WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Monday January 22nd 2018

Camilla

Camilla, un fiorellino giallo dalla corolla bianca, piangeva.
L’erba che la circondava era alta e non riusciva a vedere il sole.
“Vi potreste spostare?” chiedeva singhiozzando, ma nessuno l’ascoltava.
Ogni filo d’erba si ergeva imponente sulla sua esile grazia soffocando tutte le sue speranze di poter respirare anche un solo raggio di luce.
“Vi prego!” esclamava continuamente Camilla, certa che l’insistenza avrebbe smosso la pietà di quei vegetali che la circondavano, “Se non vedo il sole muoio!”.
Un giorno, a queste sue parole, un filo d’erba altissimo, il più alto di tutti, si piegò verso di lei come spostato dal vento e le disse “ Morirai quando lo vedrai.”
Camilla rimase in silenzio, intimorita dalla serietà del tono usato.
Ma poi tornò a chiedere uno spazio aperto al cielo.
Era una giornata bellissima, lo sapeva non perché vedesse il cielo ma perché la temperatura era ottimale. E questa era una cosa che le faceva soffrire ancor di più il fatto di non poter vedere il sole.
Poi senti un rumore.
Durò un attimo.
Poi ancora quel rumore. Solo che non cessò subito, anzi, sembrava non aver fine e soprattutto sembrava avvicinarsi rapidamente.
Camilla si chiese cosa poteva essere.
Poi dette un’occhiata distratta ai suoi altissimi vicini.
Si lamentavano, un lamento che aveva il suono di un fruscio, e piangevano.
Il fiorellino giallo dalla corolla bianca si domandò cosa stesse succedendo proprio mentre il rumore diventava insopportabile.
Apparve il sole.
Per un attimo.
Come un miracolo, come un miraggio.
Camilla sorrise.
Poi fu tranciata dal tagliaerba col motore a scoppio.
Camilla per uno strano gioco del destino si trovò distesa e più in alto di tutti.
Il sole era tutto per lei.
Un calore che le rese serena la fine della sua breve esistenza.

“L’acqua bolle!”
“Sì, grazie.”
La bustina calò lentamente nel pentolino. L’acqua calda si colorò di giallo.
Marco si sentiva stanco, aveva bisogno di bere qualcosa di rilassante.
Versò il liquido in una tazza, lo zuccherò e lo portò alle labbra.
Sorseggiò e rimase un attimo sconcertato dal suo sapore.
Gli ricordò il sole e si sentì stranamente felice.
D’istinto guardò sua moglie “Dove hai raccolto questa camomilla? E’ davvero speciale.”

Related Tags:
Previous Topic:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 17 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano