WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Monday January 22nd 2018

libri scolastici e conflitto d’interessi

28 LUGLIO 2005

In Italia mancano tante cose, ma la cosa che proprio non c’è è l’opposizione politica.
Oggi vi è una notizia da far saltare sulla sedia anche il serafico “pensionato” di Altan. E’ stato firmato un accordo tra il Ministero della pubblica istruzione e la società on-line BOL (di proprietà di S. Berlusconi) per fornire a domicilio libri scolastici con la possibilità di rateizzare il costo su 12 mesi al tasso di interesse (elevatissimo) del 7,5%.
Questa operazione avrà l’effetto di far fallire le molte piccole librerie di provincia che realizzano quasi la metà dei propri profitti con l’editoria scolastica, e renderà meno visibile la pesante “tassa” che le famiglie pagano per l’istruzione dei loro figli visto che la spesa, per i soli libri, è di 300 euro per le medie e di 500 euro per il liceo. E’ previsto che milioni di poveracci si serviranno di questo strumento, felici di rendere più ricco il loro amato presidente.
Il “Palazzo” si indigna con una interrogazione, ma poi i “monarchici” di centro sinistra, esausti e sudati, pensano che sia meglio lasciare la cosa nei palazzi della politica, per utilizzarla nei loro ricatti incrociati.
Un senza partito come me schiuma rabbia e si sfoga con il popolo dei “Blog” per dire ciò che sarebbe possibile e giusto fare se ci fosse un minimo di opposizione politica.
A parte il fatto che la legge sul conflitto di interessi è una buffonata se permette una operazione del genere, oggi vi è una possibilità reale, con tecnologia già disponibile, di abbandonare per sempre il testo scolastico cartaceo per sostituirlo con quello elettronico.
Il Ministero della pubblica istruzione si dovrebbe occupare di selezionare i migliori testi in circolazione, fare le giuste convenzioni con gli editori, e dotare ogni banco di scuola del mezzo elettronico per consultarli.
Finite le scogliosi causate dagli zainetti pesanti, diminuita la distruzione dell’ambiente che il cartaceo provoca, finita la odiosa tassa indiretta, rimane solo la necessità di avere in ogni casa un “computer” per consultare i testi scolastici e fare i compiti, ma questo strumento ormai lo hanno quasi tutti ed il risparmio sui libri consentirebbe l’acquisto.
Altro che speculare sulle rateizzazioni ai poveracci!
Una opposizione decente, di fronte a questo scandalo, dovrebbe proporre questa “modernizzazione” e coinvolgere studenti e genitori in una lotta “a furor di popolo”, per affondare per sempre chi pensa solo a lucrare sulle difficoltà altrui.
Paolo De Gregorio

Related Tags:
Previous Topic:
Next Topic:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 13 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano