WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Monday May 28th 2018

MASADA n° 326, 7-6-2006. La sconfitta dei furbetti

Referendum sulla riforma costituzione Bossi-Berlusconi
15.474.407 No
9.618.119 Si’
.

“…quindi, voi giovani alla Costituzione dovete dare il vostro spirito, la
vostra gioventu’, farla vivere, sentirla come cosa vostra, metterci dentro
il senso civico, la coscienza civica.”
(Piero Calamandrei, Milano 26.01.1955)
(mandato da Franco)
..
Scalfaro ha domandato:
“E’ nell’interesse del popolo italiano avere un primo ministro onnipotente e
mandare a casa il Parlamento?”
Il popolo italiano ha risposto: No.
.
Padellaro:
“Hanno tentato di costruire attorno al padrone un monumento che doveva farne
un sovrano intoccabile assoluto, prima assicurandogli la piu’ totale
impunita’ e immunita’ davanti alla legge, quindi garantendogli il ferreo
controllo dell’opinione pubblica, manipolata col controllo dei media, infine
attribuendogli un potere mai posseduto prima da nessun altro presidente del
consiglio in 60 anni di storia della Repubblica, a cio’ soprattutto mirava
la controriforma di Lorenzago, fondata sul patto scellerato dell’uomo di
Arcore con Bossi”.
.
I dati sono indiscutibili:
61,6 a 38,4
In tutte le province siciliane il No e’ doppio dei Si’.
..
Bondi: “E’ colpa dei meridionali”
.E infatti Liguri, Piemontesi, Altoatesini, Friulani, Trentini, Elioni,
Toscani. sono tutti meridionali!
Come disse Kennedy a Berlino: “Siamo tutti berlinesi” E noi, dunque, siamo
tutti meridionali!
Il No vince a Milano, Venezia, Torino, Mantova, Rovigo, Trento, Bolzano
(76,4), Genova, Bologna, Firenze.. Tutti meridionali!
..
Bellissime le percentuali sopra gli 80% (praticamente un plebiscito!):
Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria,.. Crotone addirittura 86,2!!
E poi:
Agrigento 79,5
Nuoro 79,8
Napoli 78,2
Livorno 76
Trapani 74
Enna 72,9
..
Uno dalla Cdl ha scoperto che Bossi non e’ molto popolare in Italia. E lo
scopre ora?!
Ma il problema e’ che neanche Berlusconi e’ piu’ molto popolare! Quanto ci
metteranno a scoprirlo?
Adesso come carta igienica potranno usare, oltre al tricolore, anche la loro
riforma costituzionale.
..
Berlusconi e’ stato battuto alle amministrative.
E’ stato battuto alle europee.
E’ stato battuto alle politiche.
E’ stato battuto al referendum.
E’ stato battuto dall’opinione pubblica mondiale.
E’ stato battuto.
..
Speroni: “L’Italia fa schifo! E fanno schifo gli Italiani”
A lui e a quelli della Lega gentilmente rigiriamo la palla.
Sembra che chiamare “coglioni” o “indegni” gli Italiani non faccia
raccogliere molti voti.
Se la Lega crede che le cose migliorino dicendo che gli italiani fanno
schifo, si accomodi!
..
Lettera dalla Val di Fassa e val di Fiemme.

Qui il Si’ ha vinto dappertutto, spesso del doppio. Valle ricca di
albergatori, commercianti e maestri di sci, piu’ qualche allevatore o
contadino foraggiato dallo stato che busca soldi a ogni grandinata. Eppure
questo e’ Trentino e nel Trentino ha vinto il No.
Io, che sento la radio tutto il giorno, smanetto invano, trovo solo musica,
non trovo radio radicale che da’ le sedute parlamentari e solo di rado a
fatica capto GR Parlamento con le sue belle rassegne stampa o Rai 24 (Sole
24 ore) che almeno parla di finanza. Sento invece benissimo Radiopadania coi
suoi strafalcioni e certi strani canali locali in un dialetto stretto e
chiuso e mi chiedo quale universalismo, quale visione del mondo, dell’Europa,
del nostro paese possa venir fuori da questi pastori arricchiti che non
hanno ancora lasciato la malga e fanno una Costituzione in una baita. Qui si
legge solo l’Adige o altri giornali locali, e la notizia del giorno non e’
il referendum, ma un cacciatore austriaco che ha ucciso un orso bruno. Qui l’Unita’
non si trova e chi ne piglia 2 copie, gli restano invendute, Liberazione o
il Manifesto non sanno nemmeno cosa siano.
Tutti lavorano sodo, ma il livello culturale e’ basso. Chi vuole studiare
deve andare lontano e in genere fa la scuola alberghiera perche’ rende. I
maestri di sci non hanno bisogno nemmeno di quella, perche’ tanto sono
ricchi lo stesso.
Qui l’Italia coi suoi problemi, la politica, la societa’,le sue battaglie
sono lontanissimi. Si accolgono bene i turisti perche’ portano danaro, si
accolgono le modernita’ perche’ procurano denaro, si pensa allo stato perche’
puo’ dare denaro, per il resto il mondo e’ lontano, lontanissimo, mai
esistito.
Eppure in Trentino il No vince col 57,3%, eppure a Bolzano il No prende
addirittura il 76,4%, eppure le autonomie piaceranno anche ai bolzanini!
A Canazei 549 Si’ contro 282 No.
A Trento 31.000 No contro16.000 Si’. Mah!
E’ la stessa regione. Non sembra lo stesso paese.
.
Il No vince in
Val d’Aosta col 64,3%
Friuli 50,8
Piemonte 56,6
Trentino 64,7
Emilia 66,5
Marche 66,1
Liguria &3
Umbria 68,7
Sardegna 72,3
Toscana 71
Lazio 65,4
Abruzzo 66,7
Molise 71,7
Puglia 73,3
Basilicata 76,9
Calabria 82,5
..
E’ falso che regioni piu’ ricche abbiano votato Si’.
Il no vince in Piemonte, Emilia, Toscana, Liguria..
Dove sta che sia il popolo piu’ avanzato a favore di Berlusconi-Bossi?
Quando nemmeno nelle citta’ del nord il si’ ha vinto (Milano=No).
Non una delle loro frasi sta in piedi.
..
Cronache di fine giugno

Bella questa Italia che torna dal mare o vince calura e stress e va a votare
in 25 milioni di elettori !
Il Berlusca, che affollava di promesse scomposte tutti i palinsesti e
minacciava arroganti spallate al governo offendendo tutti i cittadini, e’
vigliaccamente sparito, nemmeno un laconico comunicato ufficiale sul dato di
fatto, come prescriverebbe il suo ruolo di promotore del referendum e di
“capo della minoranza” (come suona bene questo appellativo!), del resto uno
che non rispetta la legge figurarsi l’etichetta.!
Sembra che abbia chiamato d’urgenza Tremonti e Bossi alla reggia di Arcore,
ma cosa si siano detti i 3 ladroni non si sa. Alla domanda insistita dei
giornalisti “Cosa fara’ ora la Lega?” fuoriescono risposte pietose e
latitanti.
Ma Bossi ha annullato la manifestazione leghista del 2 luglio a Pontida, e
Maroni dice fuori dai denti che occorre che la Lega entri in una nuove
alleanze con la maggioranza. Accoglieremo i guastatori della Costituzione? I
nemici dell’Italia?
Degli altri soci, Fini, gia’ incupito dagli scandali sanitari della moglie
che si dichiara “uscita dall’universita’ del marciapiede”, ha perso il suo
aplomb e ringhia, con battutine all’acido solforico verso i leghisti a cui e’
stato associato in squallide leggi che non hanno raccolto nemmeno il plauso
della chiesa reazionaria. Meglio farebbe a reggere gli scandali e la
corruzione che hanno travolto i suoi serventi.
Casini, vista l’aria che tira, si e’ defilata 10 giorni prima del voto e non
dice piu’ nulla.
Costoro, non solo non sanno perdere ma i loro commenti ex post sono pietosi.
La Russa ha detto: “Per forza che il No e’ in testa! Visto che l’affluenza
piu’ alta e’ nelle regioni rosse! Se 2,5 elettori non sono andati a votare,
cio’ significa che non vogliono che il numero dei parlamentari sia
diminuito, che il premier sia subalterno (sic) ai partiti, e che il
federalismo sia fatto”.
“Veramente- ha obiettato pacatamente Bassanini- il risultato dice che la
vostra riforma non e’ stata approvata e che solo il 20% dei cittadini vi
segue”..
Tajani ha detto che, poiche’ pochi (?) sono andati a votare, questo e’ un
risultato gramo e non attendibile. Ma quali pochi? Quando Berlusconi ha
fatto di tutto per spingere a fine giugno il voto, perche’ la gente sarebbe
scappata dal caldo delle citta’, e, malgrado ci siano state 4 votazioni in
40 giorni e un caldo da scoppiare, si e’ avuta una affluenza del 53%! Una
cosa spettacolare! Tanto piu’ su una materia difficile come questa. E il
voto sarebbe stato valido persino se ci fosse stato un quorum e sono 10 anni
che non si ha un referendum cosi’ partecipato!
L’invidia rende acidi, e fa fare la figura dei ridicoli!
Poi Tajani ha detto che la colpa e’ dei brogli, infatti “sembra” che, in
una oscura sezione straniera, qualcuno abbia detto “prima” del voto “che
c’erano segnali di cose poco chiare”. Ormai non riescono piu’ ad attaccarsi
nemmeno alle funi del cielo.
Questo voto degli italiani all’estero si prende tutte le colpe eppure lo
hanno voluto loro, se lo sono organizzato loro, lo hanno gestito loro, ci
hanno fatto su un pensierino loro, e poi, quando i risultati non sono stati
quelli sperati e si e’ visto che gli italiani all’estero erano anche piu’
scafati di quelli all’interno, hanno cominciato la solfa dei brogli.
Ma insistere sulla solfa dei brogli, dopo la legge “porcata” di Calderoni,
fatta apposta per sabotare lo stato e far vincere la Cdl e’ davvero il
massimo dello squallido.
La Russa ha attaccato Scalfaro dicendo che e’ stato il peggior presidente
d’Italia, e, quando gli hanno obiettato che anche Ciampi aveva giudicato
illegittima questa costituzione perche’ non prevedeva il consenso dei 2/3
del parlamento, violando l’articolo 138, ma era stata votata alla fiducia
con un colpo di mano della maggioranza, ha ribattuto che Ciampi per 5 anni e’
stato super partes, ma ora che e’ scaduto, e’ tornato ad essere quello che
era prima : “un comunista!”
Questa cosa di Ciampi che sarebbe comunista mi scatena una ilarita’
pazzesca.
Per dir cosi’ devono essere proprio alla disperazione!.
.e’ il vecchio serial comico “Se non la pensi come me, sei comunista” che
Berlusconi ha lanciato come moda ma che ha attecchito in modo pauroso
presso i fuori di testa.
Insomma quelli della Lega scappano, La Russa ha detto che non aveva tempo
per i commenti perche’c’era la partita. Nessuno dell’Udc. La Malfa
addirittura ha votato No dimettendosi dalla direzione del suo
partito.Berlusconi sembra eclissato..
Insomma la spallata sembra averla presa qualcun altro. La Cdl deve avere una
spalla ingessata conj prognosi riservata.
Lateralmente, il governo Prodi ne esce rafforzato, anche se la cautela dell’informazione
in tv fa temere brutte copie e altre figuracce.
La Casa delle Liberta’ frana da tutte parti. E noi tiriamo un sospiro di
scampato pericolo.
Per ora.
..
Il responso e’ stato strepitoso.

Viva i calabresi che hanno detto No all’82%, nel Sud hanno votato poco ma
hanno votato bene.
Non solo il No ha vinto in 18 regioni di 20 e in province su 110, ma ha
vinto in aree del paese a controllo della destra.
Sentite questa perche’ e’ bella:
D’Onofrio, uno dei 4 polentari di Lorenzago, ha detto che il Parlamento deve
riunirsi d’urgenza per eliminare l’art. 138 della Costituzione che era
stato pensato per frenare cambiamenti inconsulti della medesima, parlava di
piccoli emendamenti e richiedeva l’accordo dei 2/3 del parlamento, per
escludere colpi di mano di una eventuale maggioranza. Ma per D’Onofrio si
dovrebbe invece avere una Costituzione pret a porter che il primo ministro
potesse cambiare a ogni giro di valzer.
Invece Giordano, neo segretario di Rifondazione, esorta a non fare riforme
strutturali e veloci, e ricorda con fermezza che gran parte della
Costituzione e’ bella ma disapplicata e bisognerebbe piuttosto realizzarla
per garantire meglio il cittadino e i suoi diritti.
Insomma D’Onofrio, che passa per moderato, vuole rovesciare la Costituzione
ogni volta che un premier ne abbia l’uzzolo, Giordano, che passa per
eversivo, vuole invece difenderne i valori
fondamentali e chiede un largo accordo per qualsiasi cambiamento.
Allora, chiediamo a voi: chi e’ il vero moderato e chi il vero eversivo?
..
Il bello e’ che la riforma e’ stata bocciata anche in zone dove si era
affermato il centrodestra.
Tutti i giornalisti continuano a chiedere ora la Lega ch fara’. Ma a questa
domanda nessuno risponde, salvo alcune frasi a mezza bocca della Lega
tattica e alleati. Che debba cambiare, lo capisco, visti i 4 fallimenti, che
l’hanno messa in un cul de sac, ma chi la vuole una fazione cosi’?
Alla Lega Prodi manda a dire che il processo di autonomia delle regioni
continuera’ con le massime garanzie e un principio di solidarieta’ tra
regioni ricche e regioni povere, e che partira’ proprio da quel fiscalismo
tributario che renderebbe davvero le regioni piu’ indipendenti da Roma e che
proprio per questo Berlusconi si era guardato bene dal mettere nella sua
riforma.
Cicchito dichiara che la Cdl ha un elettorato non “militante”, il che vuol
dire che non va nemmeno a votare, cosa vuol dire? Che la Cdl piace a quelli
che dello stato si disinteressano? Non ne sanno e non ne fanno? Bella gente,
se gli fa fatica anche di interessarsi del documento piu’ alto dello stato e
di quale forma prende questa repubblica! Proprio un elettorato di qualita’!

Concludiamo con le parole di Bordon:
“Ha vinto la maturita’ e l’intelligenza degli italiani!”
..

Il Ds La Torre recrimina sull’errore fatto da D’Alema quando fece approvare
a colpi di maggioranza la variazione di 5 articoli della Costituzione (il
Titolo V, pessima riforma anche quella) ponendo un precedente di
illegittimita’ che poi Berlusconi ha ripetuto moltiplicandolo per dieci. Il
male e’ un brutto seme che genera piante gigantesche. Ma di quanti errori di
D’Alema dovremo vedere i figli deformi?
Dice La Torre:”Gia’ a quel momento si capi’ che occorreva una verifica e il
Titolo V e’ dunque da riprendere con una piu’ precisa indicazione di
competenze tra stato e regioni e completando il federalismo fiscale, con un
maggiore solidarismo tra regioni ricche e povere e un senato realmente
federale, non un fantoccio privo di voto”.
A nostro parere, ci sara’ piu’ che una pausa di riflessione e il Polo ha gia’
detto con sufficienza ealterigia che, di riforme in comune con lui, non se
ne faranno!
..
Il problema, ora, non e’ nemmeno la vittoria del No, ma l’entita’ del No al
Nord, malgrado la presa delle tv e dei media locali e il fanatismo di certi
localismi
Giustamente una ascoltatrice di destra ha detto a una tv:” Io ho sempre
votato a destra, ma non potevo accettare una legge che cambiava di colpo 53
articoli della Costituzione e dire con un si’ o un no se la volevo o meno,
la cosa era troppo superiore a un si’ o a un no, cio’ non era fattibile”. I
politici di destra presenti l’hanno recriminata con forza, eppure questo era
il senso dello strappo immane che era stato tentato. Un golpe della
maggioranza!
.
Ora quelli del centrodestra sono li’ tutti a dire che il No era scontato,
che tutti se lo aspettavano. Falso. Se cio’ fosse, non avrebbero forzato il
Parlamento con una riforma cosi’ spregiudicata. E’ questa la loro
democrazia?
Nania dichiara che il No era largamente scontato (?), a causa del terrorismo
fatto dalla sinistra! E che esso nasce da una avversione diffusa contro la
Lega che, si sa, difende solo gli interessi dei suoi territori. Cio’ non
spiega allora perche’ abbiamo dovuto subire la Lega come massimo partito di
governo.
..
Lettera di Maria Pia

Saro’ banale. L’ Italia del calcio ha vinto, oggi ci sono 2 gradi in meno e
poca umidita’… sono contenta, anche se tu mi riapri una ferita non
perfettamente cicatrizzata… la politica e lo stato del paese….
L’ITALIA puo’ rinascere nei prossimi dieci anni, forse………I politici
rispecchiano un popolo in discreta caduta, E NON PARLIAMO SOLTANTO DEI
POLITICI E DEL CAPITALISMO E DELLE CLASSI DEL POTERE. Gli italiani dagli
anni 70 – 72 hanno iniziato una caduta morale. Le due classi che dettavano
il tono MORALE E L’IMPEGNO del paese, la classe operaia e la piccola
borghesia operosa, hanno ceduto e per disgusto e per opportunismo. disgusto
nella classe operaia poiche’ a sinistra si vedevano cose non piu’
pulitissime e cominciavano ad affiorare interessi personali, sindacati
aiutando.
Nell’amministrazione del Comune di Bologna, dove lavoravo, queste cose erano
piu’ che evidenti.
In rapida, poi, successione, avvenne il colpevole abbandono dei lavoratori
dell’impegno del ben fare, perche’ se il direttore dirige male l’orchestra,
nessuno si accorge che i violini stonano, che le trombe latrano, che il
tamburo spacca le orecchie.
La piccola borghesia, insegnanti,piccoli commercianti, artigiani di alta
capacita’, seguirono la discesa iniziata dalle classi di POTERE E DAI
PARTITI. Io sostengo che ciascuno. al proprio livello e secondo il peso
sociale, ha responsabilita’.
Se il direttore dell’orchestra suona male, ha un’alta responsabilita’, se il
violino suona male, ha anche lui una responsabilita’, naturalmente piu’
piccola, ma ce l’ha.
Gli italiani da allora hanno mollato nella stragrande maggioranza.
Non sono per assolvere nessuno, tranne i pochi che allora continuarono
l’impegno del ben fare in tutti a campi, ma sono stati pochi . Insisto che
ognuno, al proprio livello,ha una responsabilita’, deve pagare il proprio
biglietto e non fare il furbo.
Sono stati anni disperati per me, ma ora capisco cose nuove e mi do’ pace.
Siamo una nicchia ecologica di topacci violenti, furbacchioni e malandrini e
non mi piacciono questi topacci miei parenti e che forse mi hanno attaccato
le loro modalita’. Non lo so.
Ho giurato a me stessa di dire a me stessa cosa mi piace e cosa non mi piace
e basta. Cerco di restare umana e capire le ragioni per cui accadono certe
cose e non altre.
I PARTITI SONO DIVENUTI DISTRIBUTORI DI PREBENDE AI LORO ACCOLITI E SONO ORA
ORGANIZZAZIONI DI BASSA FAMA. CAMBIAMOLI, FORSE SI PUO’,
SEGUONO I SINDACATI, LE COOPERATIVE ROSSE E BIANCHE, E TUTTI GLI ITALIANI.
Questo non mi toglie piu’ il sonno, ma mi invita a pensare e dire con onesta’
quello che penso e coltivo la speranza. Sempre.
..
Propositi necessari

Ed ora si evitino in futuro leggi carrozzone che contengono di tutto, non
solo piu’ articoli costituzionali insieme, ma nemmeno piu’ leggi ordinarie
affastellate, come e’ avvenuto con le leggi omnibus di Berlusconi (vedi la
legge di finanziamento delle Olimpiadi che conteneva la legge Fini sulla
droga) e si evitino referendum cosi’ complessi e difficili che risultano
inaccettabili a chi deve votare solo si’ o no! Mai piu’ qualcosa di simile
da parte di nessuno! Si chiami egli D’Alema o Berlusconi! Ai fini della
salvaguardia della democrazia e’ identico! E non importa da quale parte
venga!
Se uno aggredisce la mia casa e i miei familiari, non guardo se viene da
destra o da sinistra, ma guardo all’offesa che fa!
E si tolga il maledetto quorum ad ogni sorta di referendum, per allargare il
controllo popolare! E l’Italia torni a essere difesa da chi all’Italia ci
tiene! E non si dica mai piu’, nemmeno per errore, che chi non e’ andato a
votare era per questo o quello! E si punisca chi sobilla al non voto, come
la legge prescrive! Sia esso un capo schieramento o un vescovo!
Torni il cittadino a essere attivo nei suoi diritti e doveri! E si esecri o
si punisca chi si disinteressa della cosa pubblica o addirittura la attenta!
Torni l’uomo ad essere uguale a tutti davanti alla legge!
Occorre riscrivere con chiarezza le competenze dello stato e delle regioni
per evitare contenziosi che paralizzerebbero lo stato e si aumenti, un po’
alla volta, le competenze delle regioni con alleggerimento dello stato ma
dando insieme le risorse necessarie e senza un capo di governo che non solo
si tiene le risorse e gestisce arbitrariamente quelle regionali (si veda
Berlusoni che per avere voti ha promesso l’abolizone di ICi e tasse sui
rifiuti) ma aumenta i suoi poteri, perche’ questo aumento e’ proprio in
contrasto col decentramento e con un aumento di controllo democratico. Si
rendano infine agli organi di controllo i poteri di controllo e le
autonomie, principiando dal Capo dello Stato, dalla Corte Costituzionale,
dalla Magistratura e dal Parlamento, per evitare abusi di potere e derive
antidemocratiche!
..
Chi ha a cuore la Costituzione sappia che la lotta per difenderla non e’
finita affatto ma continua. E per salvaguardare i nostri diritti democratici
occorre ricordare che non c’e’ affiliazione partitica che ci garantisca
alcunche’ e non ci si puo’ fidare affatto del centrosinistra, piu’ di quanto
ci si poteva fidare del centrodestra, visto il grado di accaparramento di
alcuni e visti i precedenti errori e inciuci della bicamerale.
..

Qualcosa alla RAI.

Va bene parlare di Totti e le veline, ma 25 milioni di italiani si sono
mossi col caldo e l’afa per dire che la politica gli interessa, che questo
paese gli interessa. Sara’ bene ricordarselo, quando si fanno questi
palinsesti fatui e vacui, basati sulla volgarita’ piu’ sfacciata, sulla
maleducazione rissosa, sulla menzogna permanente.
Sara’ bene ricordarsi degli interessi della gente soprattutto quando si
fanno telegiornali, ormai omologati ai talk show, dove domina l’intrallazzo,
la stupidita’ e la disinformazione, ricordando anche che gli Italiani non
fanno schifo, come vuole Speroni, ma questi media si’, e, se ci fosse un
referendum sulla loro qualita’, sarebbero bocciati col 99% dei No e i
telespettatori schifati rovescerebbero, se potessero, a calcioni, questi
direttori di testata, questi organizzatori di talk show, questi venditori di
droga mentale.questi che negano con protervia una informazione pluralistica,
seria e approfondita, come abbiamo diritto di avere in un paese civile e che
per questo si fanno fare contratti da fine legislatura, per non pagare mai
lo scotto di quel che fanno.

Un’altra cosa vorrei dire:
come esiste un popolo, che sul web mette spesso post intelligenti, vorrei
che esistesse, anche, un blog da fine-tg che aggiungesse ogni giorno
qualcosa agli slogan spesso raffazzonati e ripetuti dei politici, e che
riportasse quel che pensa la societa’ civile, e non parlo di quelle
interviste lampo che si fanno per strada alla massaia o al pensionato per
sentire quando caldo fa il caldo che fa, ma roba intelligente, di docenti
universitari, sindacati della Mirafiori, artigiani appassionati, precari
incazzati, lavoratori di call center, madri lavoratrici, ecologisti ..gente
che parla di cose che sa, perche’ ne ha una esperienza viva e sofferta,
come non ce l’hanno i grandi papaveri che sembrano sempre riferirsi a
problemi alieni, gente che che magari ha in mente soluzioni innovative
perche’ il problema lo ha pensato tanto soffrendolo di persona.
Bisogna sentire la voce della gente!
E’ democrazia anche questo!
..
http://www.masadaweb.org

Related Tags:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 13 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano