WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Monday December 11th 2017

AMARE CONDUCE A IDENTITA’ [ VIDEO SCENEGGIATURA]

__________________________________________

[SCENEGGIATURA PER VIDEO]

___________________________________________

AMARE CONDUCE A IDENTITA’

___________________________________________


Si respira un’aria di primavera
malgrado stia piovendo da giorni.

Una donna senza tempo
se ne sta senza emozioni
appoggiata al vetro di una finestra
schizzata di fango e pioggia.

Dai suoi occhi lontani
che vedono ogni cosa
seguendo il volo di un corvo
scendono lacrime non volute.

Nel suo cuore placato
non c’è che una ineffabile dolcezza.

Ella è sola.

Si gira verso l’interno della stanza,
una camera da pranzo arredata
in stile francescano.

Guarda verso la porta
che lentamente si apre
mossa dal vento
senza lasciar entrare nessuno.

La donna
si muove soffice verso il tavolo
e inizia ad apprecchiare per due
come parlando con qualcuno.

La camera da presa
segue il ritmo della donna
senza mai staccare.

Per tutto il video,
un lungo piano sequenza,
l’occhio della camera da presa,
a mano,
va a prendere particolari,
dettagli e primi piani,
che non sto a specificare
per lasciare libertà alla regia
all’attrice e all’operatore.

Le luci fioche di alcuni candelabri
illuminano la scena
insieme ai lampi.

La musica segue discreta
come musica d’ambiente
il parlare soffuso, soffiato, sommesso,
della donna e i suoi movimenti soffici,
quasi di danza.

______________________________________

DONNA:

Lasciami credere
che ci sia fine al peggio
che cresce intorno a noi
come un virus

______________________________________

La donna è piccola e morbida,
ha lunghi, ondulati, ribelli, capelli rossi.

La pelle bianca riluce nelle fiammelle delle candele.

Sorride vaga guardando nel vuoto
mentre accende candele e lumini mortuari
che dispone sul tavolo che ha coperto di lino bianco ricamato
insieme a piatti, bicchieri di cristallo, posate d’argento.

Parla con voce di sabbia.

_____________________________________________________

DONNA:

Che possa la poesia
fiorire di mille sorrisi
per dar vita
nei nostri cuori
al mondo nuovo
che ci attende al di là
di questa morte a termine.

Separati dalle nostre solitudini
passiamo notti insonni
sognando ad occhi aperti
di essere già oltre
gli angusti confini
di questo pianeta
dove regna il terrore.

_____________________________________________________

Prende da un vaso un fascio di wildflowers.

Li sfoglia disseminando il tavolo di petali.

Un vento insistente spalanca le ante del balcone
muovendo a ritmo con la musica le tende di merletto.

Lampi e tuoni fanno da contrappunto.

_____________________________________________________

DONNA:

Lieve il tuo sguardo
scavalcando ogni distanza
scivola in me
pensandomi
per carezzare la mia stanca anima
sì che possa schiudersi
in sorrisi come perle
che profumano d’alba
in questa tetra lunga notte d’attesa.

Amare conduce a identità.

_____________________________________________________

La sirena di una macchina urla nella notte.

Ella esce sul balcone pieno di piante.

La pioggia sferzante d’obliquo la bagna
ma ella sembra non accorgersene.

_____________________________________________________

DONNA:

L`amore ci conduce a vivere
esperienze che anche nel dolore
aprono in noi la verità
del nostro essere più profondo

Riuscire ad esprimere così
le proprie emozioni
è segno del dono
che in noi sta fiorendo
dal seme del vissuto
E` segno del nostro ricongiungerci
all`Essere Eterno e Immortale
in cui, attraverso la Passione,
scrittura e destino,
andiamo a incarnare la nostra vera identità

_____________________________________________________

Torna nella stanza.

E’ irresistibilmente dolce.

Passa una mano tra i lunghi capelli bagnati.

Dispone sul tavolo cestelli di frutti di bosco
e brocche di vino rosso.

______________________________________________________

DONNA:

Amare induce a vedere la vita
al di là delle illusioni,
ci allontana dal falso scorrere del tempo,
ci fa felici nell’infelicità,
ci aiuta ad uscire dall’ebbrezza delle passioni,
ci armonizza al di là delle regole collettive,
ci fa individui
unici e irripetibili, autentici e trasgressivi,
ci fa padroni delle nostre emozioni,
responsabili delle nostre scelte.

________________________________________________________

Riempie due calici di vino
e fa come per offrirne uno a qualcuno.

In un angolo la camera scopre
un portatile e una webcam accesi.
________________________________________________________

DONNA:

Avete mai provato a capire gli uomini??

________________________________________________________

Una lieve risata argentina le illumina il volto barocco.

Dopo aver posato uno dei due calici davanti all’apparecchiatura
dietro cui pulsa la webcam accesa
va a sedersi di fronte.

Solleva il calice in un brindisi muto.

Beve un sorso assaporandolo piano.

Poi solleva gli occhi sul suo invisibile compagno.

Ride con aria misteriosa.

_________________________________________________________

DONNA:

Oh, ma voi, siete un uomo….

_________________________________________________________

Abbassa gli occhi nel bicchiere
poi parlando li solleva piano.

_________________________________________________________

DONNA:

Io si, da molte vite …

….e vita dopo vita sono ancora sola….

Capire gli uomini fa molto male,
si muore, è vero,
ma fa rinascere

___________________________________________________________

Si alza e va a prendere una scatola da musica
che apre.

Il suono del carillon doppia la musica di scena.

Danza lieve e soffice tornando a sedersi.

____________________________________________________________

DONNA:

Oh, si, sono molto felice…
Vivo nei miei sogni,
viaggio di vita in vita,
scavalco ogni convenzione spazio-temporale,
passeggio a piedi nudi sulla Via Lattea,
sono molto felice
ora che, infine, ho capito
che a sognare si è sempre soli,
soli sul ciglio dell`universo
lì dove
`aleggia uno Respiro su una terra vuota
avvolta dalle tenebre`
il solo RESPIRO che sappia insegnarci ad Amare!

_____________________________________________________________

Sembra infiammarsi,
le guance arrossate, il respiro sensuale.

Si passa una mano nei capelli dolcemente
e slaccia sul seno florido la camicia di seta nera.

_____________________________________________________________

DONNA:

Lì, sul bordo della via lattea,
siamo tutti unici e irripetibili,
ognuno una tessera di un gigantico mosaico,
un passaggio della sinfonia delle sfere,
un canto inimitabile
sostenuto su una silaba,
ma per arrivare a sentirlo,
ad esserlo, a viverlo, a farlo vibrare nell’aria,
forse,
dobbiamo iniziare a capirci …

Meglio dire comprenderci,
immedesimarci nell’altro,
sentire l’ essenza di quel canto vibrare in noi.

Far nostre le ragioni dell’altro
fa schiudere la perla che celiamo come un’ostrica
e ci fa sentire parte dell’Universo

Eggià. Comprenderci.

Che in pratica è spendere tempo ad ascoltare,
senza mettere sempre davanti a tutto
NOI e i nostri pensieri
e le nostre visioni
e il nostro punto di vista.

Ascolta e capirai.

_____________________________________________________________

Si alza.
Si sfila piano la camicia
liberando il seno bianco e turgido,
carezzandosi lieve, con un dito, la pelle di seta,
affondando gli occhi profondi nella webcam.
____________________________________________________________

DONNA:

Passeggiando sulla Via Lattea
le distanze siderali
che sembrano dividerci
ci uniscono.

E` questo comprenderci
che ci riconduce all`Innocenza Originaria
dove il Respiro d`Amore Universale
ci fa veri e non più soli,
ci fa Angeli del Sogno
in volo nell`Universo.

_____________________________________________________________

Lentamente si spoglia anche della gonna.

Veste una sottoveste di tulle nero che copre
il bianco corpo formoso.

_____________________________________________________________

DONNA:

Che tutto è scritto,
che tutto deve accadere,
è il senso della passione di Cristo,
lavacro nel sangue,
redenzione nell’obbedienza
al destino di sofferenza
umano non umano
ai limiti dell’inaccettabile

_____________________________________________________________

Lentamente sale sul tavolo
ponendosi a favore della webcam.

Parla mangiando petali di fiori
mentre si accarezza con i frutti di bosco
che lasciano scie come di sangue sulla pelle.

_____________________________________________________________

DONNA.

I dettagli,
incisi nel sangue,
affiorano
come geroglifici
tatuati
sulle nostre carni
piagate
di fratelli e sorelle
piegati
sotto una croce
trascinata
con sacra riluttanza
dubbiosa
se la coppa vada bevuta
fino in fondo

______________________________________________________________

Si sdraia sul tavolo
tra le candele, i lumini mortuari, i fiori, i frutti di bosco,
carezzandosi piano come in una danza.

______________________________________________________________

DONNA: [ Canta giungendo all’estasi ]

Parole antiche
nuovi sospiri

Oimoimoi

Eros irrompe
nell’occhio del ciclone
dove pace respira

Nostra aetate

Amo il divino
in te
uomo
e l’anima tua
nel mio corpo
s’ incarna

Nostro ludus

L’albero tuo
vita fiorisce
dal seme
radice di fusione
nel mio grembo

Nostra origine

Anima, mente e corpo
autenticati da natura
d’ogni bellezza
splendono

Nostro gaudio

_____________________________________________________________

La musica la segue nelle sue carezze sensuali
mentre il vento fa volar via
soffitto e pareti della stanza
lasciando il tavolo al centro
di una foresta pietrificata
popolata da giganteschi emu,
pappagalli, uccelli del paradiso e neri corvi.

Una pioggia di rossa sabbia scende a ricoprire
il corpo della donna mentre accarezzandosi canta.

Nel cielo si disegna un’aurora boreale.

Fine
__________________________________________

Titoli di coda su questa scena.

_____________________________________________________________

Related Tags:
Previous Topic:
Next Topic:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 13 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano