WarDrome Sci-fi MMORPG
WarDrome Sci-fi MMORPG
comunità di poesia e lotta dal 2002
Monday December 11th 2017

Ricordi di un cattolico rurale

IL PRIMO PREMIO

Nella mia chiesa le ragazze occupavano gli scranni di sinistra, se si guardava l’altare; noi ragazzi tenevamo l’altra parte. Non ho una voce interessante, almeno da un punto di vista canoro, piuttosto bolsa al galoppo. …Del ruolo di solista neanche a parlarne; per i cori misti ci sarebbe voluto invece un po’ di coraggio da parte del nostro preparatore e forse qualche trucco durante le prove dei canti. Là, sul coro, di rimpetto all’altare, giusto all’opposto e al nadir del crocifisso, lassù in alto, che per arrivarci ci si arrampicava come serpi intorno a un tronco, per una scala a chiocciola stretta e traballante, proprio sotto al rosone di vetro, ammantati di luce screziata di rosso, giallo e blu, i coristi e mio cugino Carmine, angelo biondo, capabianca lo chiamavamo, esile e pulcherrima figura dalla voce preziosa e purissima che sgorgava come polla, ascendevano comecherubini e serafini. Io ero ancora impubere. Quel giorno aspettavo, calmo e sicuro del fatto mio. Alla lettura del vangelo non mancava molto; dopo sarebbe stato detto a tutti. Io sto lì, fiero e altero come un crociato a cavallo. Ecco l’ora! Si comincia dal terzo classificato: è Milù. Aveva copiato il cantico delle creature paro paro e tutt’intero il babbione, il mio furbo citrullo. Bene per lui che me l’abbia fatto leggere iersera, che una tirata di orecchi da don Mimì non gliela levava nessuno. Gliel’ho ridotta ad una sola strofa di otto versi; l’ho salata un poco con l’Ecclesiaste e subito dopo l’ho sciacquata con il Discorso della Montagna. Un pasticciaccio brutto, stucchevole come certe torte rustiche di zia Angelina, che si cominciano svogliati e pure si finiscono. E’ accanto a me Milù; stringe e agita il pugno come ad un gol; si alza tronfio, mi spernacchia sottecchi e s’incammina verso l’altare. Ma Don Mimì mette subito la quistione in chiaro. “Non te lo meriteresti”, gli fa, “ma tu o chi per te avete scopiazzato bene”. Così gli dà in premio il libricino completo del Nuovo Testamento e tra gli sghignazzi di tutti noi gli assegna in penitenza due avemaria e tre atti di dolore. Tocca al secondo e il secondo so già chi è. Ci scommetto la mia mazzetta, la mia mezz’ora di calcio domenicale al campo dell’oratorio; che il Napoli possa perdere oggi, anche 4-0, in casa! E’ Carmine mio cugino, chiaro come il sole, no? Scende dal coro fiammeggiante come un arcangelogabriele. Bello d’un bello che non si tocca. “O soave Madonna, dolce frescura dei nostri ardenti rimorsi…”, recita così la sua poesiola. Ohi!, quel soave, detto con voce di latte e di miele, come ci intenerisce e ci squaglia. Ci riprendiamo lentamente e negletti dall’apparizione. Ma adesso al bando le dolcezze e sdilinquimenti. su, su, miei commilitoni in Cristo, alle armi, tocca alla spada! Tocca a me, e a chi se no! Mai avuto un menomo dubbio, mai. Mi incammino impettito e in tensione, in forza come se portassi sulle spalle un’armatura; la mia mano curiosa tasta il fianco destro e fa per acconciare un inesistente fodero. Ed eccola la mia. Terribile Madonnatu che schiacci e per l’asprigno artiglio del tuo piede soffochi il Maligno,quella faccia che mal vede fetente e velenosamozzagli tutto in tondo.Che aspetti, o Rosa,Libera questo mondo.Non sia la Tua nobile pietà di peso,dei figli Tuoi pensa la paura,ciascun non dorme offeso,del satanasso scotta la calurae si tiene in corpo indigestoché per sputarlo è presto.Senza indugio, fallo, fallo, fallo.E poi, Madre Nostratu che tieni il globo in senoe T’affanni senza sosta,sotto il mantello Tuo serenoazzurro e stellato le genti di ogni parte ricopri e Dio sia lodato.Neri, cinesi, russi e saraceni,e al popolo tuo che era predilettoe al Tuo Figlio dié velenitrovagli pure un posto che non sia stretto.

MORTO UN PAPA SE NE FA UN ALTRO

Una pallina, presa di rimbalzo, più col corpo che con la racchetta, daimpostatore, impenetrabile muraglia d’appalto non cinese (Dio ce nescampi!), con uno sfarfallio loffio e indolente, spizzica lo spigolo del campo avversario. Paoletto s’avventa, s’incurva, taglia, scarica la forza d’un boia, ma quella arabeggia, lo tarantella, si scansa e ti saluto Napoli…Ho vinto!“E’ morto il papa!”, urla Enrico che s’era messo in solitario davanti alla televisione, perché – è affar mio!- quando gioco io è sempre l’ultimo turno.Si era nell’agosto del settantotto e nella calura Paolo VI c’era rimasto secco, non cangiando di forma, perché secco rimase, tal qual era,forse di peso, se l’anima è grave. E che spirito! ingravidò quel corpo che ora è spurgato da ogni umore come pane raffermo, buono per i maiali. O da grattugiare su un cattò. Ci azzeccammo spugnosi alloschermo, una dozzina. Il sudore di Paoletto era alle mele, quello diEnrico, all’orzo o di fieno.Il giornalista pareva di sapone, parlava zitto zitto come se accanto gli dormisse la ninna . E però quante belle cose diceva, quante storie che non sapevo,e non finiva mai. “Vabbuò, morto un papa se ne fa un altro” ci disse per farla breve Don Antonio, il fratello del parroco, che girava sempre con un mazzo di chiavi appeso al passante del pantalone e aveva fretta di chiudere. Il ceffo era quello del sagrestano più che di un prete: sempre poco m’è piaciuto . Gli viene in soccorso il temporale che s’agita nel televisore. La faccia del telecronista sempre uguale è come una cascata di monete ai tre bar della macchinetta mangiasoldi. Enrico gli dà un pugno per rimetterlo dalla tosse; il televisore si riassesta, rifulge e ci mostra la foto del papa benedicente. E’ un saluto breve il suo, in felice cammino verso un puntino luminoso, un mondo lontano, al centro di un universo nero. S’è rotto il televisore. “Donantò, quando lo compriamo un altro televisore?”, gli chiede un Enrico disilluso. “Quando muore il prossimo papa”, gli risponde con una scintilla sardonica negli occhi l’ignaro celebrante da sacrestia.

IL CILICIO

La “sede” era il calco preciso di un’idea divina, perché Dio pensa in tre dimensioni, plasma senza mani. A prenderne l’impronta era stato Angelo Vitale, nel nome un destino -come si dice -, instancabile organizzatore di tornei di scacchi e campionati di calcio, inventore di pulsantiere lampeggianti per gare di quiz e certamen letterari, nostro giudice e arbitro, anche di eleganza, e luce degli occhi di Don Mimì. Se la “sede” era piccola o grande non saprei, non mi intendo di astronomia: per noi la sede era l’universo. Il nostro sole era un tavolo da ping-pong, legno fresco di finissima fattura scandinava, brillante e levigato che ad accarezzarlo ricordavo la spalla di Stefania, ambitissimo “quarto” che m’era capitato di sfiorare nel pigia pigia delle prove di canto generali. Intorno vi orbitava un tavolino per il giuoco delle carte – piccola taverna portuale -, un elegante pensatoio in mogano con scacchiera intarsiata e un biliardino, sempre ben oleato, con i suoi guizzanti, sforbicianti e tambureggianti balilla rossi e blu. In angoli estremi e opposti il televisore, vera finestra su altri mondi, e una scrivania con tre cassetti chiusi a chiave da Angelo Vitale che dentro ci custodiva i suoi brevetti. Tanto bastava ad una ventina di ragazzini, ordinati per turni diligenti e rituali. Tanto ci bastava, quella goccia di eternità… La sede doveva restare chiusa per tre giorni, in segno di lutto per la morte del papa. E il campetto di calcio inaccessibile per due domeniche. Fu questa la decisione di Don Mimì e la nostra disperazione. Potevamo accucciarci in sacrestia, se volevamo, magari scampanare le ore e i funerali con Peppino il sacrestano.Sui giornali avevo letto che addosso a Paolo VI era stato trovato il cilicio. Girava voce che anche Don Mimì ne portasse uno…Un giorno vi parlerò di Don Mimì con qualche virgola e qualche punto inpiù, ma per ora vi basti sapere che il mio parroco era il simulacro delle sofferenze cristiane, la Via Crucis tutto l’anno, uno che aveva casa sul Calvario. Così, che portasse o meno il cilicio era solo un dettaglio trascurabile. Non per me né per Milù, però, che un cilicio non lo avevamo mai visto. La curiosità ci solleticò per un giorno intero. Fosse stato per me, non mi sarei mai permesso, quella cosa neanche la pensavo, non ci avevo animo, ma Milù era pieno di ardimento e aveva pure qualche recente esperienza… Fummo tentati dalla fortuna che quando ci mette il becco è femmina intrigante e consigliera.Quella sera ci trovammo in sacrestia solo io, Milù e Don Mimì. Uno, due e tre! C’era toccato di servir messa e ci si apprestava ad uscire. Don Mimì ci aveva ordinato di controllare se qualche vecchia non s’era addormentata tra gli scranni e s’era allontanato discretamente verso il bagno… Voi non sapete con chi l’abbia concepito sua madre, ma posso assicurarvi che Milù è tale e quale suo padre! Così, con uno sguardo carognesco e adulterino, mi convinse ad andare con lui davanti alla porta del bagno dopo essersi accertato che la spranghetta del saliscendi era entrata nel nasello… Milù aveva occupato tutto il belvedere e con la mano mi faceva gesti, prima di esultanza, poi di prudenza e via via incomprensibili. Dal buco della serratura, priva di chiave, si doveva vedere quanto bastava e anche di più…

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbero interessarti anche:

Related Tags:

Leave a Comment

Della stessa categoria

DELIRI IN SOGNO

Sogni sfuggiti al vinoa sua volta evaso agli annie..in delirio…………. Preti nei campipolitici [Read More]

MERDACCE

Mazzini,Garibaldilungimiranti in dazio alla storiaa ogni brillar d’oro una scoriae avevano [Read More]

DESTRA,SINISTRA,CENTRO

Additi misticidestra,sinistra,centroa vie celestialima con mignotteelette Regine maitressesu foto di lingerienon si va [Read More]

Chiedo Un Dono

  Se tocchi, sentirai la rabbia espandersi come un tuono in piena tempesta Se guardi, vedrai volare via il sogno [Read More]

Il Demonio Licenziato

  Un emozione da non ricordare è una paura da dimenticare Ma se tu vuoi ancor più a fondo scavare [Read More]

Who's Online

  • 0 Members.
  • 5 Guests.

Adv

Newsletter

RSS Il Fatto Quotidiano