WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Friday June 23rd 2017

*DEMOLIZIONE*

Le lamiere s’accartocciavano
stridevano al dolore
sotto fierezza del malvagio cuore
d’una pressa affamata e avara
-A poca distanza come tra un impeto e una resa
una vecchia Lancia in attesa d’oblìo
unico rimedio alla vorace ruggine
si rivolse a un’Alfa che al sole non dava più riflessi
e…lo so hai umiliato vento e sguardi
rotto timpani ad avversari elogiati
vincendo a traguardi perduranti in gloria,
Io invece ho corso meno ma ho portato a spasso
vite nobili cullate in apparenze ferme,
ho spogliato difetti d’ogni genere
e poi vale più d’una vita scialba
aver visto le gambe della Signora
bella come ultimo impreco a buon fine
col sorriso stella polare in ogni umore
con movenze da farfalla che plana al nettare
sotto vestito di pura frusciante seta
quando metteva in libertà il prosperoso seno
e s’aggiustava ad arte il trucco allo specchietto
e in ansie per andare ogni martedì a consumare
in lussuoso albergo il peccato degli altri,invidiato
-Di lì a fianco una Cinquecento intervenne:
tra rumori identici da bocca e sedere
ho sentito sempre numeri
rate, scadenze e parlar di Dio
in modo orrendo e sono stata insultata
perché andavo piano e bevevo troppo
-Un vecchio Ape gonfio di saldature si destò
da lungo sonno e disturbato da vite
ricordate agli allori quasi inveì……..
non dimenticherò i guai passati
per salite preso a calci a spronarmi d’andar veloce
e al mio motore diverse volte scoppiò il cuore
inoltre chiedo scusa per il dialetto
ma il padrone era ubriacone analfabeta
-Una Millecento:
adesso mi sfogo anch’io
…dentro di me tanto fumo
mille odori, estasianti profumi
e un banchiere a contare soldi
e quanti capelli sparsi ovunque espulsi da pensieri ,
quasi sempre su stessa strada di periferia
dissestata come anima zoppicante a sguardi
lasciavo figure che per tutto il giorno
ad altre macchine in andirivieni pieni e vuoti
–Intanto famelica la gru arrivò vicino
-Ferma.. disse un Signore elegante
con gli occhi di chi ha visto troppo e niente
questo è un modello raro più dell’onestà
e con l’indice uncinato forzato al raddrizzo
indicò la Lancia subito spinta lontano al sicuro
mentre la pressa sorridente riduceva
altri conversanti in unico grosso cubo di ferro
-Io per caso nei paraggi e pensai
è difficile entrare nella storia
quando si è vissuti in modo modesto
——————————————————————
Da: Normalità Incondivisibili Tra Maschere Clonate
www.santhers.com

  • Unique Post
Next Topic:

Leave a Comment

Della stessa categoria

LUGLIO

-Le foglie diventano adulte sgomitano per aliti e sole -l’erba secca nausea di greggi -i torrenti lanciano fili a [Read More]

OSCURE TRAME

Segnali di fumo di pantegane troppo grandi per gli artigli affilati del gufo che canta presagi filigranati contati da [Read More]

PRIMIZIE DI SPIAGGIA

Un vecchio pelandrone con più rughe che capelli mette una tagliola per la bionda Svedese ma vi finisce un migrante [Read More]

INCONSISTENZA DEL TEMPO

La notte è il sonno del giorno che spegne la luce è non è misura del tempo che non esiste Unique Post [Read More]

RECIDIVITA’ (Aforisma)

Ci sono quelli che tentano più volte con ogni mezzo farsi raccomandare e o per avverso fato o inadatto approccio [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 15 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano