WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Saturday November 18th 2017

La maestrina

La maestrina, alzandosi, istintivamente si voltò indietro.
Tutti la guardavano silenziosi, fermi, come in attesa di un epilogo inevitabile.
Tornò a guardare avanti a sé quasi senza ascoltare le parole che l’uomo in giacca e cravatta le rivolgeva.
Ci fu un attimo di silenzio.
“Signorina, risponda.” Una voce non troppo gentile la scosse da mille pensieri.
“Mi scusi, mi scusi – alzò la testa e drizzò la schiena – Quando sono arrivata in questo paese, per la prima volta dopo molti anni ci fu un numero sufficiente di bambini per completare una prima media. Era il mio primo impegno nell’insegnare ma non credevo che mi sarei potuta innamorare così di quei dolcissimi visi. Diciassette angeli, credetemi, e i loro genitori tutta gente dalla forza straordinaria, che aveva da sempre lottato contro l’asprezza di questa terra. Ma in me videro come l’ancora di salvezza per i loro figli. La povertà è un dato di fatto da cui tutti vogliamo fuggire. Fu per me una enorme responsabilità, mi fece grande dentro.
Ma la povertà crea grandi ostacoli, gli stessi che servono a mantenerla a favore di coloro che non la vivono: i ragazzi non potevano permettersi i libri, i quaderni, penne e matite.
Avete mai vissuto la disperazione negli occhi dei bambini? Lama tagliente e dolorosa. Ma a volte il destino non è così avaro. Non lo è stato con mio padre, ricchissimo, non lo è stato con me.
Regalai io il materiale per scrivere agli alunni. Per quanto riguarda i libri… sì, mi dotai di un PC, di un video proiettore, scannerizzai i libri di testo proiettandoli su uno schermo in classe. Bastò evitare di dar loro compiti a casa. I bambini studiarono e impararono senza dover acquistare alcun libro. Così in seconda media e quest’anno.
Sono bravissimi, sapete? Mi sono chiesta spesso, se non avessi fatto così, come avrei potuto scoprirlo.
Ma esistono leggi che vanno rispettate.
Io non l’ho fatto e le case editrici che mi hanno denunciato per uso improprio delle loro opere, sono dalla parte della ragione.
Io sono una donna felice e dalla coscienza pulita e lei, Vostro Onore, può decidere quello che vuole”

Si voltò nuovamente indietro a guardare i genitori che in gruppo si erano abbracciati in silenzio ad aspettare il verdetto.

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbero interessarti anche:

Related Tags:
Previous Topic:
Next Topic:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 14 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano