WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Friday May 25th 2018

Prime volte

Il tirchio conservatore aggrappato ad una massa di oggetti piangeva,per la perdita delle cose racimolate,invece di ringraziare l’usciere liberatore di quel fardello impregnato di peccati. Venne trascinato per l’orecchio fino all’ingresso del portone,e con irruenza l’usciere lo spinse dentro;dall’altra parte del portone ad attendere il conservatore,c’era un cordone immenso di giudici identici al cocchiere,e l’usciere,il corteo barbuto vestito di bianco iniziava da dietro al portone,e finiva sulla rampa di scale del grezzo edificio,dove albergava l’Onnipresente,anch’egli uguale al cocchiere, usciere,e giudici. Nell’ampia stanza dell’edificio oltre alle quattro pareti azzurre,e il pavimento arancione,a centro della stanza c’era un’enorme bilancia d’ottone,dove l’Onnipresente su un bilanciere distendeva accuratamente le anime,e sull’altro piatto della bilancia ammucchiava i peccati commessi nella vita materiale,raccogliendoli in un bidone di stagno con sopra indicato il nome del giudicato,il cognome,la data di nascita,e l’ultima residenza di egli,prendeva i peccati con una pala; mentre nella vita terrena si puo` sfuggire astutamente all’agente delle tasse,o a chiunque altro si vuole sfuggire in quel luogo si viene annotati di ogni minimo particolare trascorso nella vita reale,ogni forma peccaminosa viene messa di contrappeso all’animo,e se il peso superasse il peso dell’animo anche di pochi etti s’e` colpevoli; anche gli astanti giurati si comportono in base al giudizio emesso dalla bilancia,se il peso dell’animo fosse inferiore a quello dei peccati,gli astanti barbuti acclamavano applaudendo fragorosamente elogiando il nuovo compagno di Paradiso con critiche benevoli,offrendogli il fresco lenzuolo da indossare. Quando l’Onnipresente aggiunse un’altra manciata di peccati,con la pala sul bilanciere dove erano sistemati i peccati,e il peso supero` il contrappeso dell’animo del tirchio conservatore deposto sull’altro bilanciere,l’Onnipresente emise la sentenza dichiarando:
-Signori presenti l’esaminato e` colpevole!- Nella stanza si scateno` l’ira di Dio,i presenti sibilavano fischi in direzione del colpevole peccatore,altri gli lanciavano pomodori marci senza sapere da dove fossero sbucati fuori,un gruppetto piu`scapestrato gli si avvento` contro per prenderlo a calci in culo.
-Pieta`,pieta`…-Urlava il colpevole implorando l’Onnipresente
Quell’animo chiazzato di pomodori suscito`pieta` nell’indulgente cuore dell’Onnipresente,che grido` irritato in direzione degli scalmanati,dicendo:
-Signori dignita`,dignita`non vorrei essere criticato nelle viscere dell’Inferno sulle lingue immonde dei demoni,che si lamentano dicendo:
-Che qui trattiamo male i peccatori .- Al saggio richiamo dell’Onnipresente,una vasta rappresentanza di giurati piu` assennata si quieto`,mentre un minuto gruppo piu` titubante si avvento` sulla preda per linciarlo,ma prima che lo raggiungessero,l’Onnipresente con un colpo geniale apri` una botola sottostante al peccatore,cosi` questi si salvo dal sicuro linciaggio scivolando dentro al precipizio aperto dall’Onnipresente. Nella caduta il peccatore emise delle spaventose grida,che con una nube di zolfo si arrampicarono alle senili mura di quel precipizio,e faticosamente raggiunsero la stanza dalle pareti azzurre,e il pavimento arancione rimanendo cosi` nel mondo dei giusti,il conservatore sprofondava nei profondi abissi delle eterne,e ardimentose fiamme dell’Inf…
-Desidera qualcosa?- Disse il proprietario della bancarella con il classico sorriso stupido sulle labbra,con la consueta espressione di quella categoria,ch’e` convinta di persuadere i clienti nelle compere,con quell’atteggiamento.
-Non ho bisogno di nulla grazie!- Disse Vittorio assorto nel suo pensiero dinanzi a quella stupida immagine. Incamminandosi verso l’entrata del cimitero,Vittorio cercava di ricomporre l’affascinante storia interrotta nella stanza della sua fantasia,albergata nel suo cervello,voleva rammentare,porre termine al racconto spezzato dal proprietario della bancarella,ma quando quei frammenti di attimi vengono asportati dalla mente non ritornano piu` indietro dissipandosi in luoghi tetri e crepuscolari,strappando l’impianto dell’elettricita`nelle camere di illuminazioni del cervello provocando un tremendo black-out.

Related Tags:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 11 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano