WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Saturday April 21st 2018

MASADA n. 851. 3-1-2009. Na gran magnata

E come dunque dovremo definire l’iperliberismo?
“Na gran magnata”.
 
Vi…
 
«Colui che scrive piu’ di quanto legge e’ con buona probabilita’ un pirla! Oppure non sa leggere»
 (Pier Paolo Pasolini)

..
E a marzo ‘sti gran ricchi / son tutti a’ Maddalena,/ felici, soddisfatti, con la panciona piena./ Si mirano, si incensano, si lisciano i coglioni,/ e noi, come salami, staremo tutti bboni./ Buttano qualche miliardo per fare pranzo e cena/ solo di foto costano quanto tutta Arzachena./ La sagra degli idioti/ rovina tutto il mondo/ e poi tutti felici ci fanno il girotondo./ Neanche Attila e Nerone/ andrebbero a congresso/ dopo il macello fatto/ con il carnaio appresso.
 

Nel 1973 i capi dei paesi piu’ ricchi del mondo ebbero voglia di riunirsi e fare una festicciola. Erano 7 zombi a sorriso macabro gia’ allora, poi divennero 8 poi nn, e crearono il G8 o “festa dei noantri”, un club esclusivo peggio del Rotary. Fecero quel che si fa alle feste, foto, stuzzichini e falpala’. Erano Usa, Giappone, Germania, Inghilterra, Francia, Italia e Canada, poi arrivo’ la Russia. Ci presero gusto i compagnoni e ogni tanto ripetevano la cerimonia, foto, stuzzichini e falpala’ e sorrisi a 440 denti coi giornalisti che sbavavano, i supervip del pianeta, quelli che te lo mettono in culo in modo tanto ‘in’.
Il mondo a poco a poco deviava, crollava, degenerava, ma i bischerelli non cambiavano mai, ripetitivi come la morte, e continuavano a fotografarsi sorridenti e grotteschi e si stringevano entusiasti la mano, 600 strette di mano a testa ogni G8, tutte regolarmente fotografate coi denti di fuori che alla fine gli restava la mascella inchiavardata, un rito macabro come vedere un consesso di zombi a testa di teschio, che mancavano solo le lapidi, o meglio le lapidi c’erano ma le lasciavano sul posto, un rito sacrale (o demoniaco), del resto si ritenevano una chiesa e il loro scopo principale era di essere venerati come divinita’ dai popoli che intanto deviavano, morivano di fame, migravano, crollavano, degeneravano, in modo molto plebeo e di cattivo gusto, come fanno i poveri che di trend ‘in’ non ne capiscono molto. Ma loro inossidabili continuavano a mostrare 890 denti a testa, grotteschi, sempre piu’ zombi, tra foto, stuzzichini e falpala’. La cerimonia diventava sempre piu’ costosa, sempre piu’ inutile, sempre piu’ barocca, e i popoli non ritraevano mai nessun vantaggio da questo rito primitivo e barbarico. Hamas continuava a lanciare razzi che uccidevano 1 civile e mezzo per puro caso, Israele mandava bombe che uccidevano 400 civili perfettamente azzeccati, e non si e’ mai capito perche’ le bombe che gli americani vendono a Israele sono intelligenti e quelle che i russi vendono ad Hamas siano cretine,  il Congo continuava ad essere dilaniato in modo ambivalente, il petrolio derubato, gli squadroni della morte dividevano gli utili insieme alle societa’ farmaceutiche e ai venditori di armi fratelli dei petrolieri, delle maitresse e degli allevatori di maiali, mentre gli OGM proseguivano la loro avanzata costosa con gli applausi dei Veronesi di turno e l’appoggio delle ultime trovate liberiste come il Trattato di Lisbona, le medicine per l’AIDS costavano piu’ di mille morti cadauna, non perche’ venivano date ma perche’ venivano negate, e i dittatori erano applauditi da folle rincretinite a braccetto di patriarchi cosiddetti cristiani che sull’AIDS e la miseria ci prosperavano, chiesa con chiesa, signore con signore, zombi con zombi, il grande rito per il grande totem del caimano, quel che e’ tuo e’ mio e quel che e’ mio e’ mio. E loro sempre li’, inossidabili, a fare cin cin sui morti per fame, che non c’e’ nulla come i morti per fame per farti venire appetito. Il mondo cambiava distrutto dal clan degli idioti, tra libero mercato che libero non era, e multinazionali molto multi e poco nazionali che contrabbandavano democrazia come se fosse coca. Loro a fiutare e noi sempre li’ come salami, e a marzo prossimo venturo il macabro rito si ripete, la fiumana dei mostri si ritrova al picnic della Maddalena, 8 o 12 o 20, che differenza fa? E’ il club piu’ esclusivo del mondo, inossidabile, ci entra solo chi ha distrutto il suo popolo o un pezzo di mondo. Il club dei divoratori. E noi sempre li’ come salami che l’unica cosa seria,dopo 35 anni che questi G8 del cazzo ci rompono i coglioni sarebbe  mettergli del cianuro nello sciampagne e mandarli al Creatore tutti quanti.
 
Viviana
..
L’incontro de li sovrani
 
Bandiere e banderole,
penne e pennacchi ar vento,
un luccichi’o d’argento
de bajonette ar sole,
e in mezzo a le fanfare
spara er cannone e pare
che t’arimbombi dentro.
Ched’e’?1 chi se festeggia?
E’ un Re che, in mezzo ar mare,
su la fregata reggia
riceve un antro Re.
Ecco che se l’abbraccica,2
ecco che lo sbaciucchia;
zitto, che’ adesso parleno…
-Stai bene? – Grazzie. E te?
e la Reggina? – Allatta.
– E er Principino? – Succhia.
– E er popolo? – Se gratta.
– E er resto? – Va da se’…
– Benissimo! – Benone!
La Patria sta stranquilla;
annamo a colazzione… –
 
E er popolo lontano,
rimasto su la riva,
magna le nocchie e strilla:
– Evviva, evviva, evviva… –
E guarda la fregata
sur mare che sfavilla.
 
Trilussa
..
Tremonti come Luigi XVI, dopo di me il diluvio
Viviana Vivarelli
 
Tremonti e il disavanzo sono fratelli. Tremonti manda i conti in rosso mentre Berlusconi porta sfiga addirittura mondiale. Il gia’ visto si ripete, puntuale come i saldi di stagione. E’ passato un anno e gia’ il disavanzo pubblico e’ raddoppiato, ma Tremonti dice che i conti sono in ordine e l’UE e’ contenta. L’operazione e’ riuscita ma il paziente e’ morto. Sifiga per il paese che era debole di costituzione.
Al momento la casta consuma il soprappiu’ di Prodi e poi cosa fara’? Aumentera’ le tasse agli italiani? Pero’ compra crocifissi da 3 milioni, si fa agendine di Gabrielli, acquista squadriglie di caccia, aumenta l’impegno bellico, perpetua le multe di Rete4, butta enormita’ nel G8 alla Maddalena, spreca’ sangue per l’Expo, e intanto sciala 5 miliardi a Gheddafi, regala 4 miliardi di Ici e altri 4 miliardi li da’ a Banca Intesa nella frode Alitalia (mezza finanziaria fottuta per i vizietti di Berlusconi), elimina gli studi di settore e nullifica la commissione antimafia, e, naturalmente, non ci pensa nemmeno a mettere tetti ai superstipendi o ridurre il numero di parassiti onorevoli e parassiti cortigiani, mentre riscuote solo l’1% delle evasioni scoperte. Intanto che il paese appassisce fioriscono i pregiudicati in Parlamento e Berlusconi freme dalla voglia di depenalizzare anche la bancarotta fraudolenta, premiare i furti di Stato e farsi una giustizia di comodo che salvi i corrotti e faccia senatore chi collude con Cosa Nostra.

Ci teniamo le inutili Province, un Parlamento smisurato nullafacente, emolumenti di cariche pubbliche superiori al resto d’Europa, stipendi stratosferici di manager e consulenti, vacanze a go go di magistrati e alte cariche, mentre l’assenteismo e il clientelismo la fanno da padrone.
Tra poco, grazie al federalismo, il carrozzone di Stato raddoppiera’, e si ingrasseranno persino le Regioni a statuto speciale, le grandi sanguisughe di Stato, perche’ qui dell’inutile e criminoso non si butta via nulla, l’elefantiasi dello spreco e’ la malattia perenne, e alla fine lo Stato fara’ crollare col suo peso le fondamenta trascinandoci a fondo tutti.
E che qualcuno, in questa situazione tragica, se ne esca a dire che, se lo Stato “non ha soldi, chiuda i servizi pubblici”, e’ davvero efferato. Si vorrebbe che gli idioti pagassero le tasse per cosa? Per mantenere la corte del re Sole?
In due anni Prodi dimezzo’ il disavanzo, in un anno Tremonti lo ha raddoppiato. Prodi porto’ l’avanzo primario da 0,3 a 2,5. Tremonti a cosa ci portera’? Il baratro finanziario ci aspetta. Nella crisi mondiale il malgoverno italiano e’ una chicca a parte e ce lo godiamo tutta. Ladri, criminali e incapaci! E con le cose che vanno gia’ cosi’ male pensare agli sprechi e ai furti di questi parassiti ci fa illividire. Altri 4 anni di finanza allegra alla Tremonti e alla Berlusconi e finiremo sotto terra. Intanto quelli si premuniscono, smettere di rubare non possono, ma fanno di tutto per non farlo sapere e annullarsi ogni remora penale. Riforma della Giustizia la chiamano E piu’ i processi bruciano loro il culo, piu’ si affrettano a ripetere che bloccare la Giustizia e’ necessario e quel gran lenone di Napolitano richiama a una concordia di intenti, affinche’ tutti chiudano il pollaio finche’ le volpi macellano. Viva la destra ladrona! Viva la Lega che le tiene il sacco! Viva AN che ha preferito suicidarsi per i vantaggi privati di un ducetto privato che ha mandatoa carte quarantotto storia, patria, democrazia e nazione.
..
Da Nonciclopedia
 
Il liberismo economico e’ una subdola e deleteria invenzione prekeynesiana degli Alieni Capitalisti, i quali, come al solito, per diffonderla in tutto il pianeta si servirono di economisti terrestri prezzolati e di Bruno Vespa.

Definizione rigorosa
Dicesi liberismo economico la prassi di intascare profitti ed extra-profitti delle attivita’ produttive, ricevere contributi dallo Stato, dalle regioni e dall’Unione Europea, sottopagare i lavoratori – detti manodopera – diffondere prodotti scadenti e adulterati fregandosi i soldi dei consumatori, emettere junk bonds (titoli "spazzatura") con la complicita’ delle banche, praticare aumenti ingiustificati dei prezzi, influenzare con notizie false e tendenziose le quotazioni di borsa e poi scappare in qualche isola esotica o paradiso fiscale con il maltolto, un attimo prima che arrivi in ufficio la Guardia di Finanza.
..
Bush
Viviana
 
Il piu’ amato tra i presidenti USA, conosciuto come ‘il dislessico’.
Quello che inventato il fine neologismo ‘bomba nuculeare’ (sentire per credere).
Uno dei tanti presidenti USA noto come ‘il bombardatore’, il famoso ‘The bomber’ della valpadana, quello che metteva le lamette nel formaggino, da cui la famosa espressione “Ma bombardati i coion, cabron!”
“Dove hai messo le armi di distruzione di massa?”, chiese Bush senior a Bush junior, che allora, mi ricordo, era un tardo ragazzotto di 8 anni con gli occhi incrociati e le gambe storte.
Da allora il ragazzetto, sempre con gli occhi incrociati e le gambe storte, le sta ancora cercando.
E la democrazia ‘n do sta’? Sta infrattata in the bush (cespuglio).
Unico idiota al mondo, Berlusconi ha detto che Bush e’ stato un fine statista. Tra fini statisti di tale calibro ci si intende.
Le cose migliori di Bush le ha fatte il cane Barney mentre Bush era ubriaco.
Le armi di distrazione di massa gliele ha nascoste Barney. Fine questo Barney! Una volta ha morsicato Bush. Anche un cane di piccola taglia ha la sua dignita’ umana.
Mentre Bush passera’ alla storia come il presidente preso a scarpate, Barney ha conservato tutta la sua bella figura, grande cane!
Quando giornalista irachena tiro’ la scarpa a Bush chiamandolo cane, era un remaque. I comanche da un pezzo lo chiamavavano ‘cane pazzo’ (in lingua comanchee Dabliu Bush) lanciandogli dietro ogni sorta di porcheria.
Citazione su Saddham: "Un uomo buono, altruista … i gas nervini li regalava sempre agli altri!" (Pol Pot)
Bush non e’ male. Dopo Rosa e Olindo arriva terzo. Berlusconi a pari merito, ma un poco indietro come si conviene ai lecchini.
Come disse Bush di Falluja: “Questa ce la sia fumata”.
Quel che disse Bush di Berlusconi : ““Quel ricchione mi sta togliendo popolarita’!”
La morale dell’occupazione afgana: ““Tulli tulli pani pani, tu coltivi i talebani”.
Segnalata la presenza del Mullah Omar al Motor Show di Bologna. La Nannini canta per lui: “Tu sei bellissimo”.
Monteventi si affretta a regalargli un prosciutto ma il Mullah lo scambia per un’arma di distruzione di massa.
In un sussulto di orgoglio Fidel Castro tenta di batterlo su un deambulatore, ma non c’e’ gioco.
E ora? Il gioco dell’oca ricomincia?
..
Considerazioni sul discorso d Napolitano
Pietro Ancona
 
Confesso che non ho avuto voglia di sentire il discorso del Presidente. E’ la prima volta che mi capita dopo tanti anni. In qualche modo avevo delle prevenzioni che derivano dai suoi recenti comportamenti e non avevo voglia di sentire in diretta cose che non condivido, banalita’ e ipocrisie. Oggi ho letto e riletto il testo scritto pubblicato dai giornali.
Per un Presidente che ha sollevato la questione degli omicidi e degli infortuni sul lavoro ed ha autorevolmente spinto la stampa e l’opinione pubblica ad occuparsene, e’ davvero singolare avere ignorato nel suo discorso i morti e infortuni del 2008 e quante resistenze esistano nel governo e nella confindustria per svuotare di contenuto le poche norme che si e’ riusciti a strappare e le manovre che sono in corso per depenalizzare e ridurre ai minimi termini la responsabilita’ delle aziende. Il modo con il quale ha trattato le questioni del lavoro e specialmente del lavoro precario e’ del tutto generico e privo di mordente.
Da questo punto di vista, il Papa, pur avendo i suoi scheletri nell’armadio, ha detto chiaramente che cosa significa il lavoro precario per chi deve farlo e per l’Italia: privazione della speranza, impossibilita’ ad organizzare il futuro, cosa che si ripercuote sull’Italia tutta che e’ e sara’ ancora di piu’ una nazione infelice con un’area di venti milioni di lavoratori che, per vari fattori, stanno male.
Non un cenno a salari bassi, senza indicizzazione e piu’ bassi del 30% di quelli europei; erosione dei diritti ed attacco alle poche tutele rimaste; pensioni oramai inesistenti, degrado delle strutture del welfare, impossibilita’ a reggere i costi della privatizzazione di tutti i servizi dai quali lo Stato si ritira a cominciare dagli asili nido.
Alza toni lamentosi contro la crisi che verrebbe dagli USA senza dire una sola parola sulla responsabilita’ delle scelte truffaldine del sistema finanziario americano che ha messo in ginocchio il mondo.
E’ inoltre scandaloso che non abbia denunziato la divaricazione crescente tra i salari dei lavoratori che decrescono e sono ormai di fame e gli emolumenti dei managers pubblici e privati e il costo, oramai insostenibile della politica che oramai incide in modo significativo sul prodotto interno lordo, lacera moralmente l’Italia e offre punti di riferimento alla criminalita’ organizzata.
E’ diventata stucchevole la richiesta della collaborazione, della intesa tra maggioranza ed opposizione. Intanto perche’ il Parlamento esiste non per fare inciuci bipartisan ma per sviluppare una vigorosa dialettica democratica, in secondo luogo perche’ la sinistra e’ stata espulsa dal Parlamento per via di una legge truffaldina ed oligarchica che ha cambiato per sempre gli organismi scaturiti dalla resistenza e una volta garantiti dalla Costituzione. L’inciucismo proposto da Napolitano si svolgerebbe tutto o quasi tutto su i decreti del governo Berlusconi che dovrebbero essere recepiti da un Parlamento non solo esautorato ma acquiescente e complice.
A proposito delle missioni degli italiani nel mondo, ha detto che queste servono a garantire la pace e sradicare il terrorismo. In Afghanistan, in Irak e altrove collaboriamo con gli eserciti di occupazione. Il terrorismo, ricordiamolo, non sarebbe altro che la resistenza al nemico riconosciuta in un raro momento di sincerita’ da Bush quando ebbe a dire che avevano ed hanno ragione le persone che combattono per la loro terra, la loro patria. L’Italia e’ impegnata in collaborazioni se non di tipo ascaristico certamente soggette ai comandi strategici e tattici dell’Impero e dei suoi arroganti e spesso sanguinari ufficiali. L’occidente ha impestato i territori occupati di killer, di contractors ed ha di fatto espulso tutta la stampa libera tenendosi solo quella emdedded e controllata dall’Esercito USA. Trovo assai carente l’attenzione riservata alla criminale aggressione di Israele verso un popolo inerme. L’Italia di Pertini, di Saragat, di Moro, di Fanfani avrebbe certamente chiesto con forza la fine della aggressione.
Tutti coloro che accettiamo senza protestare la carneficina di Gaza abbiamo le mani macchiate di sangue!! Lo Stato del popolo che fu ingiustamente dichiarato deicida e per questo subi millenni di persecuzione specialmente dalla Chiesa e’ diventato uno Stato genocida pericoloso per tutti i suoi disgraziati vicini e per coloro che tiene chiusi sotto un muro apocalittico da tanti anni, privandoli delle liberta’ naturali e riconosciute dal diritto internazionale.
Da bellaciao.org
..
La Garavini, chi era costei?
Viviana
 
Ma voi sapete qualcosa di come sia finita in Italia la commissione antimafia? Gia’ sarebbe arduo sapere cosa ha fatto sinora questa commissione che sembra finita nel novero degli enti inutili, ma tant’e’. Pero’ nominalmente esiste, come esiste il comitato dei fiumi dell’Eritrea o la compagnia aerea di Cesare Balbo.
C’e’ qualche partito che sia interessato alla lotta alla mafia? Faccio un nome a caso, il Pd? Ora io non credo che manchino persone che magari sono state anche vittime della mafia, un Nando della Chiesa, per es.
Sapete il Pd chi ha pensato di mettere come presidente di commissione antimafia? La Garavini. E chi sarebbe costei? Nessuno la conosce, e’ una giovane deputata alla sua prima legislatura, eletta in…Germania. E’ giovane, non sa nulla di mafia e viene dall’estero. Perfetta!
Ma per caso questa Garavini ha guidato qualche movimento di opinione in Germania contro la presenza della ‘Ndrangheta? No. Ha scritto qualcosa contro la camorra? No. Ha partecipato all’inchiesta dei 7 italiani ammazzati a Duisburg? Macche’.
Ora di magistrati o giornalisti o uomini di lotta che hanno rischiato la vita in Italia contro la mafia non ne mancano. Perche’ il Pd farebbe proprio scelte di questo tipo?
Nella commissione stessa ci sono persone illustri: Alberto Maritati, alto magistrato che ha fatto inchieste importanti sulla Sacra Corona Unita e che e’ anche stato sottosegretario agli Interni; Achille Serra, gia’ questore di Milano e prefetto di Firenze e Roma; Beppe Lumia, gia’ presidente dell’antimafia, figura storica del movimento e bersaglio ambito dei clan; Gianrico Carofiglio, magistrato e scrittore. E chi si sceglie per un ruolo cosi’ importante? Chi ne sa meno di tutti.
Ora, pensate voi che la Cupola o la Sacra Corona Unita scelgano i loro capi tra dei pivelli per la lotta contro lo Stato? Fessi sarebbero, una fetenzia. Ma questo il Pd fa e disdoro con queste scelte raccoglie. Chi idiota si fa perda i suoi voti! O forse, come dell’Italia, anche della mafia nel Pd non gliene frega nessuno. E allora perche’ meravigliarsi se in Sicilia il Pd non prende voti ed e’ in caduta libera nei consensi?
….
Riccardo Orioles
 
QUANDO PASSAVANO I GIUDICI PER LE VIE DI PALERMO

Quando passavano i Giudici per le vie di Palermo
e fiaccole s’alzavano a liberare la notte
Quando per vie antichissime i ragazzi sfilavano
con visi da Platea, da Ponte dell’Ammiraglio, da Vespri
Quando la liberta’ ci reclamo’ come falene
serenamente ordinandoci: "tu, tu e tu"
Quando insolenti ricreammo per un attimo il mondo
e sghignazzando spingemmo via gli assassini
Quando gli dei impauriti si scansavano
al passaggio invincibile dei bambini
Quando Sancho e Quijada spronavano
asini spelacchiati e traballanti ronzini
caballeria dei poveri, hidalgos senza pari,
regni presi d’assalto e giganti atterrati
Quando eravamo immortali

..
RIEPILOGO

A vent’anni credevo in molte cose
e avevo molti amici.
E quando hanno alzato le barricate
per le strade e all’universita’
anch’io ho aiutato a costruirle
ed ho lottato per un giorno intero
a colpi di selciato, il fazzoletto
premuto in bocca contro i lacrimogeni.
Poi sono stato dentro per un mese
ma non mi hanno fatto niente
e quando sono uscito mi hanno detto.
di comportarmi bene in avvenire.
Dopo, ho studiato, ho dato molti esami,
son diventato adulto
la macchina la casa la televisione
la gente che ti chiama ingegnere.
Io sono un uomo solido, quadrato,
eppure una volta ho fatto la rivoluzione
(molto tempo fa).
..
http://www.masadaweb.org

Related Tags:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 17 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano