WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Tuesday February 20th 2018

MASADA n. 834. 2-12-2008. Una Chiesa nazista

La Chiesa si oppone alla depenizzazione dell’omosessualita’ nel mondo – Ratzinger equipara il cristianesimo al liberismo – Berlusconi aumenta al 20% l’Iva a Sky – Berlusconi annulla le sovvenzioni alle energie pulite e si mette controcorrente rispetto a Obama e all’UE – Bush dice che si e’ sbagliato
 
Una chiesa nazista
Viviana Vivarelli
 
Quando il diavolo si morde la coda si intorcina al di la’ di qualunque logica e buon senso.
Vi ricordate i leghisti che dicevano di sentirsi discriminati in quanto erano accusati di essere razzisti e xenofobi?
La Chiesa fa di peggio, un vero insulto alla logica.
Copio da Repubblica: " Il Vaticano si oppone alla proposta di depenalizzazione universale dell’omosessualita’, presentata all’Onu dalla Francia. L’osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite, monsignor Celestino Migliore, ha spiegato che l’Onu non deve depenalizzare l’omosessualita’ perche’ cio’ porterebbe a nuove discriminazioni, in quanto gli Stati che non riconoscono le unioni gay verranno "mesi alla gogna". Tutto cio’ che va in favore del rispetto e della tutela delle persone fa parte del nostro patrimonio umano e spirituale. Il Catechismo della Chiesa cattolica, dice, e non da oggi, che nei confronti delle persone omosessuali si deve evitare ogni marchio di ingiusta discriminazione. Ma qui in riferimento alla proposta in favore della depenalizzazione dell’omosessualita’ nel mondo intero – la questione e’ un’altra. Con una dichiarazione di valore politico, sottoscritta da un gruppo di paesi, si chiede agli Stati ed ai meccanismi internazionali di attuazione e controllo dei diritti umani di aggiungere nuove categorie protette dalla discriminazione, senza tener conto che, se adottate, esse creeranno nuove e implacabili discriminazioni…."

Perdonali, Signore perche’ Satana ha confuso le loro menti.
Sarebbe come se Hitler vedendo i partiti europei contrari al suo antisemitismo dicesse che cio’ discriminava la Germania.
Alla follia e alla malvagita’ ormai non c’e’ piu’ limite.
L’Arcigay ricorda che in molti Paesi del mondo sono previste sanzioni, torture, pene e persino l’esecuzione capitale contro le persone omosessuali. La scusa per cui la richiesta francese non dovrebbe passare perche’ da quel momento gli stati che non riconoscono le unioni gay sarebbero messi all’indice, non solo non ha alcun senso, ma e’ una cinica bugia per nascondere cio’ che realmente il Vaticano vuole: mantenere la pena di morte e il carcere per le persone omosessuali.
Dunque tutti i discorsi fatti sugli omosessuali dalla Chiesa erano discorso di immane ipocrisia. In realta’ nulla distingue questi preti dai piu’ feroci nazisti.
Satana e’ entrato nella Chiesa cattolica e sembra bene insediato. Il suo primo segno del male e’ la discriminazione, il rifiuto di riconoscere l’altro uomo come fratello. Il Diavolo e’ dia ballein, il grande separatore. Cio’ che il bene unisce Satana divide.
La Chiesa ha ogni intenzione di proseguire coi suoi principi satanici e questi produrranno grande male ovunque.
I bambini continueranno a essere violentati e la chiesa proteggera’ il prete violentatore ma non il bambino che ha subito violenza.
Le donne continueranno a essere discriminate dalla gerarchia come esseri inferiori e i loro corpi saranno usati come oggetti senza diritti o autodeterminazione, per glorificare le gerarchie maschili.
Gli omosessuali continueranno a essere considerati peccatori da punire.
Il sesso continuera’ ad essere il primo strumento con cui la Chiesa intende manovrare l’uomo.
E le leggi del Vaticano continueranno a mantenere la pena di morte.
Tutto secondo il piu’ perfetto stile nazista.
E poi hanno anche il coraggio di osannare Pio XII e di farlo santo, negando la complicita’ coi nazisti, il suo silenzio colpevole, l’aiuto nel  momento del crollo per la salvezza dei grandi capi del nazismo in America Latina tramite la Croce Rossa.
La Chiesa di Roma ha un bel  ripetere di essere l’unica chiesa legittima a portare il nome di Dio
Questi atteggiamenti malvagi attestano che Dio l’ha da tempo abbandonata e la sua mancanza di amore e di spirito di giustizia segnano il suo errore e la sua rovina.
Nessuna persona civile e di buon senso la puo’ seguire.
L’Islam fa peggio? Va bene allora mettiamoci alla pari con l’islam piu’ integralista sull’omosessualita’ e il trattamento alle donne, alla pari con la Romania sull’inquinamento, alla pari della Polonia con le basi militari americane, alla pari dell’Argentina per l’economia, alla pari del Bangladesh per la corruzione politica…
Ora fascisti e nazisti verranno fuori dai loro antri puzzolenti per dire le loro sconcezze antiumane, forti anche delle parole del cardinal Migliore. Mai nome ha fallito tanto la persona. Ma non potevano fare papa Martini? Anche con la sua malattia era sempre migliore di questi spaventosi gufi neri, tratti di peso dalle pagine fosche dell’Inquisizione.
Il mondo crolla devastato dalla propria avidita’ e dalla mancanza di compassione e di rispetto ma la Chiesa non trova di meglio che sollevare falsi scandali e inutili crociate contro religioni diverse, omosessuali, donne e bambini, a favore di embrioni andati a male, morti attaccati a macchine e col cervello sfatto, e lugubri discriminazioni di un passato pieno di sofferenza e satanismo che andava riscattato con un’etica migliore e piu’ evoluta.
Ma chi resta attaccato al passato piu’ nero merita solo la fine.
..
Il razzista comincia con l’inventarsi una razza
Metti: ariani, o galli boi
Da’ a queste invenzione un colore e dei simboli
Tipo: nero, teschio e tibie, Gott mit uns, camicie marroni..
O anche: verde, fiore a formaggino, Roma ladrona, camicie verdi, Dio Po…
Si predica a lungo la difesa del territorio, leggi spazio vitale, Lebensraum, squadre di protezione..
Per difendere lo stesso si fanno aggressioni e lesioni a quelli degli altri
Poi si differenzia la razza cacciandoci fuori qualcuno
Mettiamo: ebrei, zingari, handicappati, omosessuali, comunisti..
Oppure: donne, terroni, vu cumpra’, zingari, omosessuali, comunisti..
La Chiesa bifaccia fa discorsi abbastanza vaghi e finisce con l’appoggiare le discriminazioni o finge di non vederle.
Presta comunque il crocifisso e altri simboli sacri alla cacciata dei diversi.
L’alta borghesia quota in pieno.
Il risultato lo sappiamo. In fondo a questo cunicolo c’e’ il lager e i roghi dell’Inquisizione.
..
L’Unita’
 
Insomma meglio tenersi le discriminazioni che far subire la gogna ai Paesi che alla gogna mettono gli omosessuali. Come dire che la moratoria sulla pena di morte discrimina gli Stati che ancora la attuano.
Intanto una parrocchia cattolica in Australia, St. Mary’s di Brisbane, rischia la scomunica dei suoi due sacerdoti, accusati di benedire le coppie gay, far predicare le donne e amministrare i sacramenti in modo anomalo. Una riunione di parrocchiani ha deciso di respingere un ultimatum dell’arcivescovo della diocesi, John Bathersby, che intimava loro di allinearsi a pratiche considerate accettabili dal Vaticano. Dietro pressioni da Roma, monsignor Bathersby aveva dato tempo fino ad oggi per allinearsi agli standard tradizionali, minacciando la scomunica per la parrocchia e per i suoi due sacerdoti. In una lettera di tre pagine consegnata a padre Peter Kennedy, parroco di St. Mary’s da quasi 28 anni, l’arcivescovo descriveva la parrocchia di 700 fedeli come «un’autorita’ a se’ stante, che ha stabilito una sua variante della religione».
In una lettera consegnata oggi all’arcivescovo, i parrocchiani respingono l’accusa di non essere in comunione con la Chiesa cattolica. Secondo esponenti cattolici progressisti, citati dal quotidiano The Australian, il Vaticano riceve pressioni a chiudere St. Mary’s dall’Opus Dei, che e’vicina all’arcivescovo di Sydney, cardinale George Pell.
..
Corriere
Anche l’Italia, come gli altri 26 partner comunitari ha firmato la proposta per la depenalizzazione dell’omosessualita’ nel mondo, che la presidenza francese di turno dell’Ue si appresta a presentare all’Onu.
Contro la posizione del Vaticano si sono espresse tutte le associazioni degli omosessuali e diversi esponenti politici. «Quasi ogni mese come parlamentari europei lanciamo appelli contro le condanne a molti anni di carcere e talvolta anche a morte, che diversi Paesi continuano ad affliggere a persone la cui unica colpa e’’essere omosessuali. La posizione del Vaticano – ha detto Vittorio Agnoletto, eurodeputato del Prc – e’ gravissima e incoraggera’ questi Paesi a proseguire nei loro comportamenti discriminatori».
«Nessuno vuole difendere la pena di morte per i gay» ha detto padre Federico Lombardi, portavoce del Vaticano. Cio’ a cui la Chiesa «si oppone e’ una iniziativa di alcuni stati europei (o forse della burocrazia di Bruxelles) che vuole definire per gli omosessuali uno status privilegiato».

..
Viviana
 
Pazzesco! Pensate se al tempo di Hitler una analoga proposta di eliminare le persecuzioni contro gli ebrei avesse fatto scattare la denuncia della Chiesa di dare agli ebrei “uno status privilegiato”? La cosa e’ talmente abnorme da fare ribrezzo! Togliere le persecuzioni alle vittime non potra’ essere mai "dar loro uno status privilegiato"?
Ma come mai tutti i democratici italiani non insorgono a un solo corpo?
..
Chi fa le vignette puo’ essere spietato.  Giorni fa in Iran hanno impiccato due omosessuali ventenni. La vignetta mostra Ratzinger davanti a un patibolo da cui penzola un impiccato con una battuta micidiale che dice: “E lasciateli penzolare!”
 
Vauro ritrae lo stesso Ratzinger come un carceriere che, invece delle chiavi di San Pietro, tiene le chiavi di una segreta.
 
In effetti la reazione quasi fobica della Chiesa verso gli omosessuali alimenta la dichiarazione allucinante di Monsignor Migliore, osservatore della Santa Sede presso l’ONU. Non puo’ sfuggire alla Chiesa che quello che non si combatte si consente.
La dichiarazione di Monsignor Migliore lascia attoniti per la sua crudelta’.
La Chiesa nel suo interno puo’ fare quello che le pare, puo’ considerare l’omosessualita’ un peccato ma non puo’ ostacolare chi vuole che essa non sia piu’ considerata un reato nel mondo.
Ma essa non sembra voler distinguere tra peccato e reato, nelle sue intenzioni si comporta come se il mondo intero fosse soggetto al suo integralismo e come se le decisioni del Papa valessero come comandi universali, in questo allarga perfino il confessionalismo  totale di certi gruppi islamici fondamentalisti. Il Papa dovrebbe capire che quello che egli decide come legge non puo’ sovrastare la legge civile.
La reazione all’incauto e perentorio Monsignor Migliore e’ stata enorme. Le sue parole (tra l’altro precisamente riportate) hanno levato grave scandalo. Ora la Chiesa cerca di correggere il tiro: “Le parole di Monsignore sono state fraintese”. Migliore intendeva negare solo i matrimoni tra gay e il diritto di aborto (ma di questo Migliore nemmeno parlava).
Insomma la Chiesa fa come B, non sta capita. Ora pretende con malizia che il peccato stia non nella bocca di chi parla ma nell’orecchio di chi ascolta. I grandi maestri della comunicazione non sanno fare comunicazione? Ora cominceranno i distinguo e alla fine la colpa sara’ degli omosessuali che non si fanno capire.
..
L’omosessualita’ e’ considerata reato in 91 paesi del mondo e mette l’omosessuale a grave rischio personale.
In 9 e’ passibile di pena di morte: Mauritania, Niger, Sudan, Arabia saudita, Emirati arabi, Yemen, Katar, Barein e naturalmente Iran. Il Vaticano si mette a livello di costoro.
La penalizzazione dell’omosessualita’ e’ contraria alla Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo.
Si noti che i paesi che perseguitano gli omosessuali con la pena capitale sono gli stessi che perseguitano i cristiani. Davvero una bella commistione coi peggiori!
 
Il teologo Vito Mancuso dice che il discordo di Monsignor Migliore e’ incoerente, contorto e pretestuoso, davvero un pessimo esempio di fede cristiana!
Ora tentare di salvare tutto facendo il raccordo coi matrimoni gay suona anche peggio, perche’ non e’ logicamente possibile alcun passaggio tra gli orrori a cui i gay sono condannati e un possibile matrimonio. Come si fa a difendere l’impiccagione di un uomo dicendo che altrimenti ci sarebbe il pericolo di matrimonio con un suo simile? Dietro questo dichiarazioni orrende appare una paura fobica, immotivata, irrazionale, ossessa, quale solo dei gravi repressi sessuali possono avere e che mostra come l’innaturalita’ delle imposizioni sessuali a cui la Chiesa ha costretto i suoi preti li abbia del tutto deformati.
L’omosessualita’ non e’ una scelta, e’ una natura, si nasce cosi’, come si nasce coi capelli biondi e bruni, e la demonizzazione che la Chiesa ne sta facendo ha qualcosa di diabolico.
 
Ma l’Osservatore romano pretende di far credere che le parole di Migliore sono state ingigantite. In realta’ egli non ha fatto che ripetere un’ossessione della Chiesa di Roma con cui essa tenta una identita’ impossibile sul luogo dei divieti quando ha mancato la sua missione sul luogo dell’amore. Ma L’Osservatore romano insiste con le menzogne, dice che “da sempre la Chiesa si e’ battuta per il rispetto alla persona, ma questo rispetto non deve diventare pretesto per giustificare le nozze gay”. Ma dove mai e’ esistito nella storia della Chiesa questo rispetto per la persona? Quanta dimenticanza c’e’ in questa presunzione? Migliora paventa che siano messi alla gogna quei paesi che perseguitano i gay e forse qui il Vaticano si e’ sentito fischiare le orecchie e si e’ sentito additato al ludibrio internazionale per le infamanti campagne di persecuzione morale che fa agli omosessuali. Quanti passi indietro si sono fatti dalle aperture che si erano viste con papa Giovanni!
.. 
Notiamo come il semestre francese di presidenza UE abbia partorito qualche diritto dell’uomo, quando il semestre di Berlusconi sorti’ solo lazzi e frizzi e la vergogna per il nostro paese.
 
Ma di questo alcuni sembrano totalmente ignari.
..
Segavano i rami sui quali erano seduti. E si scambiavano a gran voce le loro esperienze, di come segare piu’ in fretta. E precipitarono con uno schianto. E quelli che li videro, scossero la testa e continuarono a segare.
Bertolt Brecht
..
Paolo Farinella, prete
 
come tutti (o quasi) sapete il Benedetto XVI con una iniziativa che crea un precedente pericoloso, ha scritto una prefazione in forma di lettera ad un saggio del sen. Marcello Pera, il capostipite degli “atei devoti” in Italia. In questa lettera il papa fa una equazione tra cristianesimo e liberalismo, ponendo cosi’ le premesse teoriche per una religione civile e giustificando tutte le ingiustizie economiche di cui e’ causa il liberalismo che genera l’aberrazione economica del libero mercato. Poiche’ non rappresento alcuno e non voglio dare adito ad accuse di complotto, dopo essermi consultato con alcuni amici, per la terza volta, mi assumo personalmente e pubblicamente la responsabilita’ di contestare al papa affermazioni opinabili e criticabili, sulle quali egli non esercita alcun magistero. Si’, su tante materie, anche il papa sbaglia: sbaglia quando vuole riportare la liturgia al passato; sbaglia quando permette di fare leggere pubblicamente la Bibbia a personaggi politici che sono la negazione della Parola di Dio; sbaglia  quando fa affermazioni che contraddicono il Concilio ecumenico Vaticano II e sbaglia quando contraddice se stesso, come dimostro nell’appello pubblicato.
Poiche’ nel mondo cattolico, non ho visto eccessive prese di distanza dalla prefazione del papa al saggio di Pera che secondo me e’ grave e densa di conseguenze negative, offro a quanti lo vorranno un breve testo di risposta. Chi lo condivide, puo’ firmarlo, chi non lo condivide puo’ passare oltre. Le firme raccolte non hanno lo scopo di essere spedite, ma hanno solo la funzione di una testimonianza personale davanti alla propria coscienza, alla Chiesa e al Mondo. Verra’ un giorno in cui i credenti e anche i non credenti di questi tempi verranno accusati di avere taciuto, rassegnati di fronte ad una situazione disastrosa di Chiesa e di civilta’. Non voglio essere tra gli accusati, ma voglio porre una pietra a sigillo di una presenza sofferta, eppure piena di speranza.
Invito tutti coloro che sono attenti e sensibili a queste cose a diffondere il documento e il link seguente di Arcoiris dove e’ possibile firmare in tempo reale.
Per firmare, qui:  http://appelli.arcoiris.tv/risposta_prefazione/
A tutti e a tutte un abbraccio sincero
Paolo Farinella, prete – Genova
 
Don Aldo
Caro Paolo, la distanza non scalfisce la solida sintonia che da tempo ci  lega. Non so se succede anche a te; personalmente ti confesso che, lentamente, ma inesorabilmente, questo Papa si sta rendendo sempre piu’  marginale tra le "voci" che contribuiscono a dar voce al mio credere e al  credere di quanti amano spassionatamente una chiesa serva in un mondo  adulto.
Qui non si tratta di buona o malafede, bensi’ di prospettive e di orizzonti  diversi. Una chiesa arroccata nel proprio narcisismo autosufficiente e autoritario, disincarnata e quindi incapace di quell’atteggiamento di ascolto che la fa anche discepola, oltre che maestra, come puo’ essere "lievito che fermenta", "luce che illumina", compagna di strada a quel mondo cui si oppone e che e’ incapace di comprendere nelle sue istanze piu’ umane,
mentre diventa connivente con i suoi presupposti piu’ omofobici e  antidemocratici?
don Aldo Antonelli
..
A Taranto i bimbi muoiono di diossina.

Taranto e’ la citta’ piu’ inquinata del mondo. Produce il 93% della diossina italiana. Ce n’e’ per 9 chili, il triplo di Seveso. I cittadini in piazza per una grande manifestazione contro l’Ilva. "Il tasso di tumori e’ aumentato del 40%"
– Il rapporto choc: "Ogni bambino inala 780 sigarette all’anno"
Ma la Prestigiacomo dice che tutto va bene, ha licenziato gli esperti per fare un team di suo gradimento e ha innalzato i massimali di concentrazione accettabili. Possa morire di cancro al polmone anche lei! Del resto una che per stare al governo prima si mette con  Fini e dopo sotto “la protezione” del padrino dell’Utri non merita altro.

Viviana

Non c’e’ nessuna strada facile per la liberta’
Un vincitore e’ semplicemente un sognatore che non si e’ mai arreso.

Nelson Mandela
.. 
Ermanno Bartoli
“IBERNAZIONE”
Resistero’ quell’attimo in piu’
di quanto non dureranno le tempeste,
la guardia alta – all’angolo –
come si addice ad un incassatore.
E tratterro’ per me il respiro
finche’ ne avro’ bisogno,
e aiutato dalle corde
mi sosterro’ dai colpi,
la guardia alta
come si addice ad un incassatore.
E tratterro’ per me i pensieri…
e tratterro’ per me il mio ardire,
la voglia di ribattere a ogni colpo –
la guardia alta –
come si addice ad un incassatore.
M’ibernero’ il cuore
Cosi’ da non sprecarlo troppo nello sforzo
ed esser pronto,
piu’ giovane di quanto la mia vita,
per quando potro’ uscire e finalmente…

Resistero’ quell’attimo in piu’.

.
Pare che il Padre Eterno, per compensare l’uomo delle enormi carenze fisiche nei confronti degli animali, lo abbia dotato della ragione, omettendo pero’ di fornirlo della combinazione per servirsene”.

Alessandro Morandotti
….

Berlusconi raddoppia l’IVA a Sky
Berlu-Sky: la vera storia  di Peter Gomez e Marco Lillo
 
L’Iva agevolata sugli abbonamenti della pay-tv italiana e’ stata un trattamento di favore risalente al 1991 fatto dal ministero retto dal socialista Rino Formica e dal governo
Andreotti a Silvio Berlusconi in persona. Non solo: dietro questo favore, secondo la Procura di Milano, c’era persino stato un tentativo di corruzione.
Nel 1997 Il pubblico ministero Margherita Taddei chiese il rinvio a giudizio per Berlusconi. Lo chiese anche sulla base di un fax che fu trovato durante una perquisizione. La missiva era opera di Salvatore Sciascia, allora manager Fininvest e oggi parlamentare del Pdl
nonostante una condanna definitiva in un altro procedimento per le mazzette pagate dal gruppo alle Fiamme Gialle. Nel fax, diretto a Silvio Berlusconi, Sciascia chiedeva di spingere per far nominare alla Corte dei Conti il dirigente del ministero delle Finanze
Ludovico Verzellesi, meritevole perche’ in precedenza si era speso per fare ottenere l’agevolazione dell’Iva al 4 per cento per Telepiu’. In pratica, secondo la ricostruzione  dei magistrati, la raccomandazione era il ringraziamento di Fininvest per il trattamento
ricevuto.
Il fascicolo processuale pero’ fu trasferito nella Capitale per competenza nel 1997. Nel 2000 il Gip Mulliri, su richiesta del procuratore di Roma Salvatore Vecchione e del pm Adelchi D’ippolito (oggi capo dell’ufficio legislativo del ministero dell’economia con
Giulio Tremonti) archivio’ tutto. Nessuna rilevanza penale, quindi. Ma  restano i dati oggettivi sulla trattativa tra la Fininvest e il ministero per l’abbassamento dell’Iva sulla pay tv: dal 1991 al 1995 quando era controllata o partecipata dal gruppo Berlusconi, Telepiu’
ha goduto di un’aliquota pari al 4 per cento. Un’agevolazione che allora Berlusconi non considerava scandalosa. Mentre oggi definisce "un privilegio" l’aliquota piu’ che doppia del 10 per cento.  L’innalzamento dal 4 all’attuale 10 per cento fu introdotto alla fine del 1995 nella legge finanziaria del Governo Dini. All’epoca i manager di Telepiu’, scelti dal Cavaliere, salutarono cosi’ il provvedimento: «E’ l’ultimo atto di una campagna tesa a mettere in difficolta’ la pay tv».
Il 25 ottobre del 1995, Mario Zanone Poma, (amministratore di Telepiu’ sin dalla sua fondazione) dichiarava alle agenzie di stampa: «L’innalzamento dell’aliquota Iva:
1) contraddice la sesta direttiva della Comunita’ Europea;
2) contraddice l’atteggiamento degli altri paesi europei verso aziende innovative quali le pay tv;
3) crea una grave discriminazione tra la pay-tv e il servizio televisivo pubblico».
In pratica il manager scelto da Berlusconi diceva le cose che oggi dicono gli uomini di Murdock.
Effettivamente un ruolo dei comunisti ci fu. Ma a favore del Cavaliere.
Il Governo Dini voleva aumentare l’Iva fino al 19 per cento (come oggi vorrebbe fare Berlusconi) ma poi fu votato un emendamento di mediazione che fisso’ l’imposta al 10 per cento attuale. L’emendamento passo’ con il voto decisivo di Rifondazione Comunista:
il suo leader dell’epoca, Fausto Bertinotti, in un ribaltamento dei ruoli che oggi appare surreale, fu duramente criticato dall’allora responsabile informazione del Pds (e attuale senatore del PD)
Vincenzo Vita: «E’ squallido che Bertinotti abbia permesso un simile regalo a questo nuovo trust della comunicazione, figlio della Fininvest».
 ..
SKY e’ una TV satellitare, mentre Mediaset Premium e’ una TV digitale.
L’ aumento dell’IVA del 100% riguarda solo le TV satellitari, perche’ le digitali erano gia’ al 20%.
La differenza sta pero’ nel fatto che mentre per vedere SKY ci si deve abbonare per tutto l’anno, con la TV digitale si possono acquistare i singoli eventi sportivi, film, etc.
In poche parole, ad essere penalizzati da questo aumento saranno gli utenti di SKY, non quelli di Mediaset.
Le disdette fioccheranno poiche’ l’importo annuale all’abbonamento a Sky sara’ dell’ordine di 660 € annui… a vantaggio di Mediaset che ne ricaverebbe un vantaggio nel ritorno degli utenti.
Il tutto poi andra’ ad influire sull’azienda, sui dipendenti, sull’ informazione che sky divulga anche in internet.
E qui siamo nel perenne conflitto di interessi del presidente del Consiglio gia’ proprietario di un gruppo televisivo applica una maggiore imposizione fiscale per gli abbonamenti di un concorrente.
Bloggher
..
Tasse e concorrenza
Viviana
 
Dini fece a Murdock il regalo dell’IVA al 10% invece che al 20.
Ma oggi Sky e’ forte, ha 4 milioni e 600.000 abbonati, ha due tg che magari Berlusconi non vuole siano visti in nome dell’informazione unica, incassa 2 milioni e 113.00 euro, ha una presa pubblicitaria di 250.000 euro, e tutto questo sta rompendo le scatole a Finivest che vuole essere l’unica a coprire il tetto pubblicitario ed e’ entrata anche lei nelle pay tv. Cosi’ ecco che Berlusconi attacca Murdock e spara il rialzo dell’IVA. E’ quello che si chiama usare un conflitto di interessi per dare un sostegno privilegiato alle proprie aziende. In senso lato e’  usare la via del potere politico per favorire se stesso, insomma uno Stato a servizio di Berlusconi.
Berlusconi millanta che il decreto colpisce tutte le pay tv anche le sue, ma non e’ vero, il decreto e’ stato costruito per colpire il solo Murdock, e non si puo’ fare una legge contra unam personam, anche se B questo lo ha fatto diverse volte (vedi legge per dare sovvenzioni a una citta’ che avesse le caratteristiche di Catania per cui se l’e’ prese ovviamente la sola Catania, o la legge per escludere da una carica di magistrato proprio chi aveva le catteristiche di Caselli e infatti ha escluso il solo Caselli, o la legge salvaPreviti o altre), questa volta il decreto e’ fatto per penalizzare  Murdock e qualcuno potrebbe aver da ridire o chiedere un allargamento alle situazioni simili ovvero a Mediaset. Se questo timore si sostanziera’ il decreto sara’ ritirato.
Un anatema a D’Alema, Violante e gli altri soci che hanno dato il via a tutto questo! Le maledizioni non saranno mai bastanti.
Ma poi perche’ il 20% alle pay tv e il 5% ai giornali e il 4% al canone RAI?
Da notare: B alza le tasse quando i paesi europei pensano di abbassarle e quando lui stesso aveva promesso in campagna elettorale di ridurle e ora piu’ che mai occorrerebbe farlo, tanto piu’ che abbiamo gia’ le tasse piu’ alte d’Europa.
C’e’ chi l’economia la fa con le guerre e chi i profitti  d’impresa li fa con la politica.
In entrambi i casi: una truffa colossale.
Mentre in Italia le tasse le aumentano e gli incentivi alle energie pulite li tagliano, il resto d’Europa procede in senso opposto, pianificano un taglio dell’Iva fino a un massimo del 15%, aiutano (tutti meno noi) il settore auto, sospendono per due anni la tassa-auto ad auto ecologiche (B in campagna elettorale promise di eliminare il bollo poi chi s’e’ visto s’e’ visto), stanziano miliardi per ristrutturazioni verdi (noi le penalizziamo e le famose riduzioni di tasse sulla benzina promesse da Scajola siamo sempre qui che le aspettiamo)
Zapatero rende 400 € Iperf a contribuente,  Sarcozy abolisce le tasse professionali, Brown congela gli aumenti previsti per le piccole imprese…
Sono arrivati a dire che e’ con i rialzi fiscali a Sky che si troveranno i soldi per la social-card! Truffatori!
Se Bush e’ stato definito un baro che ha imbrogliato anche se stesso, Berlusconi e Ratzinger non sono da meno. E i loro seguaci si arrampicano sugli specchi per provare che non sono in malafede.
Le trovano tutte pur di giustificare gli affari del padrone! Quando Berlusconi Sky la chiuderebbe, se potesse, e il suo sogno sarebbe quello di avere una opposizione capeggiata dal caro amico D’Alema con cui fare la seconda turpe bicamerale per la nuova repubblica presidenziale, spedendo a quel paese Di Pietro.
Un paese abbrutito e clone della tv e del calcio e dal porno e dalla piccole delinquenza spicciola. Una opposizione di facciata. Via il giustizialista Di Pietro. Via ogni sx estrema. Un Berlusconi che sceglie tutto, cosa dobbiamo leggere, vedere e pensare, chi devono essere i capi dell’opposizione e cosa  devono fare e dire, i capi degli organi di sorveglianza, i membri della Corte Costituzionale, i giudici.. insomma un paese pulcinella retto dal Gran Mogol. Che sarebbe lui, principe assoluto del bene e del male, signore di una corte dei miracoli di rinnegati e puttane, padrone della vita e del territorio, distruttore di tutti i diritti.
 
Berlusconi ha avuto la faccia di dire che la legge del rialzo dell’IVA colpisce Mediaset come Sky! Che imbroglione!
Mediaset e Sky hanno lo stesso fatturato di 2,5 miliardi. Il decreto sul raddoppio dell’Iva e’ stato fatto in modo da colpire Sky per 221 milioni di euro e Mediaset per 10 !
Per di piu’ Murdock paga per avere l’etere mentre Berlusconi non paga quasi niente per occupare le frequenze pubbliche e lo fa persino con l’illecita Rete 4 per cui riversa sulle nostre tasche la multa milionaria che l’Europa gli ha dato mentre nega ad Europa7 le frequenze a cui ha diritto. Un abuso sopra l’altro!
E che adesso D’Alema e Veltroni e Violante si schierino a favore di Murdock e’ veramente vergognoso, dopo che sono stati proprio loro a permettere che questo orrendo monopolio dell’informazione si formasse e che l’impero mediatico fuori controllo di Berlusconi diventasse uno strapotere.
Ricordiamo anche che quando il 1° governo Berlusconi cadde a opera di Bossi, e ci fu il governo Dini, ed e’ vero che questi dimezzo’ l’IVA alle pay tv, ma a quel tempo Murdock non c’era, c’era solo Teleppiu’, che, guarda caso, era di Berlusconi. Insomma gli intrallazzi erano anche li’, ma ora Berlusconi fa finta di non ricordarsene, lui che di privilegi illeciti ne ha avuto dalla dx e dalla sx e li avra’ ben compensati i traditori della democrazia, perche’ nulla si da’ per nulla.
Ma se ora facciamo un discorso di sacrifici per tutti, allora lo faccia anche chi controlla il digitale eD ha un enorme impero pubblicitario!
D’Alema e Prodi non vollero mai regolare il conflitto d’interessi, rendendolo l’unica regola osservata in Italia, e ora ci troviamo immersi in conflitti d’interesse da capo a piedi.
Il peccato originale ha contaminato tutto lo Stato, mescolandosi a clientelismo e nepotismo in modo irreparabile. Maledetti siano tutti per il male che ci hanno fatto!
 
Dicono tante cose. Diffondono polveroni. Dicono che Berlusconi, sempre sensibile all’audience, sia rimasto male alla reazione immediata del paese contro l’aumento a Sky e abbia mandato il fido Letta a patteggiare per una riduzione dell’aggravio, ma che poi, sentendo la dichiarazione scandita su Sky, la sua vanita’ sia rimasta offesa e abbia giurato di non ridurre piu’ nulla.
I suoi cloni dicono che pure Visco aveva intenzione di togliere il regalo a Murdock, Di porcate Prodi ne ha fatte anche troppe perche’ si faccia anche il processo alle intenzioni.
Alla fine Berlusconi e’ stato zitto.
In genere ora fa lo scaricabarili, sa benissimo che quello che decide non piace a nessuno, e allora dice che e’ Tremonti che fa tutto e lui non sa niente, o fa promesse che Tremonti azzera. Diceva di non sapere niente nemmeno sulle proprie evasioni fiscali o sulle guardie di finanza pagate a peso d’oro per fare certificazioni false, non ne sapeva niente pero’ poi li assunse e li fece entrare in parlamento, non sapeva niente nemmeno sulla sporca manovra del generale Speciale contro Visco, ma poi lo fece diventare Senatore, ne’ sapeva niente su quel senatore Luigi Grillo comprati a peso d’oro, che poi passo’ nelle sue fila e divenne il suo passaparola con le scalate di Fazio, non sapeva niente delle intercettazioni di Sacca’ anche lui in dirittura di arrivo parlamentare, ma poi le fece secretare.
Insomma decidiamoci: visto che quel che dice B e’ sconfessato da Tremonti, e quel che fa Tremonti B dice di non saperlo, come stanno le cose? Tremonti dipende da B, o B dipende da Tremonti? Oppure B ha delegato tutti i suoi poteri purche’ lo lascino in pace a occuparsi del suo look e delle sue puttane?
..
La pessima tv
Cesare Beccarla
La domenica televisiva e’ diseducativa, di cattivo gusto, volgare, sguaiata, le solite facce di c… sorridenti, sculettanti, urlanti. Che bel servizio al pubblico! Votate Berlusconi e avrete sempre piu’ mostri, gli stessi invecchiati, incattiviti, prostituiti.
La TV di pomeriggio alla domenica non si puo’ neppure accendere, ti infetta, ti mette malumore.
……
Contro la crisi spesa gratis
ma solo per un minuto

Iniziativa sui generis del discount Lidl a Bologna con quattro signore estratte a sorte tra i clienti.
"Tutto cio’ che riuscirete a mettere nel carrello in sessanta secondi sara’ vostro".
E parte il cronometro.

IO PROPORREI STESSA INIZIATIVA IN PARLAMENTO.
VARIANTE: QUANTI POLITICI RIESCI AD ABBATTERE IN UN MINUTO!
(-:
Monica c
..
Viviana
Apprezzatissimi la variante
Qualsiasi arma ammessa, dal bazuka alla bomba atomica.
La terza concorrente, Simona Scalas, impiegata, si e’ preparata a dovere. Ha studiato la mappa del negozio, ha gia’ deciso dove andare. Corre fortissimo e frena solo davanti alle carni stagionate e ai formaggi. Fa il pieno e negli ultimi secondi riesce ad arrivare anche ai surgelati. Dalla distanza di quattro metri riesce a lanciare nel carrello due polli e un paio di arrosti.
Applauso forte perche’ lo scontrino sale a 185,71 euro.
IO QUESTA COSA LA TROVO DI UNA TRISTEZZA INFINITA

Dice giustamente Vittoria Oliva su bellaciao
"Quand’e’ che la crisi e’ diventata mondiale?"

Forse quando il lavoro ha preso a essere delocalizzato dai paesi europei mentre gli stessi che delocalizzavano godevano di sovvenzioni statali e benefici legislativi?
O quando i posti di lavoro hanno cominciato a mancare anche nei ricchi paesi occidentali e si  affacciava lo spettro della non sopravvivenza?
O via via che fiumane di affamati si sono riversate dai derubati paesi africani e asiatici verso i paesi piu’ ricchi?
O dopo che Bush ha iniziato l’economia fatta con le armi e la guerra infinita contro i paesi che Bush stesso definiva ‘canaglia’?
O quando in virtu’ di queste guerre e delle speculazioni ad esse connesse il petrolio ha cominciati a esere venduto a prezzi da usurai?
O quando i massimi organi internazionali del neoliberismo hanno cominciato a immiserire il pianeta per arricchire una cricca di cinici magnati?
O nella morte del pianeta per quell’inquinamento che i peggiori rifiutano ostinatamente di combattere?
O nella corrosione dei diritti fondamentali dell’uomo anche nei cosiddetti paesi democratici sempre per favorire gli interessi di pochi ricchissimi?
O nel momento in cui persino beni fondamentali come riso o pane o pasta sono stati venduti a prezzi da usurai? Persino medicine di importanza fondamentale, mentre si tentava di impadronirsi coi brevetti di tutti i beni naturali del mondo? Persino l’acqua comune!
O quando petrolio e uranio hanno toccato le vette di consumo per cominciare a esaurirsi?
O quando tifoni, uragani, alluvioni, maremoti, cambiamenti climatici giganteschi hanno preso a bersagliare con allarmante frequenza?
E fanatismi religiosi hanno scosso popoli cosiddetti civili e popoli cosiddetti barbarici in una medesima follia?
 
No, dice Vittoria Oliva, la crisi mondiale e’ nata quando "le banche" hanno visto lesi i loro lucrosi interessi.
E noi dovremmo andare a votare per un’Europa delle banche? Ma dovremmo essere fuori di cervello.
..
B abolisce gli sgravi fiscali sulle energie pulite

Il decreto anticrisi approvato dal governo rendera’ piu’ difficile (e in certi casi impossibile) ottenere sgravi fiscali per chi intende risparmiare energia (come previsto dalla legge 296/2006), in pratica rendendo poco o per nulla economico installare impianti a energia solare o caldaie a basso consumo.
Il decreto, pubblicato domenica mattina sulla Gazzetta ufficiale e quindi in operativo dal 30 novembre, rende molto piu’ complesso il percorso per ottenere le detrazioni fiscali del 55% delle spese sostenute per installare un pannello solare, sostituire un impianto di climatizzazione o cambiare gli infissi alle finestre. Il decreto prevede infatti che per le spese sostenute dopo il 31 dicembre 2007, i contribuenti debbano inviare all’Agenzia delle entrate, solo per via telematica, «un’apposita istanza per consentire il monitoraggio della spesa e la verifica del rispetto dei limiti di spesa complessivi». L’Agenzia delle entrate esamina le domande secondo l’ordine cronologico di invio e comunica entro 30 giorni l’esito della verifica agli interessati. Decorsi i 30 giorni senza esplicita comunicazione di accoglimento «l’assenso si intende non fornito» e il cittadino non potra’ usufruire della detrazione. Per le spese sostenute nel 2008, in caso di mancato invio della domanda o di diniego da parte dell’Agenzia delle entrate, l’interessato potra’ comunque usufruire di una detrazione dall’imposta lorda pari al 36% delle spese sostenute fino a un massimo di 48 mila euro da ripartire in dieci rate annuali.
Pietro T. 
..
Viviana
 
Ma questa legge che elimina i contributi gia’ concessi ma non ancora versati non e’ anticostituzionale?
La regola e’ molto chiara: nessuna legge puo’ essere retroattiva a meno che non sia migliorativa delle disposizioni precedenti, e’ vero che cio’ vale per il fiscale e il penale e che Berlusconi ha gia’ usato retroattivamente le leggi anche per togliere il posto di lavoro a quei precari che dovevano essere regolarizzati da una legge di Prodi.. ma godere di un diritto per un dato tempo equivale a pretendere che quel diritto non sia di colpo abolito nello stesso tempo
Ora tutti coloro che avevano fatto regolare domanda per avere il 55% di rimborso sul fotovoltaico o sul solare l’avranno in tasca?
Ma e’ pazzesco!!
E tutto per arricchire dei ladri che hanno fatto i loro conti di rapina sul nucleare? Pregiudicati come la Impregilo e cinici avventurieri come i ministri di questo governo?
..
Viviana
 
Berlusconi contro corrente rispetto a Obama e all’UE
Viviana Vivarelli
 
Si prospetta la terza rivoluzione industriale, basata sulle energie alternative e l’abbandono  progressivo del petrolio e del nucleare.
Obama va decisamente in questo senso e intende svincolarsi dalle dipendenze di un petrolio e di un uranio ormai in esaurimento che hanno portato solo distruzione al mondo.
Obama dice che gli USA e l’UE devono concentrarsi sulla ricerca e sulle energie pulite.
Ma in Italia Berlusconi e’ sordo e fa esattamente il contrario, invece di incentivare le energie pulite cancella i contributi del 55% che Bersani aveva dato al solare, invece di incentivare la ricerca la taglia, lasciando che i ricercatori migliori regalino brevetti ad altri paesi, e invece di volgersi all’energia pulita resuscita un improbabile e inquietante nucleare. Una pazzia assoluta!
In ogni suo atto imposto sempre e comunque alla fiducia (oggi i tagli la sanita’ sempre con la fiducia) la demenza di questo leader e dei suoi collaboratori e’ allucinante: Tremonti, Sacconi, Prestigiacomo, Scajola, Gelmini, Alfano…Criminali!
Con tale Chiesa e con tale Governo l’Italia non puo’ che precipitare sempre piu’ in basso!
..
Gente di paglia
Viviana
Bocchino quando parla ha gli occhi fissi a palla. E’ drogato? Puo’ essere, non sono una esperta in tossici.
La Gelmini invece che e’ orba il gobbo non lo vede proprio e legge certi foglietti, tutta ripiegata in due, come facevano i primi democristiani, ovviamente a un incontro diretto non regge.
E’ tanto poco personalizzata, porella, che a tutti gli incontri previsti ormai non si presenta nemmeno.
Peggio di Alfano che ha chiesto ai giornalisti di non essere intervistato, il ministro ombra di re sole.
Il dramma di queste persone di paglia e’ che il boss le ha messe li’ senza valutarne la mancanza di personalita’, o forse proprio per quello.
Come ogni deposta, si circonda solo di persone piu’ basse di lui..
e gia’ lui e’ basso….
.. 
Mariapia
   
Se si escludono istanti prodigiosi e singoli
che il destino ci puo’ donare,
l’amare il proprio lavoro
(che purtroppo e’ privilegio di pochi)
costituisce la migliore approssimazione
concreta alla felicita’ sulla terra:
ma questa e’ una verita’ che molti
non conoscono.

 
Primo Levi – LA CHIAVE A STELLA
.. ..
Nuova Alba
Da "C’ERA UNA VOLTA LA DDR" (2002) di Anna Funder
Parla Herr Winz, dipendente del controspionaggio della DDR.
Ma a Potsdam vengono da me e dicono "Avevate ragione voi. Il capitalismo e’ anche peggio di come dicevate. Nella DDR una donna poteva andare in giro da sola di notte! Si poteva lasciare la porta aperta!".
Inutile chiuderla, penso, sarebbero entrati comunque.
"Questo capitalismo e’, sopratutto, sfruttamento! E’ iniquo. E’ brutale. I ricchi sono sempre piu’ ricchi e le masse si impoveriscono sempre di piu’. E dal capitalismo viene la guerra! Dall’imperialismo tedesco in particolare! Ogni industriale e’ un criminale in guerra con tutti gli altri, ogni impresa in guerra con l’altra! Il capitalismo poi saccheggia il pianeta – questo buco nell’ozono, lo sfruttamento delle foreste, l’inquinamento – dobbiamo liberarci di questo sistema sociale! Altrimenti la razza umana non durera’ altri cinquant’anni!"…..
"Ascolti quel che le dico. Ho gia’ vissuto una rivoluzione – nel 1989 (caduta del muro) – e riconosco i segnali. Qusto sistema ha un piede nella fossa! Ha i giorni contati! Il capitalismo non durera’! La rivoluzione e’ in arrivo"
.
Libro. Vita da trasfertista
Ferdinando Conti e Giancarlo Orsini
DALLA VIA EMILIA AL MONDO
 
Trasfertisti, strana gente. Dalla continua voglia di partire, di vedere nuovi Paesi, nuove genti, ma con la nostalgia di casa nel profondo del cuore. Con la valigia pronta in dieci minuti e le famiglie molte volte a pezzi, invidiati da chi fa vita di fabbrica ma costretti spesso ad adattarsi alle condizioni piu’ difficili. Questo libro di Ferdinando Conti, ingegnere prestato alla letteratura, e’ il racconto – quasi un monologo in presa diretta – dei viaggi, delle avventure, dei sacrifici e degli entusiasmi di Giancarlo Orsini, di professione trasfertista. Montando macchine automatiche che mangiano sigarette sfuse risputandole impacchettate, Orsini per piu’ di 30 anni ha girato tutti i continenti, annotando nella mente usi e costumi, vizi e virtu’, pregi e difetti. Suoi e di chi gli stava attorno: " perche’ Bacco, tabacco e Venere sono in tutto il mondo". Davanti al paesaggio delle valli del Setta e del Reno, dove abita con la moglie, la mente gli torna agli angoli piu’ sperduti, ai tanti volti incrociati sulle strade del mondo. Si’ perche’: " Per fare questo mestiere bisogna che ti piaccia incontrare la gente, di qualunque genere. Bisogna volerle un po’ di bene". E il salotto di casa si riempie sempre piu’: quadri, scudi, zanne, lance, piatti, statuette, cofanetti, teiere, cimeli di mille viaggi in tutti i continenti. Ma niente foto. Perche’ – spiega il trasfertista – occorre rispetto, specie per chi e’ povero. Perche’ il mondo e’ grande, non e’ solo l’Italia, l’Europa e gli Stati Uniti. E’ anche pieno di miserie, di tristezze, di sofferenze, di guerre piccole e grandi. E il trasfertista a volte non capisce tutto quel che gli succede attorno ma si adegua. Quando e’ in certi alberghi malmessi e’ costretto a severe regole di sopravvivenza: stacca il letto dal muro, altrimenti arrivano i ragni. Controlla che non vi siano buchi nella zanzariera, guarda le scarpe perche’ non siano diventate la dimora di uno scorpione, mette i pentolini del latte ai piedi del letto per far bere le bisce e i serpenti. Camicie con maniche lunghe e alla sera, stivaletti di pelle che proteggano dalle sorprese sgradite. Ne’ manca qualche annotazione ironica "Le pale del ventilatore, sopra di noi, sembrano stanche anche loro, girano pian piano e cosi’ rinfrescano solo le mosche". Oppure " Ci sono delle curve che tornano indietro, cosi’ strette che gli autisti si leggono la targa del loro camion". Poi c’e’ il racconto dei viaggi con gli aerei presi e mancati, i visti e i passaporti, l’acqua e la luce che viene e che manca, i paesaggi a volte incantevoli a volte orrendi, i leoni, i rinoceronti, i babbuini che tirano le pietre, le piste minate durante l’ultima guerra. Nella narrazione, le riflessioni sulle esperienze vissute, sui racconti di viaggio si intrecciano con il privato, la passione per il proprio lavoro, con la vita di fabbrica, i suoi personaggi ed i suoi cambiamenti, dal tornio e il trapano alla fresa, alle macchine elettroniche. " A me piace la macchina automatica. A me piace la meccanica. Nel mestiere che faccio io ho tutta la macchina in mano". E il trasfertista Orsini si abbandona quasi a uno sfogo rispetto alle novita’ tecnologiche. " Le macchine modulari? Dicono che in questo modo si monta e si ripara piu’ velocemente. E’ anche vero ma c’e’ meno soddisfazione". E poi c’e’ l’elettronica, con la quale non si ragiona, quando non va, non va! "Ci vuole un ingegnere a lavorarci sopra anzi ce ne vogliono tanti, perche’ ciascuno e’ esperto della sua parte, non di tutta la macchina. Oggi le macchine vengono fatte cosi’, non c’e’ piu’ meccanica e cade la passione". Piccole nostalgie. Infatti questo libro e’ anche la storia di una Regione che per vincere la sfida dei mercati internazionali punta sull’innovazione e la qualita’. E i trasfertisti diventano anche involontari ambasciatori dell’Emilia Romagna negli angoli piu’ sperduti dei continenti perche’ "possono essere poveri e stracciati ma le sigarette le conoscono tutti". Nel linguaggio dei trasfertisti il dialetto si mescola all’inglese, all’arabo, al cinese e le vicende personali ed aziendali si intersecano con quelle sociali e politiche dei Paesi piu’ lontani. Con sguardo comprensivo e indulgente Ferdinando Conti e Giancarlo Orsini ci propongono non solo una storia di vita, ma uno stile di vita fatto soprattutto di ascolto e di attenzione, di solidarieta’, di amore per il proprio lavoro e di rispetto per ogni uomo di ogni condizione e di ogni latitudine. Ed anche questo e’ un pezzo di via Emilia da continuare ad esportare nel mondo.
..
CITTADINANZA NEGATA A SAVIANO
http://www.francarame.it/node/1025
La proposta di Rino Pruiti, consigliere comunale dei Verdi nonche’ figlio di un poliziotto morto mentre prestava servizio, non poteva non scatenare un putiferio: nominare Roberto Saviano, l’autore di Gomorra, cittadino onorario di Buccinasco, nel Milanese. Si’, perche’ secondo i magistrati dell’Antimafia Buccinasco e’ la «Plati’ del Nord». Un posto dove «la presenza della ‘ ndrangheta e’ opprimente», ha detto il sostituto procuratore della Direzione nazionale antimafia, Enzo Macri’. E cosi’ la proposta, discussa in consiglio comunale lunedi’ sera, non e’ passata. Dopo un duro scontro, la maggioranza di centrodestra, guidata dal sindaco Loris Cereda, ha abbandonato l’aula, facendo mancare il numero legale. Stesso copione martedi’: tredici esponenti della maggioranza non si sono proprio presentati. Formalmente dunque la questione e’ nuovamente rimandata al prossimo consiglio…..
..
Un impianto solare termico

Il concetto di efficienza energetica si conferma decisamente ostico per il governo. Dopo la battaglia per impedire l’obiettivo del miglioramento del 20% entro il 2020 imposto dalla apposita direttiva dell’Unione Europea e dopo aver cancellato l’obbligo di certificazione energetica nella compravendita degli immobili, Palazzo Chigi ha dato un’altra picconata alle misure per ridurre la bolletta energetica nazionale. Questa volta la misura e’ contenuta nel recente piano anticrisi approvato dall’esecutivo e va a colpire la possibilita’ di ottenere vantaggi fiscali in caso di interventi di riqualificazione energetica.
La normativa introdotta un paio di anni fa dall’allora ministro dello Sviluppo economico Pierluigi Bersani prevede infatti l’opportunita’ di detrarre dalla dichiarazione dei redditi il 55% delle spese sostenute, ad esempio, per installare un pannello solare o sostituire un impianto di climatizzazione o cambiare gli infissi alle finestre. Ma ora, con l’entrata in vigore del decreto anticrisi, accedere a questo incentivo sara’ molto piu’ difficile.
L’iter per avere accesso alle detrazioni Irpef e Ires diventa decisamente piu’ complesso. Il decreto prevede che per le spese sostenute dopo il 31 dicembre 2007, i contribuenti debbano inviare all’Agenzia delle entrate, esclusivamente in via telematica, "un’apposita istanza per consentire il monitoraggio della spesa e la verifica del rispetto dei limiti di spesa complessivi
http://dirittodiresistenza.go.il cannocchiale.it
..
Legge 181, la fine dell’Italia democratica
post pubblicato in diario, il 1 dicembre 2008
Voglio spiegare bene cosa comporta la legge n181 del 13 novembre 2008. Apparentemente e’ innocua. In realta’ e’ devastante. Permette al ministro della giustizia di trasferire in modo arbitrario i magistrati. Formalmente dovrebbe essere utilizzata per spostare i magistrati in zone dove c’e’ carenza di organico. In realta’ sara’ utilizzata in un modo molto diverso: se questa legge fosse gia’ stata in vigore, Mastella non avrebbe dovuto chiedere il deferimento di De Magistris al csm (comportamento gia’ questo vergognoso) avrebbe preso De Magistris e l’avrebbe trasferito d’ufficio in una sede disagiata.
Con questa legge Berlusconi puo’ prendere i giudici che indagano su di lui e farli trasferire d’ufficio, non richiedendo l’incompatibilita’ ambientale, non ricusandoli, li puo’ trasferire in una sede disagiata interrompendo il processo senza alcuna fatica.
E’ chiaro ora cosa permette di fare questa leggina?
Mi chiedo come questa legge sia potuta passare nel silenzio. O i commentatori politici sono talmente idioti da non saper leggere tra le righe o sono collusi.
Da Marisa
..
Viviana
La lentezza della giustizia e’ la migliore alleata dell’ingiustizia
..
Travaglio
"Regime" non vuol dire fascismo, vuol dire come viene comandato o governato un popolo quando la parola "democrazia" non va piu’ bene.
E’ un temine neutro, bisogna affiancare un aggettivo per definire il regime: abbiamo avuto il regime fascista, comunista, nazista, sudamericano, terzomondiale. In Italia abbiamo un nuovo tipo di regime, mediatico affaristico.

..
Montanelli
Oggi, per instaurare un regime, non c’e’ piu’ bisogno di una marcia su Roma ne’ di un incendio del Reichstag, ne’ di un golpe sul palazzo d’Inverno.
Bastano i cosiddetti mezzi di comunicazione di massa: e fra di essi, sovrana e irresistibile, la televisione. (…)
Non ci meraviglieremmo se nella corsa alla piaggeria i nuovi officianti della Rai batteranno quelli della Fininvest: come sempre i conversi superano, nello zelo, i veterani.
Ma quale che sia l’esito di questo confronto, e’ scontato il risultato: il sudario di conformismo e di menzogne che, senza bisogno di ricorso a leggi speciali, calera’ su questo Paese riducendolo sempre piu’ a una telenovela di borgatari e avviandolo a un risveglio in cui siamo ben contenti di sapere che non faremo in tempo a trovarci coinvolti”.
 
Postato da Silvanetta
 ..
Molto spesso, col cambiare del governo, per i poveri cambia solo il nome del padrone. Fedro
..
Ennio Flaiano
Il peggio che puo’ capitare a un genio e’ di essere compreso
Io:
Il peggio che puo’ capitare a un somaro e’ di essere votato
..
Bush dice che si e’ sbagliato
Viviana
Forse Berlusconi non fa quello che fa ma ha un clone che lo mette in ridicolo.
Se ce l’ha, per forza e’ ridicolo, lo avranno preso identico a lui!
E’ come Bush, che dopo aver fatto due mandati di sfracelli ora ci viene a dire che la colpa e’ della CIA che lo aveva male informato! Ma se, appena eletto, la CIA gli diceva che le armi di stermino di massa non c’erano e per questo mando’ subito via i capi della CIA per avere resoconti piu’ adatti alla guerra!? Ma poi, non riceveva consiglio direttamente da Dio?
Diceva: "Ti ringraziamo, Signore, perche’ non siamo come gli altri popoli, terroristi e senza libero mercato. I terroristi odiano la nostra liberta’.Sono cosi’ cattivi da odiare il bene perche’ e’ bene. Questa e’ una lotta colossale tra il bene e il male ma nessuno si inganni: il bene  vincera’… I terroristi odiano il fatto che siamo liberi di adorare Dio come ci pare… Essi sono l’asse del male." E anche: "“Ho ascoltato la chiamata di Dio.Dobbiamo ricordare la nostra vocazione, come nazione benedetta, a creare un mondo migliore… e sconfiggere i disegni dei malvagi… La liberta’ non e’ un dono degli USA al mondo, e’ dono di Dio a tutta l’umanita’. Per questo, la nazione che incarna la liberta’ deve portare questo dono divino ad ogni essere umano, in tutto il mondo. La nostra nazione e’ stata scelta da Dio e incaricata dalla storia per essere un modello di giustizia nel mondo”
E infatti s’e’ visto.
Frequentemente diceva di essere la mano di Dio e faceva fare delle catene di preghiere su internet per la vittoria della ‘buona’ nazione americana.
Ora si rimangia tutto. Anche Dio?
E ora cosa dicono tutti i cloni? Quelli delle guerre americane a oltranza! Quelli che guai a parlare di petrolio! I Ferrara, i Bondi, i Selva, i Belpietro, i Feltri, i Farina..i guerrafondai con la bava alla bocca?!
In Pzza Maggiore quando davo volantini contro la guerra un assatanato mi alito’ sulla faccia tutto rosso e infiammato urlando: "E le armi di distruzione di massa??? E le armi di distruzione di massa? Cosa farete con le armi di distruzione di massa?"
Tirale fuori ora, idiota, le armi di distruzione di massa!
..
Pietro Ancona
OBAMA. LA GUERRA CONTINUA

Il Presidente Usa Bush, a due mesi dall’avvicendamento con Obama, dichiara di essersi sbagliato sulle armi di distruzioni di massa detenute dall’Iraq di Sadam Hussein. In sostanza confessa di avere fatto una guerra costata milioni di morti, di aver violato l’integrita’ territoriale di uno Stato sovrano, sulla base di un convincimento, di un sospetto che si e’ dimostrato infondato, falso. Non si dichiara pentito e non dice se la invasione dell’Iraq l’avrebbe ordinato lo stesso. La sua tardiva e grottesca confessione suona falsa, ipocrita. Falsa dal momento che la sua amministrazione mostro’ al mondo le "prove" delle armi di distruzioni di massa. Prove che evidentemente erano state costruite. Ricordate il generale Powell difronte l’ONU che illustra le armi di Sadam Hussein. La stampa di tutto il mondo occidentale, all’unisono, partecipo’ alla campagna di falsificazione e di criminalizzazione del regime di Sadam Hussein e creo’ il clima adatto all’aggressione simile a quello che oggi si vorrebbe creare per un intervento in Pakistan e per il prosieguo degli attacchi all’Afghanistan. Bush avrebbe potuto pentirsi delle sofferenze e delle umiliazioni inflitte a Sadam Hussein. Non dimentichero’ ma la faccia tramortita da farmaci di Sadam, la bocca spalancata ad una mano che vi fruga dentro, i capelli rastrellati da un’altro mano…Il corpo di Sadam Hussein che precipita nella botola del patibolo e poi viene mostrato all’ilare ferocia dei suoi nemici. Una pagina vergognosa scritta dall’America di Bush che ricorda gli scalpi dei pellirossa appesi nei negozi di souvenir. Civilta’ Occidentale!! Diecine di migliaia di contractors con licenza di uccidere hanno fatto quello che hanno voluto. Probabilmente moltissimi degli attentati con centinaia di morti sono dovuti a loro. L’Esercito di occupazione si e’ comportato in modo indegno con una ferocia impressionante per chi come noi ha dentro di se l’immagine del soldato civile, liberatore dal nazifascismo (anche questa immagine e’ forse un falso indetto dalla propaganda). Prigioni e torturatori hanno seviziato detenuti di guerra (trattati come banditi terroristi) Il mondo e’ stato riempito di prigioni segrete della Cia e del Pentagono in cui vengono torturati membri della resistenza araba. Anche molte navi sono adibite alla tortura e vagano per i mari per non soggiacere all’imperio dei tribunali. Si dice che entro tre anni Obama ritirera’ le truppe americane dall’Irak. Lascera’ a Bagdad una delle piu’ grandi basi militari usa esistenti al mondo, forse addirittura la piu’ grande. Pare che abbia una circonferenza pari allo Stato del Vaticano. Lascera’ anche le acque ed il terreno avvelenato dall’uranio e la distruzione di reperti archeologici della mesopotamia patrimonio dell’umanita’ oramai perduto assieme a Babilonia ricoperta da uno strato di cemento spessissimo del campo per elicotteri. Una popolazione stremata da trenta anni di guerra e di embargo. Embargo che provoco’ cinquecentomila morti tra i bambini che secondo Madaleine Albright erano un "costo" necessario….. Pare che Bush padre, alla fine della prima guerra del Golfo, quando decise di non invadere materialmente l’Irak dopo averlo massacrato di bombardamento, abbia sganciato una bomba atomica al confine con l’Iran Bomba della quale non si e’ saputo niente fino a qualche tempo fa per via di un servizio ripreso da Radio24. Non credo che Obama cambiera’ le cose se non nel senso dell’efficienza. Cerchera’ di risollevare le sorti militari del suo Paese, forse sara’ piu’ furbo. Ma non abbandonera’ la via della guerra, delle stragi, delle prigionie illegali, dei bombardamenti. Si ritira dall’Irak (se si ritira) per concentrare le sue forze sul Pakistan e sull’ Alfghanistan. Non e’ da escludere che miri ad una occupazione militare del Pakistan del genere di quella realizzata in Irak ed Afghanistan. La ferita aperta in Afghanista si allargera’ e coinvolgera’ uno dei paesi piu’ popolosi del mondo: centocinquantamilioni di persone!! L’America ha fallito il suo compito storico dopo la fine dell’Urss. Avrebbe dovuto assicurare un lungo periodo di pace mondiale!! Avrebbe dovuto realizzare, come ha scritto il fanatico sostenitore dell’ideologia liberista Fukujama, la "fine della storia". Senza alcuna differenza rimarchevole tra le amministrazione Bush padre e figlio e quella democratica di Clinton, viviamo in un mondo insanguinato ed avvelenato, nell’angoscia di continue campagne e misure antiterroristiche, di continue restrizioni delle liberta’ fondamentali. Un mondo in cui il capitalismo privo di ogni freno ha scatenuto i suoi peggiori istinti animali ed ha provocato una crisi che sta distruggendo il benessere di centinaia di milioni di persone a cominciare dai lavoratori americani. http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=5119 http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200812articoli/38715girata.asp
Pietro Ancona www.spazioamico.it http://pietro-ancona.blogspot.com/ http://medioevosociale-pietro.blogspot.com/
..
Di Pietro
Viviana
 
Oggi Di Pietro e’ l’unico oppositore rimasto contro Berlusconi. Di Pietro non e’ mai stato di sinistra, e’ un ex poliziotto abituato a prendere le difese della polizia, e’ un ex magistrato che molto difficilmente accusera’ le storture di certa magistratura, fa i suoi bravi errori, sulla commissione d’inchiesta sul G8 ha sbagliato, sulle sovvenzioni alle scuole private ha sbagliato, sulle intercettazioni sta sbagliando, ma non c’e’ di meglio da scegliere. Il fatto che con impudenza veramente sovrana Berlusconi chieda a Veltroni di sbarazzarsene mostra che idea ha costui della legge e della democrazia. Ma il fatto che Veltroni stia sempre li’ li’ sul punto di farlo mostra che idea della realta’ abbia il Pd, un’idea che lo portera’ al fallimento piu’ totale. E che nell’ombra ci sia ancora il distruttore D’Alema a tramare contro il proprio partito, come se non avesse fatto abbastanza per affossarlo, ci getta nella disperazione.
Per i cloni di Berlusconi non c’e’ mai il problema di farsi un esame di coscienza, perche’ nemmeno hanno una coscienza, ma per chi ama l’Italia e la democrazia, il panorama  politico attuale e’ di una desolazione scoraggiante.
E sentire un Chiamparino e un Cacciari disposti ad abbracciare la Lega (il che vuol dire il partito piu’ nazista d’Italia) pur di restare in sella fa venire gli urti di vomito ma dovrebbe farli venire anche ai seguaci di Bossi e Calderoli. Mentre un Bassolino non finira’ mai di essere abbracciato da Veltroni. Almeno oggi Napolitano a Napoli si e’ rifiutato di vederlo. Qualcuno che un rigurgito di lealta’, finalmente, dopo tanto silenzio.
..  
Manovra anticrisi
Viviana
E cosi’ Berlusconi ha detto che la crisi si doveva combattere prontamente e che avrebbe fatto una manovra di 80 miliardi di euro. E invece, si’ e no, arriviamo a 6, se va bene.
Ha detto che avrebbe abbassato le tasse (veramente quello lo aveva gia’ promesso in tempo elettorale) e ora ricomincia ad aumentarle. Continua a dire notizie false o a nasconderne, per es. non dice quant’e’ ridicola la cifra che Mediaset paga per l’
Related Tags:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 11 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano