WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Monday April 23rd 2018

MESSAGGIO

Luglio 96 – Zocca

“Serba per te la pazienza in questa estate piovosa.
Il tuo angelo ti guida e ti conduce.
Nulla è stato fatto e nulla è irrimediabile.
Tieni la tua fragilità come un premio.
L’angelo ti sta da presso e ti chiede un sorriso.
Guardati attorno a parla con la gente.
Scuoti la tua parte bambina e impara la fiducia.
Fidarsi degli altri è fidarsi della vita
e non credere sempre che gli altri ti vogliano male,
ché ognuno è chiuso nel suo universo
e poco si cura degli altri,
ma ognuno è come te ugualmente solo e impaurito.
Inventati la giornata,
domanda a te e agli altri la vita come un dono.
Tutto va in fumo se non lo sorreggi
con la fede nel sorriso.
Prendi le cose dal loro verso migliore e non le affogare nel sospetto.
Per Noi è tutto così insignificante,
anche se vi accapigliate
e tutti i motivi gravi sono come scempi
di fanciulli.
Devi attraversare un ponte,
il discrimine tra essere e non essere
e per troppo tempo sei stata titubante,
aspettando che qualcuno ti porgesse la mano.
Facevi qualche passo solo quando TU porgevi la mano
a un altro
ma non sempre le cose sono state capite
come tu le intendevi,
perché chi porta sospetto genera sospetto
e non può piangere poi sulla sua sorte.
Ti abbiamo messo accanto vari padri putativi
ma quasi non te ne sei accorta,
ma infine anche il padre va lasciato al suo destino
e si deve camminare da soli
attraversando la grande acqua.
Ognuno ha un suo compito
che per qualcuno è semplicemente
“essere” senza ferire né essere ferito.
E’ come tendere l’ascolto
a un suono più lontano,
ché il suono troppo vicino
rischia di ferire l’orecchio senza essere inteso.
Dunque impara il distacco
che non è indifferenza
ma pazienza,
un po’ di saggezza in più per perdonare
senza comprendere,
senza voler capire
ciò che non ha niente da capire,
ma va solo preso,
come si prende la strada,
con sassi, buche e fiori,
passando avanti e guardando all’orizzonte
e non sotto le scarpe.
Questa vista più lunga ancora ti manca.
E’ il progetto.
E’ il perdono.
E’ il bagaglio del viaggiatore che ha
un lungo cammino
e non s’inceppa
alla prima contrarietà.
Il tuo problema è credere
che negli altri ci sia più male rivolto a te
di quanto possano i loro pensieri
e intanto ti neghi la possibilità di dirigere i tuoi
costruendo sogni
e così ti intrappoli da te medesima,
quando noi ti chiediamo solo
di giocare
e di godere del tuo gioco.
Cerca dunque di ritrovarti
in ogni cosa che renda gradevole ogni ora,
ché in quel momento la tua bellezza splende
e ognuno
ti ama”.

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbero interessarti anche:

Related Tags:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 13 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano