccogliere ciò che i supermercati buttano?
.
Considero questa battuta del Papa contro il reddito minimo uno scivolone che poteva e doveva evitare. tant’è che Renzi ci si è buttato a pesce per sfruttare la battuta
Meglio dare 24 miliardi alla NATO per nuove guerre o 20 miliardi alle Banche per nuove truffe!

LE NOTIZIE CHE NON CI DANNO
Ogni tanto, all’ennesima strage del terrorismo, c’è qualcuno che dice: “Ma sono proprio idioti questi dell’Isis, con le loro bombe messe nei teatri o nei metro, quando, per attaccare al cuore il Capitalismo occidentale basterebbero degli hacker per paralizzare il sistema!”.
Bene, può darsi che questo stia già accadendo, solo che, per ovvi motivi, non ce lo diranno mai. Una di queste notizie oscurate mi arriva da mia figlia che vive a Londra da 12 anni e che mi dice che ieri è stata la giornata del caos aeroportuale perché gli hacker hanno bloccato il sistema informatico della British Air, per cui nessun aereo della British ha volato e, siccome Londra è un modo cruciale per gli aeroporti di tutto il mondo, migliaia di persone si sono trovate bloccate a terra, per di più senza bagagli, medicine ecc., essendo tutto fermo sugli aerei fermi. Twitter era intasato da proteste, grida di aiuto, accenti di disperazione.. mentre per la British non funzionava niente, nemmeno il pannello dei voli sostituito da Board scritti a mano. Hanno detto che “c’era stato un guasto elettrico!” Strano, perché a Heathrow volavano tutti meno la British.. Ecco, questa è la guerra che l’Isis dovrebbe fare, non ammazzare le ragazzine nei teatri! Perché il capitalismo sarà pure un mostro ma ha un tallone d’Achille che si chiama web e chi riesce a dominare il web può fare, oggi, qualunque cosa.
.
DORIANA GORACCI
Taormina, sede del G7: numerosi mezzi elettrici ed una flotta di 150 vetture per garantire la mobilità,oltre 7.000 unità tra Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Forze armate, per le operazioni di sicurezza, prevenzione e controllo di tutti gli obiettivi sensibili, 2.900 militari, almeno 1.200 le postazioni dedicate ai media e ben 2.000 giornalisti tra italiani e stranieri, 70 box tv e 61 postazioni tv open space .
Sicuramente tutti quei mezzi di informazione ci hanno dato modo di sapere che il sontuoso soprabito di D&G a fiori, è costato alla signora Melania Trump,50.500 dollari ai quali vanno aggiunti i 1.630 della pochette. Cosicché, udite udite: i sette Grandi hanno “adottato una road map per la parità di genere, che sarà ripresa e rilanciata qui per la prima volta dal G7 per i diritti delle donne.”
COSA HANNO CONCLUSO? «La crescita globale è la nostra urgente priorità».
E allora mi viene alla mente l’ultima canzone di Giulia Anania le stelle cadono…
Sarebbe bello sapere cosa rispondete, da Taormina e da tutta Europa, dal Mondo, guardando cadere le stelle.
..
G7
E’ stato il 43° incontro dei Grandi della Terra. 43° incontro che non è servito a niente. Sintesi: una gran puttanata. Ma farla su una portaerei o su una corazzata con meno dispendio di soldi e senza le mogli e figli, no??
..
A
Caro iscritto al PD,
leggimi pure (anzi, me lo auguro) se sei tra coloro che oggi vedono nel Pd una pur lontana parentela con quel vecchio partito (Pci ). Non siete tantissimi ma ci siete,
alcuni vivacchiano sconsolati,
altri propugnano il nuovo Ottocento che avanza.
Mi rivolgo a te …
Ti spiace molto vedere come questi 25 anni senza il Pci siano stati sufficienti per rottamarne la sua tradizione, la storia, la prassi, il modo di lavorare ?.
Poi è arrivato il Pd, (una disgrazia ) quel pacco di buoni a nulla dove il conflitto capitale lavoro hanno fatto sparire per far posto a Jovanotti e ad altre leggerezze da partito liquido. Per diventare successivamente ciò che è ora: un comitato elettorale al servizio di un capo (Napolitano ) che propugna politiche fasciste legate al massacro della nostra povera Italia..
Non offenderti, dunque, ma ascoltandoti o leggendo quanto scrivi sui social .. che pena scorrere tutti i vostri fallimenti giorno dopo giorno.. Sei come quei preti spretati che si trasformano in feroci anticlericali e assomigli a quei cinici che dopo la militanza nei gruppetti estremistici, da un giorno all’altro abbandonarono gli slogan rivoluzionari per passare armi e bagagli alla corte di Bettino, poi a quella di Silvio per salire infine, pur attempati ma esperti, al soglio di quell’idiota di Matteo.
Aspetta, non ho finito… ora guardi mio mito per l’onestà che noi sbandieriamo anche la notte.. ci scruti ci guardi e magari ci invidi.. a chi vuoi attaccarti oggi vedendo il vostro misero e totale fallimento.. (al caxxo ? )
Forse esagero perché onesta, per fortuna, siamo a milioni e aumenteremo… ovunque. Certamente puliti, onesti, combattivi, patrioti, rigorosi. Legati al dovere.
E a proposito di dovere ,
non scordarti di quello per merito nostro , ufficiosamente è stato scoperto.
Noi rappresentiamo la carta d’identità e ci distinguiamo con forza e coraggio.
Ora ti guardo amico mio.
E vedo che ingoi tutto, anche il fiele. Ora sei nel Pd, un partito che vuole trasformarsi in Partito della Nazione. Dove Verdini e Alfano possono trovare cittadinanza come te, perché quella formula tutto raccoglie… (querele , arresti e contatti con mafiosi )
Amico mio che tristezza vedere in tv Ministri di un governo il cui premier è pubblicamente lodato dalla Confindustria e dagli organismi finanziari per aver stracciato lo Statuto dei lavoratori e abolito l’articolo 18.
Ora rispondi e non stare zitto…
altrimenti, taci per sempre.

Lorena Antonioli Lory
.
RIDERE : – )

Pierino al babbo: “Papà cos’è la politica?”. Il papà: “Vedi Pierino, non è facile da spiegare cos’è la politica, ma posso provare con un esempio: io porto a casa i soldi quindi sono il capitalismo, tua madre li amministra quindi è il Governo, la cameriera è la classe operaia, tu che brontoli sempre che vuoi una paghetta più alta sei il sindacato, e la tua sorellina è la generazione futura”. Quella stessa notte Pierino viene svegliato dal pianto della sorellina che si è fatta la cacca addosso. Decide quindi di andare a svegliare la madre e mentre va verso la Camera dei suoi, sente dei rumori provenienti dalla stanza della cameriera, sbircia nella serratura e vede suo padre a letto con la cameriera e ad un tratto ha l’illuminazione: “Ho capito cos’è la politica : il capitalismo si fotte la classe operaia, il Governo dorme e i sindacati stanno a guardare, mentre le generazioni future sono nella merda fino al collo!!”.
.
Ho visto per anni e anni uomini sudare e raddoppiare gli sforzi per raggiungere obiettivi che nel frattempo si erano dimenticati.”
Paolo Rossi
(Io: E ho visto uomini continuare a votare partiti che nel frattempo erano diventati l’opposto di come erano cominciati).
.
http://masadaweb.org

  • Unique Post
Previous Topic:

Leave a Comment

Della stessa categoria

MASADA n° 1862 21-6-2017 IUS SOLI E MIGRANTI

MASADA n° 1862 21-6-2017 IUS SOLI E MIGRANTI Le sette proposte del M5S per frenare l’emergenza migranti –Com’era [Read More]

MASADA n° 1861 20 giugno 2017UNA NUOVA LEGGE PER I MIGRANTI

MASADA n° 1861 20 giugno 2017UNA NUOVA LEGGE PER I MIGRANTI Blog di Viviana Vivarelli Oggi 20 giugno è la GIORNATA [Read More]

MASADA n° 1860 17-6-2017 JUNG 1-REPLAY-LEZIONE 1 Libro: LO SPECCHIO PIU’ CHIARO, di Viviana Vivarelli Camminando con [Read More]

MASADA n° 1859 13-6-2017 IL GRANDE CASINO

MASADA n° 1859 13-6-2017 IL GRANDE CASINO Analisi delle elezioni amministrative- Rom- Kriminalpolitik- Inghilterra, [Read More]

MASADA n° 1858 9-6-2017 QUESTA LEGGE ELETTORALE NON S’HA DA FARE

MASADA n° 1858 9-6-2017 QUESTA LEGGE ELETTORALE NON S’HA DA FARE Salta la votazione per le legge elettorale- E anche [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 9 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano