WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Saturday April 21st 2018

MASADA n. 855 12-1-2009. Il regno dei lupi

 
Tutte le torture del Potere – Una Chiesa che aumenta la sofferenza umana – Il Potere e Di Pietro – Ricordando Fabrizio De Andre’ – Gli ipocriti – Obama e la tortura – Un reato che non c’e’ – La tortura dei morenti – Rapporto di Amnesty del 2008 – Israeliani nazisti – Un orzaiolo nell’occhio del diavolo – Applausi, siamo fascisti, di Travaglio – Berlusconi la repubblica presidenziale
 
Siamo sogni che vivono secondo sogni
Vivere il nostro sogno e non quello sognato da altri sarebbe giu’ un grande progresso
”.
Viviana
 ..
Omero VI libro dell’Iliade:
 
Come la generazione
delle foglie e’ la generazione degli  uomini
Le foglie il vento ne  sparge molte a terra,
ma rigogliosa la selva
altre ne germina, e
torna l’ora della primavera:
cosi’ anche generazione degli uomini,
una sboccia e l’altra fiorisce
La tortura
Viviana Vivarelli
La tortura e’ parte integrante della storia del Potere, di un’umanita’ barbara che non si e’ ancora evoluta alla civilta’.
Dove le leggi servono al mantenimento del Potere.

E le forze dell’Ordine servono alla sicurezza del Potere.
E i media per la propria sopravvivenza si inchinano ad esso.
E il mercato e’ solo uno dei suoi  mezzi di arricchimento come l’uomo e’ solo uno dei suoi strumenti e mai uno dei suoi fini.
Il cosiddetto Mondo Civile e’ un gigantesco atto di ipocrisia, dove la Chiesa, la stampa, le istituzioni, il mercato, persino la cosiddetta intellighentia, solo una cosa hanno in mente: il Potere e il suo dominio incontrollato.
Esso e’ l’unico dio e l’unico credo, che tutti afferra come un demone infernale.
E parole come principi etici, diritti umani, diritti civili, rispetto della vita, rispetto del lavoro, religione, Dio… sono paraventi cinici e vuoti, suoni retorici, abusati e violentati per mantenere piu’ ferreo nelle mani dei despoti il Potere.
E chi invoca la democrazia, la trasparenza, la verita’ e’ un apostata da rinnegare e da distruggere, e’ il nemico pubblico n° 1, che anche i cosiddetti Soloni si affrettano ad attaccare, mentre istituzioni e dittatori e chiese suggellano i loro patti scellerati.
In un tempo in cui il cosiddetto Mondo Occidentale si pregia di dichiararsi il meglio del progresso e di premiarsi pertanto come superiore alle altre civilta’ che sono da soggiogare o da distruggere in virtu’ di tale primazia…
In un tempo in cui i prodotti di tale Regno del Meglio sono le guerre di predazione americane, sferrate per aumentare il Potere di uno Stato sulle risorse di altri Stati, la grande Crisi economica globale e la distruzione del pianeta, troviamo anche, come frutto eccelso del progresso, quel Trattato di Lisbona che ripristina la pena di morte per quelle piazze che si ribellano a governi iniqui e che dunque mettono in forse l’assolutezza del Potere…
E qui turbe di ipocriti si assiepano a venerare i potenti, nella speranza, un giorno, di diventare come loro.
Questo e’ il mondo dei Lupi.
 ..

E ci sono infine solo due classi di uomini: quelli che hanno il potere e quelli che non ce l’hanno
Bobbio
Fabrizio de Andre’
La ballata degli impiccati
Tutti morimmo a stento
ingoiando l’ultima voce
tirando calci al vento
vedemmo sfumare la luce

L’urlo travolse il sole
l’aria divenne stretta
cristalli di parole
l’ultima bestemmia detta

Prima che fosse finita
ricordammo a chi vive ancora
che il prezzo fu la vita
per il male fatto in un’ora

Poi scivolammo nel gelo
di una morte senza abbandono
recitando l’antico credo
di chi muore senza perdono

Chi derise la nostra sconfitta
e l’estrema vergogna ed il modo
soffocato da identica stretta
impari a conoscere il nodo

Chi la terra ci sparse sull’ossa
e riprese tranquillo il cammino
giunga anch’egli stravolto alla fossa
con la nebbia del primo mattino

La donna che celo’ in un sorriso
il disagio di darci memoria
ritrovi ogni notte sul viso
un insulto del tempo e una scoria

Coltiviamo per tutti un rancore
che ha l’odore del sangue rappreso
cio’ che allora chiamammo dolore
e’ soltanto un discorso sospeso
..
La Chiesa e l’ipocrisia
Viviana Vivarelli
Nella storia della tortura non puo’ mancare l’apporto sostanzioso della Chiesa di Roma, quella che ora e’ passata dalle torture materiali a quelle morali, giocando con sottile perfidia col sesso e con la vita, e che in duemila anni ha saputo produrre una gigantesca sfilza scellerata di stragi, assassini, genocidi, sofferenze, discriminazioni. Discriminazioni che non finiscono mai e che con la storia della Chiesa hanno fatto sempre un tutt’uno, contro ogni insegnamento del Cristo.
Ma a chi osa riportare alla memoria la storia di un organismo che fu fin troppo immerso nella materialita’ e che troppo si compromise col peggio della storia, raggiungendo abissi di ferocia ineguagliabili, viene gettata in faccia la facile accusa di “anticlericale”, la facile accusa dei peggiori ipocriti, gli stessi che attaccavano i pacifisti come antiamericani o che, oggi, ingiuriano come antisemita chi osa condannare gli attacchi di Israele.
L’ipocrisia e’ quell’aspetto del male per cui chi mente spudoratamente vuole essere creduto dai suoi cloni contro ogni evidenza.
Ipocrisia e’ Bush che dice di far guerre ordinate da Dio e ora con leggerezza nega la sua responsabilita’ immorale  e riversa ogni colpa sulla CIA.
Ipocrisia e’ Putin che governa la Russia con un paraninfo che gli tiene la parte o attacca l’Ucraina che ha tentato di assassinare.
Ipocrisia e’ Ferrara che nega con un ghigno che l’Iraq sia mai stato attaccato per il petrolio e insiste sull’esportazione di democrazia “per salvare gli iracheni da un tiranno”.
Ipocrisia e’ la Livni che nega un’emergenza umanitaria a Gaza e insiste a dire che le armi israeliane sono chirurgiche e non uccidono civili.
Ipocrisia e’ Ratzinger che nega la collusione col nazismo di Pio XII e anzi intende santificarlo.
Ipocrisia e’ Berlusconi per il quale il maggiore problema del popolo italiano sarebbe quello giudiziario che bisogna risolvere al piu’ presto mettendo la Magistratura in grado di non piu’ procedere e quello istituzionale per cui si dovrebbe passare a un presidente assoluto, lui. Ipocriti sono i suoi cloni che protestano la sua innocenza, non essendo Berlusconi mai finito in carcere grazie alle leggi che si e’ dato, e negano ogni partecipazione a mafia o P2.
L’ipocrisia e’ l’omaggio che la verita’ rende all’errore”, diceva George Bernard Shaw
E Dechamps aggiungeva: “Un volto ipocrita e’ proprio di un cuore perfido”.
Forse per questo il Male sceglie spesso attori come mandatari dei suoi profitti.
Ipocrita e’ colui che nega l’evidenza, dichiara il falso forzandolo come vero, non pratica cio’ che predica, e’ in forte contraddizione interiore, mostra di se’ uno spaccato incoerente, come tanti che andarono al Famili day ma si comportano come il senatore Mele, o come il mafioso Schifani che fa discorsi contro la mafia pur avendo amici mafiosi, o come l’opposizione che finge di essere di sinistra mentre incorpora i principi della destra.
Ipocrita e’ Ferrara, ateo devoto (il peggiore ossimoro di questi tempi), o Capezzone, perfetto sofista capace di usare le sue capacita’ retoriche per difendere una cosa e passare immediatamente dopo alla difesa del suo opposto in perfetta antinomia ideologia ma in perfetta aderenza lucrativa.
La parola deriva dal greco yp’krisis che significa simulazione, l’ ypokrites era infatti originariamente l’attore e tanti oggi sono al potere solo in virtu’ delle loro qualita’ di attori nel senso peggiore di simulatori. Politica diventa oggi simulazione, finzione, mistificazione, ostentazione,infingimento, scena finta, menzogna,  impostura, messinscena, pantomima, sceneggiata.
Fingere e’ meglio di essere e serve a possedere. Vendersi e’ meglio che evolvere e procura l’unica soddisfazione dei peggiori: comandare. Il mercato degli uomini distrugge le anime e perpetua i barbari.
Chi poi e’ doppiamente ipocrita, cioe’ doppiamente simulatore, rovescia sull’altro le accuse sui delitti che lo riguardano, proietta la propria malvagita’ sul nemico e, cosi’ facendo, si crea una facciata da circostanza e un alibi di innocenza. Questo meccanismo in Bush e’ stato feroce e in Berlusconi e’ talmente volgare da essere un caso da manuale, una patologia da strapazzo. Ma non sara’ accusando gli altri dei propri reati che la coscienza tornera’ immacolata. E non sara’ con cento operazioni di plastica facciale che la faccia tornera’ presentabile.
C’e’ dunque chi, in nome di una sfacciata ipocrisia, non vuole processi storici alla Chiesa di Roma. L’ipocrita clericale non vuole che si dica che la storia della Chiesa e’ fatta di sangue e crede al Papa quando afferma con spudoratezza che la Chiesa  ha "sempre rispettato i diritti umani". Se tu obietti che cio’ e’ una sfacciata bugia perche’ la verita’ storica e’ il contrario e mostra con cruda certezza quanto la Chiesa sia sempre stata lontana dal rispetto dei diritti umani, ti dicono che sei “anticlericale”.
Non dicono che e’ stata perversa una organizzazione che ha imposto il suo credo con le lotte alle eresie che costarono migliaia di morti e le crociate che costarono distruzioni o rovine e le guerre con l’Impero per una primazia materiale, o le missioni che produssero schiavitu’ e dolore, no, ti dicono che sei “anticlericale”. Come se l’asserzione della verita’ si potesse contrastare con un’accusa di pregiudizio!
Non dicono che e’ stato perverso chi uccise dopo torture innominabili 6 milioni di streghe e combatte’ alla morte mori ed ebrei. O quanto e’ lontano da Dio chi per 20 lunghissimi anni chiuse gli occhi sulle efferatezze del nazismo, i lager, le deportazioni e finse di non vedere e non sapere e ora ci svende una verita’ di comodo, come fa Bush, come fa Israele, come fa Putin con i Ceceni.
Non dicono quanto questa Chiesa di Cristo e’ stata profondamente inquinata da chi ordi’ ogni sorta di intrigo con l’Opus Dei, lo IOR, il banco Ambrosiano, i Legionari di Cristo, la DC, CL, non dicono che questa Chiesa si alleo’ sempre e comunque con i peggiori dittatori dell’America latina, e vide le torture e le uccisioni in Cile, Argentina, Brasile, Colombia.. e tacque e assolse e colluse. Che persino dinanzi alle atrocita’ dei battaglioni della morte della CIA e all’assassinio del vescovo Romero resto’ complice e oggi ci viene a dire, con supremo sprezzo della realta’, che il liberismo e’ la forma economica piu’ vicina al cristianesimo!!! Oggi, con un mondo che il liberismo ha distrutto senza rimorso o emendazione, con un pianeta che il liberismo ha distrutto.
E dunque per taluni non pecca chi pecca ma chi parla del peccato.
E questa e’ l’ipocrisia.
..
Obama e la tortura
Bloggher
 
Obama ha dichiarato: “Sotto la mia amministrazione gli Stati Uniti non praticheranno la tortura”. Quindi vuol dire che Bush la praticava… La Convenzione di Ginevra la vieta. La piu’ grande democrazia del mondo (ma che significato ha questa parola ormai?) la applica. Mai sentito parlare di morte simulata per affogamento, di Guantanamo, di Abu Ghraib? Se Bush era il capo dei torturatori va messo sotto processo.
Georgedabliu puo’ chiedere aiuto allo psiconano. Chiedere rifugio politico all’Italia. Il Paese del sole, del mare e della tortura. Il nostro codice penale infatti non prevede il reato di tortura. Si puo’ torturare come a Genova durante il G8 e venire assolti. Se la tortura non e’ reato, il fatto non sussiste. Si possono far spogliare dei ragazzi e portarli in una “stanza delle torture” (si chiamava proprio cosi’), farli inginocchiare su delle latrine e manganellarli. Come e’ successo a Napoli nel marzo 2001 alla caserma Raniero. Tutti gli imputati si sono salvati per la prescrizione. Propongo un gemellaggio Bolzaneto-Raniero con scambi di prigionieri. La tortura piace sia a destra che a sinistra. Gli episodi di Napoli avvennero con il centro sinistra, quelli di Genova con il centro destra. I due, si sa, sono intercambiabili. Nel Paese di Cesare Beccarla si puo’ torturare e non essere punibili.
L’Italia non solo tortura a domicilio, ma esporta anche i soggetti da torturare. Abu Omar, un imam di origini egiziane, fu rapito da agenti della CIA a Milano il 17 febbraio 2003 e trasportato ad Aviano, da li’ in Germania e quindi a Il Cairo. E’ stato incarcerato ad Alessandria d’Egitto e torturato con comodo con pestaggi a sangue legato a una croce, elettroshock. Forse Obama potrebbe chiedere a Leon Panetta che ha nominato capo della CIA che renda pubblici i nomi dei torturatori di Abu Omar. Forse i deputati e i senatori impegnati giorno e notte a riformare la giustizia per pararsi il c..o potrebbero introdurre il reato di tortura al posto del premio di tortura con le promozioni ottenute dagli agenti coinvolti nel G8. Gli conviene. Se la tortura non viene abolita potra’ essere (eventualmente) praticata (legalmente) su di loro… Una vergine di Norimberga, un tiro di corda, due giri di ruota, tre litri di acqua e sale. Gli italiani non aspettano altro.
..
Che cosa dice Sua Santita’ contro la tortura?
Viviana Vivarelli
Che cosa dice Sua Santita’ contro la tortura?
O forse essa non esiste nel suo strano mondo di embrioni, comunisti, coppie di fatto e gay? Un mondo fuori del mondo. Un mondo artificiale per annullare il mondo reale. Dove il nemico non e’ il Male, ma cio’ che la Cei dichiara peccato.
Chissa’ se e’ rimasta anche la tortura (ampiamente praticata nella lunga storia da Santa Madre Chiesa) insieme alla pena di morte nella legislazione vaticana? Cosi’ come e’ rimasto il Santo Uffizio, il Sillabo, l’Indice dei Libri Proibiti, la pena di morte…
Qualcuno ha mai sentito da parte di Sua Santita’ qualche obiezione contro la tortura praticata dalle forze dell’Ordine nel nostro paese? Quella che non e’ neppure reato e che nessun partito mai ha richiesto che divenisse reato e dunque fosse collegata a una pena ma che, anzi, produce promozioni di chi la pratica contro il cittadino? E le produce da parte della destra come della sinistra in ogni governo?
O Sua Santita’ si e’ dimenticato di questo piccolo particolare, tutto intento com’e’ a demonizzare le coppie di fatto o gli omosessuali, cosi’ come per 2000 anni si e’ dimenticato di deprecare la pena di morte? Santa dimenticanza!
E oggi Sua Santita’ e’ cosi’ intento a salvare la vita degli embrioni e di chi non vuol piu’ stare attaccato a una macchina (anche quella e’ una tortura) da essersene di nuovo dimenticato?
Metteremo questa dimenticanza insieme al recente schieramento contro l’ONU e contro i diritti umani, a fianco dei paesi che praticano l’impiccagione degli omosessuali o la discriminazione dei disabili?
Sappiamo oggi che la Chiesa non condanna la discriminazione ma chi vuole considerarla reato. Attacca l’ONU che vuole eliminare le barbare discriminazioni  contro omosessuali e disabili, le attacca come se discriminare e perseguitare fosse un suo diritto da perpetuare, un diritto che non vuole cedere, un diritto sacro, come lo fu per il nazismo discriminare categorie di persone e perseguitarle.
Cosa diranno in futuro delle sue dimenticanze?
Ha dimenticato di proteggere i bambini e anzi ha protetto e occultato i loro violentatori.
Ha dimenticato di combattere contro le economie che affamano gli uomini anzi le ha dichiarate ‘buone’ per il cristianesimo.
Ha dimenticato di dire di non votare per i governi che tolgono liberta’ ai loro popoli e anzi ha incoraggiato a votare proprio per i governanti peggiori, indifferente al fatto che portassero i loro paesi a forme di dittatura, chiudendo gli occhi sui loro misfatti.
Ha dimenticato di accusare chi discrimina i diversi e anzi si e’ schierata con i discriminatori.
Ha dimenticato il messaggio di amore per tutte le vittime e il suo appoggio ai potenti ha moltiplicato queste vittime.
Ha dimenticato di dare eguali diritti alle donne, ha chiesto anzi con protervia che la disuguaglianza dei diritti fosse perpetuata, allontanando da se’ quelle chiese che la dichiaravano finita.
Ha dimenticato il rispetto che si deve alle altre religioni e anzi ha chiuso le porte ai loro capi spirituali, mentre le apriva incondizionatamente a tutti i piu’ perversi capi politici.
Non ha detto una sola parola contro le carceri delle torture, non ha detto una sola parola contro i comportamenti dello Stato lesivi dei diritti umani e civili, lesivi dei diritti economici, dei diritti alla vita, ma anzi ha elogiato il sistema di potere del liberismo, le multinazionali, gli organismi che hanno portato a rovina il mondo, ha investito nelle loro azioni, ha elogiato brevetti e OGM, ha negato contraccettivi e cure per l’ADS.
Ha dimenticato di accusare chi da’ la pena di morte.
Ha dichiarato il falso e ha preteso che fosse creduto verita’ rivelata.
Ha combattuto la scienza e ha preteso che i suoi dettami etici prevalessero sulla ricerca scientifica.
Ha taciuto quando guerre tremende sono state sferrate in nome di presunte rivelazioni divine da parte di presidenti alcolizzati.
Non si e’ dissociata dal fanatismo di chi pretende che la norma di una Chiesa diventi legge di Stato e ha continuato a ripetere che non faceva interferenze in quello Stato.

Cosa dovrebbe fare un Dio di giustizia con una Chiesa rea di tali omissioni e di tali comportamenti?
Tra quanti decenni la Chiesa chiedera’ perdono anche della cecita’ della Chiesa attuale, del suo feroce integralismo, dell’aver indotto i suoi fedeli a votare per governi che la tortura l’hanno praticata e promossa? E che i diritti umani li hanno degradati o annullati?
..
Inquisizione
Viviana
 
Nel calendario dei santi cristiani molti sono i santi divenuti tali per essersi opposti a culti pagani, ed essere stati per questo torturato o uccisi, ma nessuno cita i milioni di vittime che la Chiesa fece nei secoli per lo stesso motivo a chi aveva la sola colpa di essere pagano, di avere un altro culto, di non accettare la sudditanza alla Chiesa di Roma.
Dopo la lotta alle eresie che insanguino’ i paesi cristiani per secoli, nel 1184 la Chiesa creo’ la Santa Inquisizione per catturare, seviziare, uccidere e bruciare coloro che non erano cristiani o erano sospettati di stregoneria o di praticare altre interpretazioni della Bibbia o di fare ricerca scientifica o che davano diversamente noia, per ricchezza o concorrenza, al potere della Chiesa.
Le vittime furono milioni e milioni, il sangue versato dal cristianesimo non ha paragoni con altri culti. Le sofferenza che la Chiesa di Roma produsse con la scusa di servire la fede furono immani.
E se qualcuno crede che si sia trattato di un periodo breve e transitorio, dobbiamo proprio deluderlo.
Gli ultimi due Tribunali della Santa Inquisizione furono chiusi nel 1722! Stiamo parlando dell’arco di 600 anni!
Tanta malvagita’ protratta per secoli puo’ spiegare come mai, oggi, una Chiesa tanto sensibile ai diritti degli embrioni congelati in un frezeer non riesca a provare alcuna compassione verso le vittime delle torture attuali, non abbia partecipato alla campagna contro la pena di morte e si sia addirittura irritata sentendosi messa implicitamente al bando insieme ai paesi che praticano discriminazioni a omosessuali e disabili, cosi’ da reagire veementemente contro l’ONU che i diritti di tutti voleva difendere.
Chi ha praticato troppo a lungo le vie del diavolo arriva a un punto in cui non riesce nemmeno piu’ a capire quali sono le vie di Dio.
..
E anche questa e’ tortura
Una ballata di Ceronetti per "il coraggio di Eluana Englaro"
La ballata dell’angelo ferito

Urlate urlate urlate urlate.
Non voglio lacrime. Urlate.
Idolo e vittima di opachi riti
Nutrita a forza in corpo che giace
Io Eluana grido per non darvi pace

Diciassette di coma che m’impietra
Gli anni di stupro mio che non ha fine.
Una marea di sangue repentina
Angelica mi venne e fu menzogna
Resto attaccata alla loro vergogna

Ero troppo felice? Mi ha ghermita
Triste fato una notte e non finita.
Gloria a te Medicina che mi hai rinata
Da naso a stomaco una sonda ficcata
Priva di morte e orfana di vita

Ho bussato alla porta del Gran Prete
Benedetto: Santita’ fammi morire!
Il papa e’ immerso in teologica fumata
Mi ha detto da una finestra un Cardinale
Bevi il tuo calice finche’ sia secco
Ti saluta Sua Santita’ con tanto affetto

Ho bussato alla porta del Dalai Lama.
Tu il Riverito dai gioghi tibetani
Tu che il male conosci e l’oppressura
Accendimi Nirvana e i tubi oscura
Ma gli occhi abbassa muto il Dalai Lama

Ho bussato alla porta del Tribunale
E il Giudice mi ha detto sei prosciolta
La legge oggi ti libera ma tu domani
Andrai tra di altri giudici le mani.
Iniquita’ che predichi io gemo senza gola
Bandiera persa qui nel gelo sola

Ho bussato alla porta del Signore
Se tu ci sei e vedi non mi abbandonare
Chiamami in cielo o dove mai ti pare
Soffia questa candela d’innocente
Ma il Signore non dice e non fa niente

Ho bussato alla porta del padre mio
Lui si’ risponde! Figlia ti so capire
Dolcissimo io vorrei darti morire
Ma c’e’ una bieca Italia di congiura
Che mi sentenzia che non e’ natura

E il mio papa’ piangeva da fontana
Me tra ganasce di sorte puttana.
Cittadini, di tanta inferta offesa
Venga alla vostra bocca il sale amaro.
Pensate a me Eluana Englaro
..
Cheng
Le vittime

Chiunque puo’ essere vittima di torture, a prescindere dall’eta’, dal genere,
dall’appartenenza etnica e delle convinzioni politiche.
Il piu’ delle volte, ad ogni modo, le vittime di torture da parte delle forze
dell’ordine sono criminali comuni.
Questo avverrebbe perche’ i sospetti criminali sono meno capaci di protestare e spesso prevale l’opinione che in fondo "se la sono cercata".
Spesso queste vittime provengono dai settori sociali piu’ disagiati.
La tortura si nutre di discriminazione
E’ piu’ semplice per il torturatore infliggere dolore a qualcuno che e’ considerato meno che umano, qualcuno disprezzato per la sua provenienza sociale o per la sua appartenenza politica o religiosa.
C’e’ un chiaro legame tra razzismo e tortura.
Per esempio, la maggioranza delle vittime della brutalita’ della polizia in Europa e negli USA sono neri, o appartenenti a minoranze etniche. In tutta Europa, i rom sono comunemente visti come criminali e per questo subiscono pestaggi da parte delle forze dell’ordine.
Indios delle Americhe sono stati torturati nell’ambito di dispute territoriali. In Australia e’ impressionante quanti aborigeni muoiono in carcere in seguito a maltrattamenti, o per la mancanza di cure adeguate.
Immigrati, lavoratori all’estero e richiedenti asilo che hanno abbandonato le loro case in cerca di sicurezza, spesso incappano nei maltrattamenti xenofobi e razzisti delle forze di sicurezza. In Austria, Germania, Svizzera e Regno Unito diversi cittadini stranieri sono morti nel corso di deportazioni per l’uso eccessivo della forza da parte della polizia e per
metodi di contenzione pericolosi. In Arabia Saudita i lavoratori stranieri hanno maggiori rischi di subire amputazioni giudiziarie e fustigazioni.
In Giappone i lavoratori stranieri colti con il permesso di soggiorno scaduto vengono picchiati e umiliati.
Nei conflitti armati, la tortura e’ usata come strumento di pulizia etnica.
..
RAPPORTO DI AMNESTY DEL 2008
Il rapporto di Amnesty 2008 sull’Italia sottolinea come la Convenzione delle Nazioni Unite contro la Tortura non sia stata ratificata. L’Italia resta priva di uno specifico reato di tortura nel codice penale e le forse di polizia ne approfittano vilmente.
Il rischio di impunita’ e’ aggravato dalla mancanza di forme di identificazione dei poliziotti nelle operazioni di ordine pubblico e dall’assenza di organismi indipendenti di monitoraggio.
L’Italia non ha ancora un’istituzione nazionale di monitoraggio sui diritti umani e  un organismo indipendente di controllo sull’operato della polizia.
Nel processo di Genova, contrariamente a quanto richiesto al fine di evitare il diffondersi di un clima di impunita’, nessuno dei funzionari e agenti imputati nei processi e’ stato sospeso dal servizio. Diversi di loro sono stati, di fatto, promossi.

I reati con cui sono perseguiti gli agenti di polizia sono soggetti a prescrizione e lo scorrere del tempo porta con se’ il forte rischio che i processi si chiudano senza che nessuno venga ritenuto penalmente colpevole, ne’ di fatto punito.
Il processo sui poliziotti che picchiarono in Valsusa nel sonno le persone che erano li’ a manifestare  e’ stato archiviato proprio perche’ essi non potevano essere identificati
Nel nulla finira’ anche il processo ai poliziotti che massacrarono il giovane Aldrovandi, mentre durante l’inchiesta altri poliziotti complottarono per far sparire le prove macchiandosi di omerta’ non diversamente dai mafiosi senza per questo essere puniti
Non avra’ giustizia il falegname Aldo Bianzino, massacrato di botte in carcere dove era stato portato per aver piantato una piantina di marijuana
Non ne avra’ il giovane Gabriele Sandri, assassinato da un colpo d’arma da fuoco esploso da un agente della polizia stradale, mentre dormiva in un’auto ferma davanti a un autogrill
I governi sono cambiati ma ne’ governi di dx ne’ di sx hanno fatto un minimo passo avanti sul rispetto dei diritti umani e sulla tutela dei cittadini contro le aggressioni delle forze dell’ordine.
Lo Stato si e’ comportato come un corpo mafioso che ha sempre assolto o promosso i suoi killer.
E dalla Chiesa non e’ mai venuta nessuna voce che richiamasse al rispetto dei diritti umani.
Berlusconi si e’ opposto anche alla costituzione di una polizia internazionale come si e’ opposto alle rogatorie internazionali che svelano le vie del denaro sporco. Chi tenta di contrastare la giustizia lo fa perche’ e’ un reo che teme una giusta giustizia. Guai al malfattore che siede su un trono! Se ne fara’ scudo per coprire il suo malfatto e rubera’ la legge ad ogni cittadino onesto.
E la Lega, indifferente a tanta ignominia, e’ ridotta  a promuovere altre discriminazioni ai migranti che fruttano iniqui peggioramenti del loro modo di vivere.
Sugli stessi migranti la polizia si e’ mostrata capace di aggressioni e pestaggi ingiustificati e gratuiti di stampo prettamente razzista senza che chi di dove si sia mai mosso per  punire e frenare il diffondersi di questi abomini. L’omerta’ nelle forze dell’ordine e’ stata peggiore di quella che regge i corpi mafiosi.
In campo internazionale ogni governo Italiano e’ stato restio a collaborare alle indagini degli organismi internazionali, cosi’ che i richiami delle istituzioni europee non hanno fatto che accumularsi, sono state accertate pesanti  responsabilita’ dell’Italia nei trasferimenti illegali di persone da un paese all’altro, arresti arbitrari, sparizioni, detenzione senza processo e tortura. Berlusconi ha posto su questi delitti avvenuti col consenso del suo governo il segreto di stato come se esso potesse tacitare i fatti e Prodi non ha migliorato la situazione.

Tre casi in particolare sono stati denunciati dal  Parlamento europeo:  Abu Omar (rapito a Milano nel 2003), Maher Arar (condotto nel 2002 verso la Siria da un volo Cia per Amman con scalo a Ciampino) e Abou El Kassim Britel (cittadino Italiano arrestato in Pakistan nel 2002 e tuttora imprigionato in Marocco). L’indagine ha condotto alla pubblicazione del rapporto sull’utilizzo di paesi europei da parte della Cia per il trasporto e la detenzione illegali di persone.
Claudio Fava ha denunciato che tra il 2001 e il 2005 gli aerei legati alla CIA hanno fatto scalo almeno 1245 volte nei paesi europei, 46 volte in Italia, toccando 15 aeroporti.
Le autorita’ di governo responsabili dei servizi segreti al momento dell’indagine (Governo Prodi: on. Enrico Micheli, allora Sottosegretario alla presidenza del Consiglio e on. Enzo Bianco, allora presidente del Comitato parlamentare di controllo sui servizi segreti) e quelle del precedente Governo Berlusconi (Gianni Letta, allora Sottosegretario alla presidenza del Consiglio) hanno rifiutato di incontrare la commissione, scelta deplorata dal Parlamento Europeo nella risoluzione del 14 febbraio 2007.

Il giudice  Interlandi, accogliendo la richiesta dei PM, ha rinviato a giudizio 26 cittadini Usa presunti agenti della Cia e 7 funzionari del Sismi per il rapimento dell’imam egiziano Abu Omar, prelevato a Milano nel febbraio 2003 e trasferito in Egitto, ove e’ stato detenuto arbitrariamente e  sottoposto a torture. Tra i funzionari Italiani rinviati a giudizio, Nicolo’ Pollari e Marco Mancini, rispettivamente direttore e alto funzionario del Sismi al momento del rapimento. Il maresciallo dei carabinieri Luciano Pironi e il giornalista Renato Farina, diversamente coinvolti, hanno patteggiato la pena, mentre altri funzionari, per i quali era stata chiesta l’archiviazione, sono stati successivamente rinviati a giudizio. Farina continua a scrivere sul Giornale
2 giorni prima del rinvio a giudizio, l’allora pres. Prodi ha promosso un ricorso per conflitto di attribuzioni davanti alla Corte costituzionale, sostenendo che la Procura di Milano avesse invaso i poteri attribuiti al governo, apprendendo documenti coperti da segreto di stato e ottenendo l’autorizzazione a intercettare utenze telefoniche del Sismi. Un ricorso simile e’ stato presentato nei confronti del Giudice per le indagini preliminari. Nei 2 ricorsi si chiede rispettivamente l’annullamento della richiesta di rinvio a giudizio e del decreto che dispone il giudizio. Procedimento analogo e opposto e’ stato promosso nei confronti del governo dalla Procura.
Gli imputati statunitensi sono tutti contumaci e il ministro della Giustizia Mastella, non ha mai risposto alla richiesta della Procura di Milano di inoltrare al Governo Usa le richieste di estradizione dei 26 agenti, nonostante sollecitazioni del Parlamento europeo e del Consiglio d’Europa

Nonostante le richieste del Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura,  l’Italia ha mantenuto  immutate le norme sull’espulsione, il cosiddetto "decreto Pisanu", riguardante misure urgenti per la lotta al terrorismo. Esse prevedono l’espulsione di migranti regolari e irregolari sulla base di una vaga definizione del rischio da essi posto. La legge non presuppone necessariamente che la persona espulsa sia stata condannata o accusata di un reato – di natura terroristica o meno – ne’ che l’espulsione venga convalidata da un giudice. 
 
Noi non siamo un paese civile e ne’ Prodi ne’ Berlusconi hanno fatto nulla per farlo diventare tale
Noi siamo un paese da terzo mondo
Di Pietro
Viviana
 
Vorremmo anche il parere di Di Pietro sulla tortura, visto il pesante silenzio degli altri politici, che li connota tutti come traditori della Nazione.
Sono anni che Di Pietro si difende dalle accuse di Berlusconi ma chi lo attacca continua a ignorare fatti e sentenze, lo scopo e’ infangarlo oltre ogni verita’, perche’ e’ un nemico politico e questo Berlusconi non lo accetta, come farebbe un capo mafioso che fa fuori gli avversari con ogni modo illecito possibile.
Questa teppaglia mostra nel modo peggiore quanto sia aliena alla democrazia, come mal sopporti qualsiasi forma di dissenso, come si approfitti di vigliacchi come Veltroni o venduti come D’Alema per spadroneggiare, come gestisca con diffamazione o ricatto tutti i politici, giudici o giornalisti non puo’ comprare e quanto sia sempre spregevole e fascista. L’ultima cosa di cui questo disgraziato paese ha bisogno e’ un clan di potere efferato e infimo che vuole solo prevaricare.
Di Pietro e’ l’unico politico italiano che si sia dimesso dalle sue cariche per esporsi indifeso alla giustizia, cosa non imitata da nessuno mentre il boss del clan affaristico-mafioso non pensa, all’opposto, che a liberarsi dai processi a suon di leggi ad personam, depenalizzazioni e corruzione.
Sarebbe l’ora di finirla con questi attacchi faziosi prodotti solo dal fatto che Berlusconi odia Di Pietro e farebbe di tutto per eliminare l’unico avversario politico che si ritrova in Parlamento.
La condotta di Berlusconi e’ cosi’ squallida e vile!
Non basta nemmeno che Di Pietro vinca le sue cause e si arricchisca col pagamento dei danni che Berlusconi deve pagargli ogni volta per averlo diffamato come un marrano. Anche questi soldi dovuti sono rinfacciati a Di Pietro come fossero finanziamenti illeciti! A questo arrivano! Davvero patetici! Davvero i berlusconiani hanno oltrepassato ogni soglia di decenza!
Mussolini uccise Matteotti che gli era contro in Parlamento.
Qua abbiamo un ceffo privo di scrupoli, arricchito riciclando soldi neri del narcotraffico colombiano e complice di mafia e P2, le 2 organizzazioni piu’ criminali d’Italia.
C’e’ da temere per Di Pietro!
..
Fabrizio de Andre’
Nella mia ora d’aria
 
Certo bisogna farne di strada
da una ginnastica d’obbedienza
fino ad un gesto molto più umano
che ti dia il senso della violenza
però bisogna farne altrettanta
per diventare così coglioni
da non riuscire piu’ a capire
che non ci sono poteri buoni

E adesso imparo un sacco di cose
in mezzo agli altri vestiti uguali
tranne qual’e’ il crimine giusto
per non passare da criminali.
Ci hanno insegnato la meraviglia
verso la gente che ruba il pane
ora sappiamo che e’ un delitto
il non rubare quando si ha fame.

Di respirare la stessa aria
dei secondini non ci va
e abbiam deciso di imprigionarli
durante l’ora di liberta’
venite adesso alla prigione
state a sentire sulla porta
la nostra ultima canzone
che vi ripete un’altra volta
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti

Un orzaiolo nell’occhio del diavolo
Viviana vivarelli
 
A noi puo’ sembrare solo democratico che un gruppo contesti in pubblico un personaggio pubblico. Non e’ forse parte della democrazia il diritto del cittadino di manifestare dissenso? Non e’ tale diritto sancito dall’art. 21 della Costituzione che garantisce ad ognuno il potere di manifestare la sua opinione?
Eppure quando questo, anche in piccola misura, avviene, e’ tutto un gridare allo scandalo, un sobbalzare di virtu’ offese
I politici, le istituzioni e i media che fanno da corifei, rabbrividiscono, ululano, lanciano alti lai per l’orrendo delitto di lesa maesta’!
Che si tratti di un gruppo di ragazzi sardi con Berlusconi, o 4 fascistelli bolognesi con Prodi in Fiera, o un manipolo di studenti all’universita’ di Pisa contro Pera, o una lettera di docenti della Sapienza sull’inopportunita’ del Papa, l’urlo unanime e’ uno solo: Morte a chi contesta!
Dal che si vede che la Costituzione e’ zero, il popolo e’ zero e la democrazia e’ zero.
E l’unica divinita’ assunta a valore massimo sono loro, la Casta che comanda, verso cui il dissenso e’ la bestemmia, l’antipolitica (per dirla alla Scalfari, che del Potere e’ sempre stato sempre suddito), un peccato piu’ grave dell’attentato, seme malefico di un male da estirpare che si chiama liberta’.
Per questo, piu’ delle battaglie in Parlamento o delle rivolte per strada, le cose che piu’ hanno atterrito i potenti sono state le monetine tirate davanti al San Rafael contro Craxi, il cavalletto che un ventottenne tiro’ a Piazza Navona, l’urlo di Pietro Ricca "Buffone! Fatti processare!", l’"Abbasso la mafia" a Sgarbi a Catanzaro e soprattutto le scarpe che un iracheno ha tirato contro Bush.
Perche’ queste cose sono l’orzaiolo nell’occhio del diavolo. Perche’ il potere riposa su una falsita’, e cioe’ che il consenso sia unanime come e’ dovuto ad una divinita’ che non e’ criticabile e, guai mai, contestabile. Ricordate la favola “Il vestito dell’imperatore”? L’imperatore va nudo, ma la collettivita’ e’ plagiata e finge di vedere il suo vestito, finche’ un bambino rivela la verita’. Il Potere incede come un corpo sacro ma di sacralita’ e’ nudo, ma i media, i cortigiani, gli abbindolati.. fingono di vedere una sacralita’ che non c’e’, finche’ qualcuno non svelera’ l’inganno, e in quel momento il Potere crollera’ su se stesso come un castello di carte.
Per questo nell’universo patologico e distorto dei potenti lo sberleffo, la  negazione pubblica, la contestazione popolare sono il pericolo maggiore, quello che temono di piu’. La dissacrazione del Potere, dei suoi falsi orpelli, della sua sacralita’ sono il segnale della sua fine.
Il diavolo e’ senz’ombra, ma se brilla il sole, anche il diavolo scompare. 
..
Israeliani nazisti
Jimi Hendrix
Era il 17 novembre 1948, quando Aharon Cizling, allora ministro dell’agricoltura della neonata Israele, sorta sui massacri dei palestinesi innocenti, disse: “Adesso anche gli ebrei si sono comportati come nazisti, e tutta la mia anima ne e’ scossa”. Ricordo Ephrahim Katzir, futuro presidente di Israele, che nel 1948 mise a punto un veleno chimico per accecare i palestinesi, e ne raccomando’ l’uso nel giugno di quell’anno. Ricordo Ariel Sharon, che nel 1953 fu condannato per terrorismo dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU con la risoluzione 101, dopo che ebbe rinchiuso intere famiglie palestinesi nelle loro abitazioni facendole esplodere. Ricordo l’ambasciatore israeliano all’ONU, Abba Eban, che nel 1981 disse a Menachem Begin: “Il quadro che emerge e’ di un Israele che selvaggiamente infligge ogni possibile orrore di morte e di angoscia alle popolazioni civili, in una atmosfera che ci ricorda regimi che ne’ io ne’ il signor Begin oseremmo citare per nome”. Ricordo la risoluzione ONU A/RES/37/123, che nel dicembre del 1982 defini’ il massacro dei palestinesi a Sabra e Chatila sotto la “personale responsabilita’ di Ariel Sharon” un “atto di genocidio”. Ricordo le parole dello Special Rapporteur dell’ONU per i Diritti Umani, il sudafricano John Dugard, che nel febbraio del 2007 scrisse che l’occupazione israeliana era Apartheid razzista sui palestinesi, e che Israele doveva essere processata dalla Corte di Giustizia dell’Aja. Ricordo le parole dell’intellettuale ebreo Norman Finkelstein, i cui genitori furono vittime dell’Olocausto: “Ma se gli israeliani non vogliono essere accusati di essere come i nazisti, devono semplicemente smettere di comportarsi da nazisti.”
Ricordo infine Ben Gurion, il padre di Israele, che lascio’ scritto: “Dobbiamo usare il terrore, l’assassinio, l’intimidazione, la confisca delle loro terre, per ripulire la Galilea dalla sua popolazione araba”, parole scritte 50 anni prima dell’esplosione del primo razzo Qassam su su Sderot
.. 
 
Armando Di Napoli

Una guerra ferocia che sia
e´combattuta da due opposizioni
a Gaza e´un genocidio una carneficina
una mattanza di innocenti
i macellai felici di una abbondanza di merce
sfasciano riempiendo il mattatoio
fischiettando allegri con le mani
in quintali di carne fresca illuminati
dalla vigliacca stella di David
incaprettano e trascinano
la carne tenera dei bambini
dilaniata squartata mutilata
al mercato mondiale dell´orrore
ci sono cuori spaccati da proiettili
nuche spappolate da bastoni
brandelli di viscere appese
alle corde della smemorata memoria
animi impiccati al cordone ombelicale del demonio
pelle bruciata da fosforo bianco
o uranio impoverito
ossicini teneri per fabbricare pettini
sangue vergine perduto nelle viscere
della dimenticanza e bevuti come sacrificio
da opulenti vampiri per rendere omaggio
ad un dio bastardo creatore di torture e sofferenze disumane
con i capelli non bruciati dal sciagurato fuoco
delle bombe si costruiscono parrucche
con capelli umani per coprire
gli osceni capelli di donne ebree
appena sposate come tradizione vuole
angeli spiumati e messi a bollire
in una assurda maledizione
per colpa di un pugno di terra ostica
animi schiacciati tritati
divenuti marmellate per riempire
pane caldo uscito da forni crematori
accesi per la festosa occasione

vomito sangue e merda
in un mondo albergato da parassiti
dove gli interessi valgono piu´
di vite umane tutti prendendo
la loro parte chiudono gli occhi
girandosi dall´altra parte
mentre una mamma morta
mette al mondo una bambina prematura
che tenta con il suo diperato vagito
di sovrastare il boato di bombe criminali
prima di trovare il latte della sopravvivenza


..
Applausi, siam fascisti
Di Marco Travaglio

Un lettore domanda: “Non e’ esagerato parlare di fascismo sul caso Salerno-Catanzaro?”.
Penso di no. Neppure il fascismo oso’ intromettersi in indagini in corso e nell’autonomia dei magistrati come sta facendo il governo col consenso di Pd, Anm e Csm.
Mussolini istitui’ il Tribunale Speciale per i reati politici, ma per quelli comuni non intacco’ l’indipendenza togata. Quel che sta accadendo contro la Procura di Salerno non ha precedenti.
Alfano vuole trasferire i pm Apicella, Nuzzi e Verasani per “assoluta spregiudicatezza”, “mancanza di equilibrio”, “atti abnormi nell’ottica di un’acritica difesa di De Magistris e con l’intento di ricelebrare i processi a lui avocati”.
Per la prima volta nella storia repubblicana, e pure monarchica, un ministro chiede di punire dei magistrati perche’ il contenuto delle loro indagini non gli garba.
Presto trasferiranno i giudici perche’ le loro sentenze non piacciono al governo. Anziche’ insorgere contro questo abominio illegale e incostituzionale, l’Anm “prende atto con soddisfazione della tempestiva iniziativa del Csm e del Ministro della Giustizia”.
Nel 2001, quando il Senato censuro’ un’ordinanza del Tribunale di Milano, l’Anm si dimise come nel 1924, quando si era sciolta dopo il delitto Matteotti e la svolta autoritaria.
Ora, all’ennesima svolta autoritaria, nessuno protesta e l’Anm plaude “soddisfatta”.
Poche ore dopo il Riesame di Salerno, unico tribunale abilitato a giudicare il merito del sequestro delle carte Why Not, lo conferma in toto.
Ora si attende il trasferimento dei tre giudici del Riesame per aver osato dare ragione ai pm.
..
Le storie di ieri
Fabrizio de Andre’
 
Mio padre aveva un sogno comune
condiviso dalla sua generazione
la mascella al cortile parlava
troppi morti lo hanno tradito
tutta gente che aveva capito
E il bambino nel cortile sta giocando
tira sassi nel cielo e nel mare
ogni volte che colpisce un stella
chiude gli occhi e si mette a sognare
chiude gli occhi e si mette a volare

E i cavalli a Salo’
sono morti di noia
a giocare col nero perdi sempre
Mussolini ha scritto anche poesie
i poeti che strane creature
ogni volta che parlano e’ una truffa
Ma mio padre e’ un ragazzo tranquillo
la mattina legge molti giornali
e’ convinto di avere delle idee
e suo figlio e’ una nave pirata

E anche adesso e’ rimasta una scritta nera
sopra il muro davanti casa mia
dice che il movimento vincera’
il gran capo ha la faccia serena
la cravatta intonata alla camicia
Ma il bambino nel cortile si e’ fermato
si e’ stancato di seguire gli aquiloni
si e’ seduto tra i ricordi vicini, i rumori lontani
guarda il muro e si guarda le mani

….
 
Berlusconi for President
Sante Marafini
L’elezione di Silvio Berlusconi al Quirinale sarebbe una sciagura nazionale. Facciamo di tutto per evitarla! L’Italia che lo conosce e non lo vuole ha il dovere di farsi sentire, adesso!
Non ci sentiremmo MAI rappresentati da un presidente della Repubblica che milito’ nella P2 di Gelli, che frequento’ mafiosi come Vittorio Mangano, che beneficio’ di corruzione di giudici, che ha imposto al Parlamento leggi per evitare regolari processi in cui era imputato, che vanta, oltre a numerose prescrizioni, una condanna amnistiata per falsa testimonianza, che sfrutta una posizione dominante sui media per finalita’ di propaganda e di delegittimazione degli avversari politici, che e’ tutt’ora titolare del piu’ colossale conflitto di interessi dell’occidente democratico, che ha mentito innumerevoli volte agli italiani. Tutta la sua storia esprime disvalori e contraddice lo spirito di quella Costituzione che il Capo dello Stato ha il dovere di custodire.
Il personaggio e’ privo di cultura istituzionale. Per mentalita’, metodi, stile, obiettivi e’ estraneo alla democrazia delle regole.
La sua elezione alla massima carica repubblicana rappresenterebbe la piu’ grave umiliazione per gli italiani onesti. Il trionfo dell’Italia del malaffare.
MAI AL QUIRINALE !

http://www.liberacittadinanza.it/petizioni/berlusconi-al-quirinale-mai
..

Da bellaciao.org
Pietro Ancona
Lettera a Fassino e Colombo
dopo la vostra partecipazione alla manifestazione non della comunita’ ebraica romana ma della destra nazista della stessa (mi risulta che la rete ebrei per la pace ed altre associazioni l’hanno disertata) non vi resta che arruolarvi volontari ed andare anche voi a bombardare dal cielo o da un carro armato i terribili guerriglieri di Hamas (che poi sono i bambini, le donne e le città distrutte ed anche le loro pecore ed il loro bestiame ammazzato) Incoraggiando la destra sionista che vuole la soluzione militare e soltanto militare voi vi assumete gravissime responsabilità morali. Ma potete rispondermi: " E chi se ne frega? " Era la risposta che davano coloro che portavano il gagliardetto. Ve la poteva suggerire il vostro vicino di sedia oggi Gasparri. Vedo che vi trovate bene in compagnia dei fascisti italiani.
Cari saluti. Pietro Ancona
..
Fabrizio de Andre’
Via della poverta’
E bravo Nettuno mattacchione
il Titanic sta affondando nell’aurora
nelle scialuppe i posti letto
sono tutti occupati
e il capitano grida "Ce ne stanno ancora",
ed Ezra Pound e Thomas Eliot
fanno a pugni nella torre di comando
i suonatori di calipso ridono di loro
mentre il cielo si sta allontanando
e affacciati alle loro finestre nel mare
tutti pescano mimose e lilla’
e nessuno deve piu’ preoccuparsi
di via della Poverta’

A mezzanotte in punto i poliziotti
fanno il loro solito lavoro
metton le manette intorno ai polsi
a quelli che ne sanno più di loro,
i prigionieri vengon trascinati
su un calvario improvvisato lì vicino
e il caporale Adolfo li ha avvisati
che passeranno tutti dal camino
e il vento ride forte e nessuno riuscira’
a ingannare il suo destino
in via della Poverta’

La tua lettera l’ho avuta proprio ieri
ma racconti tutto quel che fai
ma non essere ridicola
non chiedermi "Come stai",
questa gente di cui mi vai parlando
è gente come tutti noi
non mi sembra che siano mostri
non mi sembra che siano eroi
e non mandarmi ancora tue notizie
nessuno ti rispondera’
se insisti a spedirmi le tue lettere
da via della Poverta’.

..
RIDIAMARO
 
Mauro Medeot
TG-MANDI DELLE 21 circa
ITALIA:
Berlusconi:
volo in Sardegna per campagna elettorale
Carfagna:
volo a casa per scampagnata a-letto-orale
Alitalia: rinasce il 13 gennaio
l’araba infelice!
ROMA: ALEMANNO, SCIACALLI GLI AUTORI DELLE SCRITTE ANTISEMITE
per chi scriveva viva il duce premio campanella!
ESTERI:
USA: DALL’ACQUARIO DI UN RISTORANTE ALL’OCEANO, A 140 ANNI ARAGOSTA TORNA IN LIBERTA’
ITALIA: DAL LABORATORIO UNIVERSITARIO AL PARLAMENTO, A CENTO ANNI LA MONTALCINI RESTA IN PARLAMENTO
Obama prevede salvare 3-4 mlioni posti di lavoro
Berlusconi, per non essere da meno, con una legge ad postun di lavorum, prevede di salvare 3-4 milioni di posti di cassa integrazione
POLITICA:
Giustizia, Berlusconi:
"Riforma pronta, intercettazioni ridotte"
InGiustizia, Popolo:
"Riforma rifatta, intercettazioni inutili"
Immigrazione:
governo boccia tassa,
Lega pero’ rilancia
il PD passa
l’IDV dice cip
Il PDL vede
piatto ricco mi ci ficco!
VARIE ed EVENTUALI:
Moda: arriva The Cavalli Card
dopo la social card la cavalli card
per la somaro card chiedere al figlio di Bossi!
Tempo:
Variabile con temperature in rialzo verso il basso, si prevede neve dove nevica e acqua dove piove, per sicurezza la protezione civile porta il livello d’allarme dove vuole, tanto nessuno lo capisce!
Oroscopo:
per tutti i segni cazzi vostri, per gli altri cazzi loro!
Sondaggi:
alla domanda:
perche’ vorreste essere berlusconi,
gli italiani hanno risposto:
l’80 % perche’ ha i soldi
il 20 % perche’ se fatto le ministre
la rimanenza perche’ lo stima
prossima edizione quando ne ho voglia
dal vostro inviato:
Emilio Pinocchio
direttore irresponsabile:
Umilio Fido
tecnico delle luci:
Edison
addetto alle pulizie dello studio:
Bassolino
..
Cesare Beccarla
Gli immigrati devono pagare piu’ tasse cosi’ i leghisti potranno continuare ad evadere. Geniale Bossi.
..
Come diceva sempre Eleonora: “Quel che non sopporto e’ l’ignorantita’.
..
http://www.masadaweb.org
Related Tags:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 14 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano