WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Monday May 28th 2018

se vuoi la pace prepara la pace

Paolo De Gregorio – 15 agosto 2005
Se vuoi la PACE prepara la PACE

Ecco gli ideali “patriottici” proposti per convincere i giovani americani a fare la guerra in Irak:
– gratifica “una tantum” per chi si arruola, di 40.000 dollari;
– 5.000 dollari al mese;
– prestito di 50.000 dollari, a chi firma per 8 anni, per consentire l’acquisto di una casa;
– assistenza medica gratuita per tutta la vita.
Vogliamo ricordare il dramma di Cindy Sheehan, madre di uno dei circa 2.000 caduti in Irak, accampata sotto il sole davanti all’immenso ranch di proprietà dei petrolieri Bush, dove l’invasore dell’Irak gozzoviglia, che chiede di parlare con il Presidente. Questa donna chiede di parlare con Bush con la certezza di toccare il suo cuore, guardandolo negli occhi e chiedendogli di ritirare i soldati. Ma lì, al posto del cuore, c’è solo un portafoglio.
Andasse, invece, organizzata insieme alle altre madri dei caduti, davanti agli uffici di reclutamento, dove vi è il bel segnale di una crisi degli arruolamenti, e lì e solo lì, si può vincere la battaglia per far finire una guerra fatta solo a misura di petroliere.
E mi piacerebbe vedere come reagisce la grande “demokrazia” amerikana, se si passa dal pietire un colloquio con Bush, a fare presidi davanti ai distretti di reclutamento militare,con centinaia di madri di caduti, insieme a migliaia di reduci feriti, che dissuadono i giovani ad arruolarsi.
Sarebbe una battaglia doverosa per quei movimenti che si dicono pacifisti, ma che oltre il bla-bla-bla non vanno, e sarebbe ora di impegnarsi in tal senso.
Mi appello al popolo dei blog, almeno a coloro che condividono questo punto di vista, di mandare queste proposte (via internet), a questa madre e ai movimenti pacifisti per spingerli a mobilitarsi.
Il momento è giusto. Il 61% degli americani non condivide l’operato del Presidente, vi sono 5.000 disertori americani nascosti o in Canada, la crisi degli arruolamenti è notizia certa, i costi della guerra sono esorbitanti e una normalizzazione dell’Irak impossibile, come ci ricorda del resto l’ineffabile Rumsfield che dice “creiamo più terroristi di quanti ne uccidiamo”.
Sarebbe ora che i figli degli schiavi che resero ricca l’America, la finissero di andare a morire al servizio dei nuovi schiavisti, che lasciano i loro figli a casa ed usano con leggerezza e cinismo la vita di giovani neri e ispanici in difficoltà economiche.
Qui in Europa, un grande contributo alla fine della aggressione Usa all’Irak potrebbe venire da quelle centinaia di migliaia di persone che sono scese in piazza contro la guerra: invece di aspettare passivamente, non comprate prodotti americani, non andate a vedere i loro film, non fate viaggi in questo Paese, rifiutate la loro musica, non più una Coca_Cola o un hamburger finchè non sloggiano dalle terre altrui.
Passeggiate multicolori e qualche vetrina spaccata non servono a niente, la coerenza personale per non essere loro complici serve moltissimo.
Paolo De Gregorio

Related Tags:
Previous Topic:
Next Topic:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 12 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano